ultimora
Public Policy

Dati fiscali 2006: un diluvio di ipocrisia

Quando l’evasione è endemica

Un paese cattocomunista con un popolo di accattoni nemico di lavoro e ricchezza

di Davide Giacalone - 14 aprile 2009

Rincorrendo le notizie si cancella la riflessione, ci si finge aggiornati, in realtà si è superficiali. Voglio tornare al diluvio d’ipocrisia che ha accompagnato la pubblicazione dei dati fiscali relativi al 2006. Terribili, perché gli italiani votano, talora, per quelli che sostengono sia bello pagare le tasse, i quali, però, lasciano intatta l’evasione fiscale, e, talaltra, per quelli che promettono di abbassare le tasse, e quando va bene non le alzano. E’ il pendolo elettorale della presa in giro.

L’evasione è endemica, non risparmiando neanche quanti hanno un reddito da lavoro dipendente, perché su quello non scappano, ma arrotondano sul resto (esempio: insegnante che fa lezioni private). Siccome d’evasione sono, per definizione, imputati autonomi, professionisti e benestanti in genere, si finisce con il prendere a pesci in faccia quel drappello d’onesti che paga per tutti. Tattica incresciosa che serve per non dire quel che è evidente: le nostre tasse sono da rapina ed in cambio riceviamo servizi da miserabili. Ci sono interi settori il cui vantaggio competitivo è l’evasione, se rientrassero alle aliquote vigenti schianterebbero, allora si chiudono tre occhi su due, con il risultato che fette di economia e territorio escono dal controllo dello Stato ed entrano sotto quello della criminalità.

Le tasse vanno abbassate, così come deve scendere la spesa pubblica. Sento già i gridolini inorriditi di quelli che invocano Keynes come padre, ed invece sono bastardi profittatori. Il grande economista inglese, chiamato, da chi non lo ha mai letto, a simbolo della spesa pubblica, pensava ad un’aliquota massima del 25%. I keynesiani siamo noi, che vogliamo tagliare le tasse e non abbiamo confuso lo Stato sociale con quello assistenziale, la solidarietà con il clientelismo.

Purtroppo, però, questo è un discorso serio, etico e liberale, mentre il nostro è un Paese cattocomunista, senza gran distinzione di schieramenti, quindi interessato ai proclami distributivi, all’elemosina spesata da altri, alla doppia morale che concilia sermoni pubblici e furbizia privata, che non crede in quel che dice e considera la bugia un diritto civile. Quello fiscale, ne è il ritratto: un popolo di accattoni che vanno a vela, gonfio di soldi sommersi, ma nemico di lavoro e ricchezza.

Pubblicato da Libero di martedì 14 aprile 2009

Social feed




documenti

Test

chi siamo

Società Aperta è un movimento d’opinione, nato dall’iniziativa di un gruppo di cittadini, provenienti da esperienze professionali e politiche differenti, animati dalla comune preoccupazione per il progressivo declino dell’Italia, già dal lontano 2003, quando il declino dell’economia, almeno a noi, già era evidente come realtà acquisita. L’intento iniziale era evitare che il declino diventasse strutturale, trasformandosi in decadenza. Oltre a diverse soluzioni economiche, Società Aperta, fin dalla sua costituzione, è stata convinta che l’unico modo per fermare il declino sarebbe stato cominciare a ragionare, senza pregiudizi e logiche di appartenenza, sulle cause profonde della crisi economica italiana e sulle possibili vie d’uscita. Non soluzioni di destra o di sinistra, ma semplici soluzioni. Invece, il nostro Paese è rimasto politicamente paralizzato su un bipolarismo armato e pregiudizievole, che ha contribuito alla paralisi totale del sistema. Fin dal 2003 aspiravamo il superamento della fallimentare Seconda Repubblica, per approdare alla Terza, le cui regole vanno scritte aggiornando i contenuti della Carta Costituzionale e riformulando un patto sociale che reimmagini, modernizzandola, la costituzione materiale del Paese. Questo quotidiano online nasce come spin-off di Società Aperta, con lo scopo di raccogliere riflessioni, analisi e commenti propedeutici al salto di qualità necessario