ultimora
Public Policy
  • Home » 
  • Archivio » 
  • Per un ambientalismo lungimirante

Nessuna nostalgia per baracche e paludi

Per un ambientalismo lungimirante

Non si possono sottovalutare le proteste in Val di Susa. Ma il progresso sano è un bene

di Davide Giacalone - 02 novembre 2005

Il paesaggio, in Italia, non è solo bellezza (che già è molto), ma anche ricchezza. Il rispetto per il paesaggio, quindi, non è solo prudenza, ma anche saggezza. Non mi convincono, però, i focolai di resistenza ad una ferrovia, ad una strada, ad una centrale elettrica.

In Val di Susa protestano perché non vogliono i binari della linea ferroviaria Torino-Lione. Ma quello è un corridoio europeo fondamentale, destinato a giungere fino in Russia, ed il vero dramma sarebbe proprio quello di esserne esclusi. Una comunità locale, inoltre, non può, con la sua opposizione, bloccare un progetto il cui interesse è nazionale ed europeo.

La protesta in Val di Susa, però, ha anche aspetti che sarebbe colpevole sottovalutare. C’è il rischio, sostiene una parte della popolazione, che gli scavi per la ferrovia dissotterrino le infiltrazioni di amianto che avvelenano il terreno. Un rischio grave. Per questo se la protesta s’indirizza a chiedere cautela nei lavori, o contropropone un diverso tracciato, non solo sarà del tutto ragionevole, ma anche condivisibile. Temo, invece, che vi sia anche dell’altro, che altri sentimenti agitino l’anima dei manifestanti, la solita opposizione ad una grande opera, in omaggio ad un assai malinteso ambientalismo.

L’ambiente non è monumento da conservare. A me non piace la via Gluk di Celentano, non mi piacciono le baracche e non mi piacciono le zone non urbanizzate, preferisco case, fogne, strade e treni. Non mi piace neanche la pasoliniana nostalgia per le lucciole (che ancora oggi, meravigliosamente, illuminano le notti appresso alla mietitura) in quella parte della periferia dove s’era tanto buoni a guardare con umana compassione i ragazzi che tirano calci nel fango. Credo sia meglio, per loro, star sotto i lampioni, avere un campo da calcio, non dover dipendere dal buonismo del regista famoso e non disinteressato. Mi piace la Maremma selvaggia e forte, ma non rimpiango certo la bianciardiana vita agra, o la fatica dei minatori. Insomma, il progresso è una gran bella cosa, nel progresso si sta meglio, ed il progresso, con le sue luci, le sue strade, le sue case, il suo riscaldamento, i suoi ospedali, le sue scuole, modifica l’ambiente.

E’ sano non il progresso che lascia inviolato l’ambiente, ma che non ne fa inutile sfregio. Ed è lungimirante quell’ambientalista capace di ricordare che un mondo con più treni e meno macchine sarà un mondo migliore.

Social feed




documenti

Test

chi siamo

Società Aperta è un movimento d’opinione, nato dall’iniziativa di un gruppo di cittadini, provenienti da esperienze professionali e politiche differenti, animati dalla comune preoccupazione per il progressivo declino dell’Italia, già dal lontano 2003, quando il declino dell’economia, almeno a noi, già era evidente come realtà acquisita. L’intento iniziale era evitare che il declino diventasse strutturale, trasformandosi in decadenza. Oltre a diverse soluzioni economiche, Società Aperta, fin dalla sua costituzione, è stata convinta che l’unico modo per fermare il declino sarebbe stato cominciare a ragionare, senza pregiudizi e logiche di appartenenza, sulle cause profonde della crisi economica italiana e sulle possibili vie d’uscita. Non soluzioni di destra o di sinistra, ma semplici soluzioni. Invece, il nostro Paese è rimasto politicamente paralizzato su un bipolarismo armato e pregiudizievole, che ha contribuito alla paralisi totale del sistema. Fin dal 2003 aspiravamo il superamento della fallimentare Seconda Repubblica, per approdare alla Terza, le cui regole vanno scritte aggiornando i contenuti della Carta Costituzionale e riformulando un patto sociale che reimmagini, modernizzandola, la costituzione materiale del Paese. Questo quotidiano online nasce come spin-off di Società Aperta, con lo scopo di raccogliere riflessioni, analisi e commenti propedeutici al salto di qualità necessario