ultimora
Public Policy
  • Home » 
  • Archivio » 
  • Rai: al peggio non c’è mai fine

Un Paese di vecchi inchiodato al passato

Rai: al peggio non c’è mai fine

Si è riaperta la danza delle nomine interne per la corsa alla stanza degli affari

di Davide Giacalone - 20 novembre 2008

Siamo sempre di più un Paese vecchio, pieno di vecchi che non se ne vanno mai, pronti a farci rivivere all’infinito i loro immutabili conflitti. Un Paese inchiodato al passato, che ce la mette tutta per soffocare ogni abusiva allusione al futuro. Già l’idea di portare alla commissione parlamentare di vigilanza chi è stato presidente della Rai è di quelle che dimostrano l’inesistenza di anticorpi politici, di agenti civili. E festeggiamo anche, perché s’è sventato l’abominio di piazzarci Orlando Cascio. Al peggio, com’è noto, non c’è fine. Però ci mettiamo chi ha ottantacinque anni, è parlamentare da tre legislature, senza che neanche gli addetti ai lavori se ne siano accorti, e porta come progetto futuro il proprio lontano passato. E’ una lapide sulla politica. Un invito all’espatrio per chi non sia ancora in grado d’accedere all’ospizio del potere.

Negli Stati Uniti Clinton scriveva le memorie a cinquantacinque anni. Da noi fino a venti sei un adolescente. Dai venti ai quaranta fai in tempo a finire gli studi, con calma, e mettere su una famiglia facendoti mantenere dalla pensione del nonno. Tra i quaranta ed i sessanta, se sei intraprendente, puoi scrivere le memorie e raccontare gli anni gloriosi delle lotte studentesche, che non hanno portato ad alcun miglioramento della scuola, ma hanno propiziato del sesso fantasioso. Dopo i sessanta, ed a patto che i più anziani si decidano a crepare, puoi debuttare nel mondo del potere. Dove, una volta insediato, ti circonderai di mediocri baciaterga, talché non cerchino di soffiarti il posto.

Di affrontare i problemi veri, non se ne parla. Il tema che ci ha agitato per settimane ha, in fondo, una soluzione semplice: si sbaracca e vende la Rai, che non è un servizio pubblico da decenni, e si chiude la commissione di vigilanza, utile solo a spartirsi ballerine e giornalisti, con pari impegno culturale. Invece si converge sul passato, e lo si illustra con foto di venti o trenta anni fa, dove sempre gli stessi si mostrano con immutabile saccenteria. Si ripristina il dialogo, per avviare la danza delle nomine interne, riaprendo l’unica cosa che interessa: la stanza degli affari. Zavoli dirà parole sagge, ponderate, che arrivano dall’esperienza e dal passato, per approdare alla riva cui sono destinate: l’inutilità.

Social feed




documenti

Test

chi siamo

Società Aperta è un movimento d’opinione, nato dall’iniziativa di un gruppo di cittadini, provenienti da esperienze professionali e politiche differenti, animati dalla comune preoccupazione per il progressivo declino dell’Italia, già dal lontano 2003, quando il declino dell’economia, almeno a noi, già era evidente come realtà acquisita. L’intento iniziale era evitare che il declino diventasse strutturale, trasformandosi in decadenza. Oltre a diverse soluzioni economiche, Società Aperta, fin dalla sua costituzione, è stata convinta che l’unico modo per fermare il declino sarebbe stato cominciare a ragionare, senza pregiudizi e logiche di appartenenza, sulle cause profonde della crisi economica italiana e sulle possibili vie d’uscita. Non soluzioni di destra o di sinistra, ma semplici soluzioni. Invece, il nostro Paese è rimasto politicamente paralizzato su un bipolarismo armato e pregiudizievole, che ha contribuito alla paralisi totale del sistema. Fin dal 2003 aspiravamo il superamento della fallimentare Seconda Repubblica, per approdare alla Terza, le cui regole vanno scritte aggiornando i contenuti della Carta Costituzionale e riformulando un patto sociale che reimmagini, modernizzandola, la costituzione materiale del Paese. Questo quotidiano online nasce come spin-off di Società Aperta, con lo scopo di raccogliere riflessioni, analisi e commenti propedeutici al salto di qualità necessario