ultimora
Public Policy

Usciamo dal modello cineforum e figurine Panini

Per una nuova sinistra

È ora di guardare al patrimonio culturale e politico della sinistra democratica

di Davide Giacalone - 19 febbraio 2009

La sinistra ha un grande futuro, se la pianta d’essere un avanzo del passato. Quando Veltroni fu portato alla segreteria del partito democratico, scrissi che era l’ultimo comunista incaricato di salvare il salvabile di una storia vergognosa. Missione fallita, e, del resto, impossibile. Si è dimesso usando le parole di un film di Moretti (molto bello). Solo che le pronunciava un prete, davanti ad una torta. Quelle parole sono la cifra di una cultura, direi dell’antropologia di una classe dirigente viziata ed impreparata, mantenuta e non coltivata. Pensateci: continuano a ripetere di volere rappresentare i lavoratori, ma loro non hanno lavorato un solo giorno della vita, sono nati, cresciuti, pasciuti ed andati in pensione (perché sono già pensionati) a spese degli altri.

Nella storia del comunismo italiano c’è anche la passione di tanta brava gente, di molti che hanno veramente creduto fosse la formula del bene e del giusto, del riscatto del lavoro, dell’aspirazione ad un’internazionale di pace. Chi li capeggiava era corrotto fino al midollo, e non solo perché prendeva soldi frutto di tangenti (anche), ma perché sapeva quanto questo fosse falso. La sinistra ha provato a traghettare quel “popolo” in una terra nuova, dove il passato diveniva bello e rimpianto, mentre il presente si legittima sperando di mandare in galera quelli dell’altro fronte, accusandoli d’immoralità. Roba da psichiatria.

Veltroni ha colpe enormi, a cominciare dal giorno in cui accettò la falsa elezione delle false primarie. Tutta roba qui scritta e prevista, per tempo. Se i suoi oppositori e successori continueranno ad essere comunisti (alla Bersani) o democristiani (alla Franceschini), Berlusconi non avrà rivali in Parlamento, ma solo negli interessi costituiti. Se, invece, guarderanno al patrimonio culturale e politico della sinistra democratica, per ciò stesso anticomunista, allora vedremo nascere, finalmente, una sinistra occidentale e di governo. Si chiuderà una piaga aperta già con la Resistenza e dalla fine della guerra, con l’influenza sovietica sulle cose di casa nostra. Quel che occorre loro, oggi, non è il coraggio, perché sono al disfacimento. Basta un pizzico d’orrore per se stessi, che era roba di Petrolini, quindi fuori dal raggio culturale modello cineforum e figurine Panini.

Pubblicato su Libero di giovedì 19 febbraio

Social feed




documenti

Test

chi siamo

Società Aperta è un movimento d’opinione, nato dall’iniziativa di un gruppo di cittadini, provenienti da esperienze professionali e politiche differenti, animati dalla comune preoccupazione per il progressivo declino dell’Italia, già dal lontano 2003, quando il declino dell’economia, almeno a noi, già era evidente come realtà acquisita. L’intento iniziale era evitare che il declino diventasse strutturale, trasformandosi in decadenza. Oltre a diverse soluzioni economiche, Società Aperta, fin dalla sua costituzione, è stata convinta che l’unico modo per fermare il declino sarebbe stato cominciare a ragionare, senza pregiudizi e logiche di appartenenza, sulle cause profonde della crisi economica italiana e sulle possibili vie d’uscita. Non soluzioni di destra o di sinistra, ma semplici soluzioni. Invece, il nostro Paese è rimasto politicamente paralizzato su un bipolarismo armato e pregiudizievole, che ha contribuito alla paralisi totale del sistema. Fin dal 2003 aspiravamo il superamento della fallimentare Seconda Repubblica, per approdare alla Terza, le cui regole vanno scritte aggiornando i contenuti della Carta Costituzionale e riformulando un patto sociale che reimmagini, modernizzandola, la costituzione materiale del Paese. Questo quotidiano online nasce come spin-off di Società Aperta, con lo scopo di raccogliere riflessioni, analisi e commenti propedeutici al salto di qualità necessario