ultimora
Public Policy
  • Home » 
  • Archivio » 
  • Profumo, un banchiere rivoluzionario

Cosa vuol dire "essere di sinistra"?

Profumo, un banchiere rivoluzionario

Attenti a non cadere nelle sterili contraddizioni

di Marco Scotti - 30 settembre 2010

Leggo con malcelata desolazione le risposte al bell"editoriale che Valentino Parlato ha pubblicato su Il Manifesto il 22 settembre scorso. All"indomani delle dimissioni ("obbligate") di Alessandro Profumo da ad di Unicredit, il direttore del Manifesto ha voluto concentrare le proprie attenzioni sul profilo politico di un uomo che, non dimentichiamolo, dalla politica è stato fatto fuori. Già perchè se Profumo fosse stato dimissionato per gli scadenti risultati, la cosa si sarebbe consumata ben prima, diciamo un anno fa.

Invece, guarda caso, Profumo viene estromesso dal suo incarico poco dopo le dichiarazioni di guerra della Lega, che dice di (testuale) "voler mettere i propri amici" nelle Fondazioni bancarie che grande potere detengono all"interno del cda Unicredit. E poi la scalata libica, definita dai verdoni "ostile" (ma ostile a chi?), sembra non sia stata fatta dagli stessi personaggi che il premier ha definito "amici privilegiati" dell"Italia all"inizio di settembre. Parlato, comunque, definisce Profumo un banchiere di sinistra. E certo, il termine può sembrare un po" un ossimoro. Ma usciamo, una volta per tutte, dalla contraddizione che i soldi sono il male, che chi detiene potere è "il padrone". Perchè questo è determinismo stupido, che riesce a nascondere malamente un"invidia radicata.

Alessandro Profumo non è un simpaticone e, sicuramente, non è l"uomo che risolleverà le sorti della sinistra. Ma, tanto per cominciare, accordiamoci sul termine "di sinistra": se esserlo significa essere rivoluzionari, io penso che forse neanche Che Guevara lo è stato. Se, invece, si intende una vocazione democratica, che rivolge le proprie attenzioni anche verso chi è in difficoltà (2 milioni di euro della liquidazione andranno a Don Colmegna e alla sua organizzazione), allora Profumo può essere di sinistra, così come possono esserlo tanti altri.

Mi si dirà: un uomo che guadagna cifre da capogiro e che viene liquidato con 40 milioni non è etichettabile come di sinistra. Quindi, ancora una volta, ritorna l"errore di fondo: chi ha i soldi è, necessariamente, di destra. Un po" come le critiche piovute addosso a Bertinotti per i suoi cachemire e a D"Alema per la barca.

E finché a cadere nelle contraddizioni sono quelli dall"altra parte della barricata va benissimo, tanto peggio per loro, ma che persone che si definiscono di sinistra ragionino così è avvilente. Intanto si è perso il contatto con le fabbriche da un lato e con la finanza dall"altro. E, in entrambi i casi, si è stati soppiantati da chi? Esatto, proprio dalla Lega.

Social feed




documenti

Test

chi siamo

Società Aperta è un movimento d’opinione, nato dall’iniziativa di un gruppo di cittadini, provenienti da esperienze professionali e politiche differenti, animati dalla comune preoccupazione per il progressivo declino dell’Italia, già dal lontano 2003, quando il declino dell’economia, almeno a noi, già era evidente come realtà acquisita. L’intento iniziale era evitare che il declino diventasse strutturale, trasformandosi in decadenza. Oltre a diverse soluzioni economiche, Società Aperta, fin dalla sua costituzione, è stata convinta che l’unico modo per fermare il declino sarebbe stato cominciare a ragionare, senza pregiudizi e logiche di appartenenza, sulle cause profonde della crisi economica italiana e sulle possibili vie d’uscita. Non soluzioni di destra o di sinistra, ma semplici soluzioni. Invece, il nostro Paese è rimasto politicamente paralizzato su un bipolarismo armato e pregiudizievole, che ha contribuito alla paralisi totale del sistema. Fin dal 2003 aspiravamo il superamento della fallimentare Seconda Repubblica, per approdare alla Terza, le cui regole vanno scritte aggiornando i contenuti della Carta Costituzionale e riformulando un patto sociale che reimmagini, modernizzandola, la costituzione materiale del Paese. Questo quotidiano online nasce come spin-off di Società Aperta, con lo scopo di raccogliere riflessioni, analisi e commenti propedeutici al salto di qualità necessario