ultimora
Public Policy
  • Home » 
  • Archivio » 
  • Pressioni sulla Bce per tagliare i tassi

In Svezia già abbassato il costo del denaro

Pressioni sulla Bce per tagliare i tassi

Poco probabile, però, che Francoforte cambi nei prossimi giorni la propria politica

di Andrea Marini - 22 giugno 2005

La Banca centrale svedese ha effettuato un taglio aggressivo e inatteso dei tassi di interesse (dal 2% all’1,5%), e già i politici europei, assetati come sono di liquidi per rilanciare le proprie abuliche economie, chiedono una mossa simile da parte della Bce. Fiato sprecato.

Sebbene Jean-Claude Trichet, il presidente della Banca centrale europea, non abbia escluso un abbassamento del costo del denaro se la ripresa dell’economia dell’Ue non si verificherà entro la fine dell’anno, è poco probabile che da Francoforte arrivino buone notizie.

L’obiettivo principale della Banca centrale europea, come messo nero su bianco nel suo statuto, è quello di mantenere il tasso di inflazione dell’eurozona “sotto ma vicino al 2%”. Mentre a maggio tale valore in Svezia è stato dello 0,2%, quello medio dell’area dell’euro oscilla ancora intorno al 2 per cento. Inoltre, il mix di svalutazione della moneta unica e aumento del prezzo del petrolio lascia intravedere per la Bce tempi duri.

Come se ciò non bastasse, l’area dell’euro non è ancora perfettamente omogenea dal punto di vista economico, e quindi Trichet deve fare i conti con i differenti tassi di inflazione degli Stati membri. Da una parte c’è sì la Finlandia con un aumento dei prezzi a maggio dello 0,8 per cento, ma c’è anche la Spagna con un +3,1 per cento. Se venissero abbassati i tassi di interesse, i paesi che hanno già una crescita dei prezzi superiore alla media europea ne soffrirebbero, a causa soprattutto di un aumento del costo di rifinanziamento dei debiti pubblici.

La Bce, infine, non ha mai nascosto il proprio disappunto per la modifica (cioè l’annacquamento), il 20 marzo scorso, del Patto di stabilità e crescita. La previsione di “attenuanti” nell’esame delle situazioni fiscali degli Stati membri e un allungamento dei tempi previsti per la correzione dei loro disavanzi eccessivi sono per Francoforte un rischio per la stabilità dei prezzi. Fino a quando i conti pubblici delle più grandi economie del continente non saranno in ordine, la Banca centrale europea sarà sempre riluttante a ridurre il costo del denaro.

I politici dell’Ue, invece di aspettare poco probabili buone notizie da Francoforte, per rilanciare le loro economie farebbero meglio a contare solo sulle loro forze, attuando finalmente le riforme strutturali di cui l’Europa ha bisogno.



Social feed




documenti

Test

chi siamo

Società Aperta è un movimento d’opinione, nato dall’iniziativa di un gruppo di cittadini, provenienti da esperienze professionali e politiche differenti, animati dalla comune preoccupazione per il progressivo declino dell’Italia, già dal lontano 2003, quando il declino dell’economia, almeno a noi, già era evidente come realtà acquisita. L’intento iniziale era evitare che il declino diventasse strutturale, trasformandosi in decadenza. Oltre a diverse soluzioni economiche, Società Aperta, fin dalla sua costituzione, è stata convinta che l’unico modo per fermare il declino sarebbe stato cominciare a ragionare, senza pregiudizi e logiche di appartenenza, sulle cause profonde della crisi economica italiana e sulle possibili vie d’uscita. Non soluzioni di destra o di sinistra, ma semplici soluzioni. Invece, il nostro Paese è rimasto politicamente paralizzato su un bipolarismo armato e pregiudizievole, che ha contribuito alla paralisi totale del sistema. Fin dal 2003 aspiravamo il superamento della fallimentare Seconda Repubblica, per approdare alla Terza, le cui regole vanno scritte aggiornando i contenuti della Carta Costituzionale e riformulando un patto sociale che reimmagini, modernizzandola, la costituzione materiale del Paese. Questo quotidiano online nasce come spin-off di Società Aperta, con lo scopo di raccogliere riflessioni, analisi e commenti propedeutici al salto di qualità necessario