ultimora
Public Policy
  • Home » 
  • Archivio » 
  • Referendum sul Trattato di Lisbona

Il resto d’Europa lascia i cittadini nel buio

Referendum sul Trattato di Lisbona

L’Irlanda è l’unico paese ad aver affidato a un verdetto popolare il futuro dell’Ue

di Davide Giacalone - 11 giugno 2008

Domani tocca a poco più di quattro milioni d’irlandesi decidere su un trattato riguardante l’Europa, quindi altri ventisei Paesi e quasi cinquecento milioni di cittadini. Almeno, però, in Irlanda si parla del Trattato di Lisbona, che per gli altri europei è un oggetto sconosciuto. L’elettorato sembra diviso in tre parti, più o meno uguali: una favorevole, una contraria e la terza che non sa che pensare. Ciò dimostra che neanche parlandone si riesce a rendere entusiasmante l’Unione Europea, che in questo modo si va costruendo.

Il primo tentativo di dare un assetto normativo unico all’Unione fu lanciato con squilli di fanfare e denominato con l’altisonante termine di “costituzione”. Provvidero, nel 2005, gli elettori francesi ed olandesi a farla fuori. Il 13 dicembre 2007 si firmò, a Lisbona, un trattato meno ambizioso, teso ad assegnare un ruolo meno parolaio al Parlamento Europeo, a dare la possibilità di decidere a maggioranza qualificata nel Consiglio Europeo ed a creare il duplice incarico di presidente e ministro degli esteri europei, talché ci siano degli umani in cui l’Unione possa riconoscersi. Gli irlandesi sono stati gli unici a convocare un referendum popolare, gli altri provvedono con ratifiche parlamentari e lasciando nel buio i cittadini.

L’indecisione del verdetto popolare, ed i riflessi che avrà sull’intero processo, la dice lunga sull’animo odierno di molti europei. Se c’è un Paese, difatti, che s’è giovato dell’apertura, della deregulation, dell’abbattimento fiscale, questo è l’Irlanda. Non solo ha fatto passi da gigante in economia, ma ha anche suturato antiche e dolorose ferite interne. Eppure, oggi, la campagna referendaria si fa sventolando i fantasmi della globalizzazione e facendo pesare il timore della effettivamente gigantesca e costosa burocrazia europea. Il governo sostiene le ragioni del Sì al trattato, e c’è da sperare che vinca, ma per convincere deve puntare sulla paura del ritorno al passato. In pratica si scontrano due paure, due modi opposti di proporre la conservazione del presente. In tutta Europa la politica non riesce ad usare il tempo futuro in chiave positiva e propositiva, mancando idee che lo presentino migliore del passato. Questa è la debolezza di tutti, che i soli irlandesi, quasi gattopardi gaelici, dovranno votare.

Pubblicato su Libero di mercoledì 11 giugno

Social feed




documenti

Test

chi siamo

Società Aperta è un movimento d’opinione, nato dall’iniziativa di un gruppo di cittadini, provenienti da esperienze professionali e politiche differenti, animati dalla comune preoccupazione per il progressivo declino dell’Italia, già dal lontano 2003, quando il declino dell’economia, almeno a noi, già era evidente come realtà acquisita. L’intento iniziale era evitare che il declino diventasse strutturale, trasformandosi in decadenza. Oltre a diverse soluzioni economiche, Società Aperta, fin dalla sua costituzione, è stata convinta che l’unico modo per fermare il declino sarebbe stato cominciare a ragionare, senza pregiudizi e logiche di appartenenza, sulle cause profonde della crisi economica italiana e sulle possibili vie d’uscita. Non soluzioni di destra o di sinistra, ma semplici soluzioni. Invece, il nostro Paese è rimasto politicamente paralizzato su un bipolarismo armato e pregiudizievole, che ha contribuito alla paralisi totale del sistema. Fin dal 2003 aspiravamo il superamento della fallimentare Seconda Repubblica, per approdare alla Terza, le cui regole vanno scritte aggiornando i contenuti della Carta Costituzionale e riformulando un patto sociale che reimmagini, modernizzandola, la costituzione materiale del Paese. Questo quotidiano online nasce come spin-off di Società Aperta, con lo scopo di raccogliere riflessioni, analisi e commenti propedeutici al salto di qualità necessario