ultimora
Public Policy
  • Home » 
  • Archivio » 
  • Perché lo Stato sacrifica la radio

A margine della sentenza sull'elettrosmog

Perché lo Stato sacrifica la radio

L'emittente vaticana può avere torto o ragione, ma il vero problema, per tutti, è il passaggio alle emissioni digitali

di Davide Giacalone - 10 maggio 2005

Due prelati, dirigenti di Radio Vaticana, sono stati condannati, in sede penale, seppur con pena lieve, per inquinamento elettromagnetico. Anzi, no, siccome quel reato non esiste nel nostro codice, sono stati condannati per “getto pericoloso di cose”. Le “cose”, appunto, sarebbero le onde della loro radio.

Non entro nel merito del processo, la cui sentenza non è definitiva e che i due condannati contestano vivacemente, segnalo, semmai, la singolare inversione delle parti: il Vaticano si appella alla scienza, sostenendo che le potenze d’emissione non nocive sono ben superiori a quelle consentite dalla legge italiana; lo Stato, con le sue leggi, preferisce attestarsi sul sicuro, mostrandosi più prudente, o più timoroso, innanzi allo spettro (ora ci vuole) elettromagnetico. Curioso.

La cosa più interessante è domandarsi: ma si può fare radio utilizzando impianti a più bassa potenza d’emissione? La risposta non solo è affermativa, ma, addirittura, si possono ottenere risultati migliori, in termini di qualità del segnale, con potenze inferiori, e, questo, grazie al Dab, la radio digitale. Però c’è un problema: in Italia il governo fa di tutto per ostacolare il Dab. A dispetto delle leggi italiane, che diconono di voler promuovere il diffondersi di quella tecnologia, il governo si mette di traverso. Perché?

Presto detto. Il Dab dovrebbe realizzarsi in uno spazio radioelettrico (il canale 12) oggi utilizzato dalla televisione Rai. E siccome lo Stato non riesce a far rispettare le proprie leggi neanche quando si tratta di sloggiare se stesso, ecco che si preferisce inventar problemi, fare cause, estenuare gli editori con pastoie burocratiche e trucchetti di second’ordine.

Poi c’è una seconda ragione, un altro spettro che s’aggira per l’Italia: il governo spende soldi pubblici e dedica gradi attenzioni allo sviluppo della televisione digitale terrestre, inseguendo l’impegno, incautamente sancito per legge, di spegnere il segnale analogico entro la fine dell’anno prossimo. A questo obiettivo sacrifica tutto. Ma non sacrifica solo le radio, sacrifica anche la logica ed il buon senso, perché entro quella data non succederà nulla, non ci sarà alcun passaggio definitivo, e lo spettro del digitale comincerà a disturbare i sonni di quanti, oggi, fanno finta di non sapere e non vedere.

A quel punto chiederanno aiuto al Vaticano, acciocché invii un esorcista.

Social feed




documenti

Test

chi siamo

Società Aperta è un movimento d’opinione, nato dall’iniziativa di un gruppo di cittadini, provenienti da esperienze professionali e politiche differenti, animati dalla comune preoccupazione per il progressivo declino dell’Italia, già dal lontano 2003, quando il declino dell’economia, almeno a noi, già era evidente come realtà acquisita. L’intento iniziale era evitare che il declino diventasse strutturale, trasformandosi in decadenza. Oltre a diverse soluzioni economiche, Società Aperta, fin dalla sua costituzione, è stata convinta che l’unico modo per fermare il declino sarebbe stato cominciare a ragionare, senza pregiudizi e logiche di appartenenza, sulle cause profonde della crisi economica italiana e sulle possibili vie d’uscita. Non soluzioni di destra o di sinistra, ma semplici soluzioni. Invece, il nostro Paese è rimasto politicamente paralizzato su un bipolarismo armato e pregiudizievole, che ha contribuito alla paralisi totale del sistema. Fin dal 2003 aspiravamo il superamento della fallimentare Seconda Repubblica, per approdare alla Terza, le cui regole vanno scritte aggiornando i contenuti della Carta Costituzionale e riformulando un patto sociale che reimmagini, modernizzandola, la costituzione materiale del Paese. Questo quotidiano online nasce come spin-off di Società Aperta, con lo scopo di raccogliere riflessioni, analisi e commenti propedeutici al salto di qualità necessario