ultimora
Public Policy
  • Home » 
  • Archivio » 
  • Quella del declino è solo una retorica?

Le magnifiche sorti e progressive italiane

Quella del declino è solo una retorica?

Monorchio, Tivelli e la ricerca dell’<i>Economist</i>: c’è davvero da essere ottimisti?

di Alessandro D'Amato - 17 ottobre 2005

Secondo Monorchio e Tivelli, la ricerca sulla competitività dell’Economist Intelligence Unit elaborata per Business International va contro la cosiddetta “retorica del declino” sull’Italia. In un corsivo sul Messaggero i due illustri docenti di economia pubblica parlano di “campanelli d’allarme” che suonano troppo spesso, senza che si riesca a udire anche i suoni più cristallini. Anche se gli indicatori sono negativi, insomma, i ricercatori dell’Economist prevedono che l’Italia risalirà la classifica. “Dei 12 fattori presi in considerazione nella ricerca, quelli che segnalano il punteggio più basso sono il fisco e le opportunità di mercato. Al primo posto tra le palle al piede c’è l’efficacia politica […] che è destinata a passare secondo l’analisi a un punteggio di 5,90 nel 2006-2010, con una performance di 1,1 punti in più”, dicono Monorchio e Tivelli. Anche le politiche per l’impresa e la concorrenza migliorerebbero nel prossimo quinquennio. “Tutto questo significa che, pur tra i vincoli europei e la stagnazione economica, in questi anni si sono gettati alcun semi destinati a produrre germogli incoraggianti”. E molti passi positivi nell’e-government non sono nemmeno contemplati nella ricerca. Insomma anche se nella speciale classifica dell’Economist l’Italia è scesa dal 23° al 31° posto, ci sarebbe da essere ottimisti e da smetterla di parlare di declino.

Ma forse, tanto per dirne una, nella ricerca di Business International sull’efficacia politica e sul suo supposto miglioramento non è compreso il cambio di sistema elettorale, che, secondo la maggior parte dei commentatori, è destinato ad aumentare la frammentazione politica e a rendere di sicuro più tortuoso il processo decisionale.

Oppure, per dirne un’altra, l’Economist, forse nella ricerca non ha contemplato nemmeno i dati Istat sulla povertà. I quali ci dicono che aumenta di quasi un punto la percentuale di famiglie povere, si aggrava il divario Nord-Sud e i consumi sono depressi. Se è vero, poi, che nel fisco statale in futuro la condizione migliorerà, questo probabilmente si ripercuoterà sulle tasse e le tariffe regionali. Di tutto questo si è tenuto conto?

Il report di Efn-Euroframe (il network che riunisce i dieci maggiori istituti di analisi economiche del Vecchio Continente), poi, parla di un’Europa che paga caro il rialzo del petrolio, riducendo le previsioni di crescita del 2005 di almeno 2 o 3 decimali di punto percentuale. In tutto questo, l’Italia è destinata ad accentuare il suo distacco dalla Ue, dopo che per un certo periodo era riuscita – grazie alla comune stagnazione, non certo per virtù – a mantenersi non distante dalla media europea. Ma quel che è più grave è che il distacco è destinato a mantenersi anche nei prossimi due anni, nonostante la tanto sbandierata “ripresina” (che, a quanto pare, ci farà solo uscire dalla recessione per riportarci nella precedente condizioni stagnativa). E che l’Italia stessa chiuderà il periodo 2001-2007 con una crescita complessiva del 5,7%, che una media annuale dello 0,8%. Per sette anni di seguito.

Ancora: la tanto sbandierata miniripresina del Pil sembra, più che uno sprint di fine anno, un “rimbalzo” tecnico dopo i due trimestri consecutivi con il segno meno. Oppure, come hanno detto illustri commentatori, è dovuto più a una ripresa generale dell’economia europea, che traina quella italiana. L’Economist dice di essere ottimisti per il futuro, e nessuno si sente di dargli torto. Ma

il declino non è un’invenzione. Stiamo perdendo la partita della competizione globale, e più tardi se ne prenderà atto e tanto più alto sarà il prezzo da pagare. Essere felici per qualche dato tendenzialmente positivo equivale ad esultare dopo aver segnato il goal della bandiera.

Social feed




documenti

Test

chi siamo

Società Aperta è un movimento d’opinione, nato dall’iniziativa di un gruppo di cittadini, provenienti da esperienze professionali e politiche differenti, animati dalla comune preoccupazione per il progressivo declino dell’Italia, già dal lontano 2003, quando il declino dell’economia, almeno a noi, già era evidente come realtà acquisita. L’intento iniziale era evitare che il declino diventasse strutturale, trasformandosi in decadenza. Oltre a diverse soluzioni economiche, Società Aperta, fin dalla sua costituzione, è stata convinta che l’unico modo per fermare il declino sarebbe stato cominciare a ragionare, senza pregiudizi e logiche di appartenenza, sulle cause profonde della crisi economica italiana e sulle possibili vie d’uscita. Non soluzioni di destra o di sinistra, ma semplici soluzioni. Invece, il nostro Paese è rimasto politicamente paralizzato su un bipolarismo armato e pregiudizievole, che ha contribuito alla paralisi totale del sistema. Fin dal 2003 aspiravamo il superamento della fallimentare Seconda Repubblica, per approdare alla Terza, le cui regole vanno scritte aggiornando i contenuti della Carta Costituzionale e riformulando un patto sociale che reimmagini, modernizzandola, la costituzione materiale del Paese. Questo quotidiano online nasce come spin-off di Società Aperta, con lo scopo di raccogliere riflessioni, analisi e commenti propedeutici al salto di qualità necessario