ultimora
Public Policy
  • Home » 
  • Archivio » 
  • Riforma popolari, Draghi in campo

Il Governatore all’Abi ribadisce la linea

Riforma popolari, Draghi in campo

Bankitalia chiede rinnovamento al credito cooperativo. La legge in Commissione

di Alessandro D'Amato - 12 luglio 2007

Draghi scende in campo per la riforma delle Popolari. Nel suo intervento all’assemblea dell’Abi, il Governatore della Banca d’Italia è tornato sulla legge che ancora giace in Commissione finanze al Senato, e dove è stata oggetto appena una settimana fa di una dura requisitoria firmata Carlo Fratta Pasini, presidente dell’associazione delle banche popolari. “Non si tratta di fare guerre di ideologia o religione, ma a coloro che ancora privilegiano il mantenimento degli equilibri esistenti non cesserò di ricordare i benefici di una riforma che rimuova, soprattutto per le aziende più grandi e quotate in borsa, le maggiori anomalie di un ordinamento adatto forse a realtà locali di piccola dimensione”, ha detto Draghi, il quale poi ha aggiunto, riferendosi alla responsabilità dei sindacati nella fallita fusione Bpm-Bper, “Occorre interrogarsi sulla conformità alle regole di mercato di meccanismi che consentono a esigue minoranze di condizionare decisioni strategiche per la società”. Ma è in quel “forse” messo davanti alle “realtà locali”, non presente nella stesura originale del discorso presentato ai giornalisti, e aggiunto seduta stante dopo una significativa pausa dal Governatore, che risiede tutta la necessità di prudenza della Banca d’Italia nel rilasciare giudizi contro una realtà che in parlamento trova e ha trovato moltissimi difensori. Soprattutto tra quelli che oggi hanno serrato i ranghi in difesa, e rappresentano uno schieramento trasversale che va dalla sinistra all’Udc passando per la Margherita e arrivando alla Lega.

Ma anche se sulla legge non può intervenire in modo diretto, Draghi è deciso a utilizzare la moral suasion – di cui ha ricordato le funzionalità nella chiusa della sua relazione – su un tema che gli sta particolarmente a cuore. Sul quale è significativo che Faissola, il quale durante la sua relazione ha commentato la gran parte dei provvedimenti legislativi che hanno riguardato le banche nell’ultimo anno, non abbia speso nemmeno una parola. E il Governatore avrà la possibilità di ribadire il concetto anche in Commissione Finanze, dove a metà luglio sarà ascoltato nell’ambito dell’indagine conoscitiva sul mercato del credito.

Già ieri Benvenuto ha voluto offrire una sponda al Governatore, e difendere la sua riforma: “E’ stato svolto un lavoro per modernizzare la governance delle banche popolari in modo condiviso. Le improvvise resistenze emerse vanno pertanto superate”, ha detto il presidente della Commissione, che già nei giorni scorsi aveva accusato la relazione di Fratta Pasini di “reticenza”. E una sponda potrebbe arrivare dall’Antitrust diretto da Antonio Catricalà. Che nella sua indagine conoscitiva sulla corporate governance di banche e assicurazioni, ha già annunciato che riserverà una particolare attenzione alle Popolari e alla ridotta contendibilità “strutturale” del credito cooperativo, derivata dal sistema di voto, così come sui legami d’affari e personali che legano i soggetti finanziatori.

Social feed




documenti

Test

chi siamo

Società Aperta è un movimento d’opinione, nato dall’iniziativa di un gruppo di cittadini, provenienti da esperienze professionali e politiche differenti, animati dalla comune preoccupazione per il progressivo declino dell’Italia, già dal lontano 2003, quando il declino dell’economia, almeno a noi, già era evidente come realtà acquisita. L’intento iniziale era evitare che il declino diventasse strutturale, trasformandosi in decadenza. Oltre a diverse soluzioni economiche, Società Aperta, fin dalla sua costituzione, è stata convinta che l’unico modo per fermare il declino sarebbe stato cominciare a ragionare, senza pregiudizi e logiche di appartenenza, sulle cause profonde della crisi economica italiana e sulle possibili vie d’uscita. Non soluzioni di destra o di sinistra, ma semplici soluzioni. Invece, il nostro Paese è rimasto politicamente paralizzato su un bipolarismo armato e pregiudizievole, che ha contribuito alla paralisi totale del sistema. Fin dal 2003 aspiravamo il superamento della fallimentare Seconda Repubblica, per approdare alla Terza, le cui regole vanno scritte aggiornando i contenuti della Carta Costituzionale e riformulando un patto sociale che reimmagini, modernizzandola, la costituzione materiale del Paese. Questo quotidiano online nasce come spin-off di Società Aperta, con lo scopo di raccogliere riflessioni, analisi e commenti propedeutici al salto di qualità necessario