ultimora
Public Policy

Un pasticcio frutto dell’incapacità politica

Rai, una poltrona tanto ambita

Ora è aperta la gara a chi trova la peggiore via d’uscita

di Davide Giacalone - 24 novembre 2008

Non so cosa penserebbe Kafka nell’essere affiancato a Villari (il presidente del consiglio ha definito “kafkiana” la vicenda della commissione parlamentare di vigilanza Rai), ma temo che anche il grande praghese avrebbe qualche problema nel rendere ancora più grottesco quel che sta realmente accadendo. Devo fare due premesse: a. penso che agli italiani non gliene freghi nulla; b. ed hanno anche ragione, perché la commissione dovrebbe chiudere sì come anche la Rai.

Il fatto è che questo troppo lungo strazio sta consentendo l’emergere di una fanghiglia che zozza le istituzioni. Mettiamo in ordine i fatti. 1. L’opposizione indica come candidato alla presidenza un parlamentare improponibile e politicamente esecrabile. La maggioranza non è, giustamente, disposta a votarlo, ma quelli tengono duro, come se il più sbagliato fosse anche il loro unico uomo: Leoluca Orlando Cascio. 2. Dopo un tira e molla tanto estenuante quanto inutile, con il capo del maggiore partito d’opposizione che non riesce a spiccicarsi dal ricatto di un alleato infedele e sopraffattore, la maggioranza decide di votare un diverso esponente dell’opposizione: Riccardo Villari. 3. E’ chiaro che su di lui c’è un accordo trasversale, che comprende una parte dell’opposizione, e, cosa assai importante, viene scelto quel senatore proprio perché assicura che non si dimetterà.

4. I capi dei due partiti d’opposizione insorgono. Non saprei dire quanto Veltroni lo abbia fatto sinceramente. Ma è un fatto che il ricatto regge ed il Pd non riesce ad essere autonomo dall’Idv. Così si cerca una via d’uscita, individuata in Sergio Zavoli. 5. Non mi permetto critiche alla persona, che non le merita, ma osservo che: i. ha ottantacinque anni; ii. è stato dipendente e presidente della Rai; iii. non è neanche membro della commissione. 6. In altre parole: è in pieno conflitto d’interessi, non è eleggibile e nessuno ha mai sentito una sua parola programmatica. 7. Dato che Villari non si dimette, così come aveva promesso, capita che da tutte le parti è sollecitato in tal senso. 8. Tanto che si arriva all’abominio di governanti e capi partito che apertamente reclamano la cacciata del presidente di una bicamerale di garanzia.

E questa è una roba pazzesca, un precedente pericolosissimo, un segnale di quanto difetti il senso delle istituzioni. Concludendo: questo macello è frutto dell’incapacità politica, bastando, per evitarlo, che l’opposizione non s’incaponisse nell’errore e la maggioranza non procedesse all’elezione. Ora è aperta la gara a chi trova la peggiore via d’uscita.

Social feed




documenti

Test

chi siamo

Società Aperta è un movimento d’opinione, nato dall’iniziativa di un gruppo di cittadini, provenienti da esperienze professionali e politiche differenti, animati dalla comune preoccupazione per il progressivo declino dell’Italia, già dal lontano 2003, quando il declino dell’economia, almeno a noi, già era evidente come realtà acquisita. L’intento iniziale era evitare che il declino diventasse strutturale, trasformandosi in decadenza. Oltre a diverse soluzioni economiche, Società Aperta, fin dalla sua costituzione, è stata convinta che l’unico modo per fermare il declino sarebbe stato cominciare a ragionare, senza pregiudizi e logiche di appartenenza, sulle cause profonde della crisi economica italiana e sulle possibili vie d’uscita. Non soluzioni di destra o di sinistra, ma semplici soluzioni. Invece, il nostro Paese è rimasto politicamente paralizzato su un bipolarismo armato e pregiudizievole, che ha contribuito alla paralisi totale del sistema. Fin dal 2003 aspiravamo il superamento della fallimentare Seconda Repubblica, per approdare alla Terza, le cui regole vanno scritte aggiornando i contenuti della Carta Costituzionale e riformulando un patto sociale che reimmagini, modernizzandola, la costituzione materiale del Paese. Questo quotidiano online nasce come spin-off di Società Aperta, con lo scopo di raccogliere riflessioni, analisi e commenti propedeutici al salto di qualità necessario