ultimora
Public Policy
  • Home » 
  • Archivio » 
  • Più fermezza, meno peso politico

Prime riflessioni su Papa Ratzinger

Più fermezza, meno peso politico

Benedetto XVI sarà la guida dei cattolici, ma gli sarà difficile rivolgersi al resto del mondo

di Davide Giacalone - 20 aprile 2005

Joseph Ratzinger è il nuovo papa, con il nome di Benedetto XVI. Custode della fede cattolica, profondo conoscitore e difensore dei suoi dogmi. E’ descritto come un rappresentante e continuatore della tradizione ecclesiastica, non certo un debole nei confronti delle novità dei tempi. Eppure, quando fu giovane consulente del Concilio Vaticano secondo, era criticato per il suo eccessivo progressismo. Sarà un papato nel segno e nel solco di quello che fu di Wojtyla, per quanto le cose della storia e della cronaca lasciano prevedere. Il papa polacco fu moderno nell’uso dei mezzi di comunicazione di massa, ma alla modernità, intesa come insieme di costumi e convinzioni, non concesse nulla. Durante il suo pontificato Ratzinger era preposto alla Congregazione della dottrina e della fede (in tempi lontani, e non felici, si chiamava Santa Inquisizione). E’ normale che non si discosti da quell’esperienza. Il che significa che non saranno gli anni di Benedetto XVI quelli destinati ad una rimeditazione su temi come il ruolo delle donne o il controllo delle nascite e la politica demografica, insisterà sulle radici cristiane dell’Europa, continuando a confondere laicità con relativismo. Sarà la guida dei cattolici, non gli sarà facile rivolgersi a quanti non si riconoscono in quella fede. Il suo peso politico sarà lieve. Benedetto XV, immediato predecessore con quel nome, fu fiero avversario della guerra (la prima guerra mondiale, da lui definita ³l’inutile strage²), ma lo fu anche del modernismo. Fu scrupoloso, grazie anche alla sua formazione diplomatica, nel mantenersi neutrale, ma inglesi e francesi lo accusarono d’essere vicino alla Germania (la patria di Ratzinger) che gli aveva promesso, in caso di vittoria, di restituire Roma al Vaticano. Le cose andarono diversamente, e furono proprio italiani ed inglesi, in quella circostanza, a negare l’accesso del Vaticano alla Società delle Nazioni, dalla quale sarebbe nata l’Onu, ed un ruolo nei negoziati di pace. Ma il giuoco dei paralleli storici finisce qui. Anzi, no, c’è da ricordare che Benedetto XV fu favorevole alla nascita, nel 1919, sotto l’impulso di don Luigi Sturzo, del Partito Popolare, antenato della futura Democrazia Cristiana. Ma il primo papa nuovo del terzo millennio avrà queste cose alle spalle e, semmai, dirigerà verso est e verso l’America Latina, le sue più premurose attenzioni.

Social feed




documenti

Test

chi siamo

Società Aperta è un movimento d’opinione, nato dall’iniziativa di un gruppo di cittadini, provenienti da esperienze professionali e politiche differenti, animati dalla comune preoccupazione per il progressivo declino dell’Italia, già dal lontano 2003, quando il declino dell’economia, almeno a noi, già era evidente come realtà acquisita. L’intento iniziale era evitare che il declino diventasse strutturale, trasformandosi in decadenza. Oltre a diverse soluzioni economiche, Società Aperta, fin dalla sua costituzione, è stata convinta che l’unico modo per fermare il declino sarebbe stato cominciare a ragionare, senza pregiudizi e logiche di appartenenza, sulle cause profonde della crisi economica italiana e sulle possibili vie d’uscita. Non soluzioni di destra o di sinistra, ma semplici soluzioni. Invece, il nostro Paese è rimasto politicamente paralizzato su un bipolarismo armato e pregiudizievole, che ha contribuito alla paralisi totale del sistema. Fin dal 2003 aspiravamo il superamento della fallimentare Seconda Repubblica, per approdare alla Terza, le cui regole vanno scritte aggiornando i contenuti della Carta Costituzionale e riformulando un patto sociale che reimmagini, modernizzandola, la costituzione materiale del Paese. Questo quotidiano online nasce come spin-off di Società Aperta, con lo scopo di raccogliere riflessioni, analisi e commenti propedeutici al salto di qualità necessario