ultimora
Public Policy

Segnali di ripresa

Per favore, non illudiamoici

Qualche segnale positivo, dovuto alla crescita mondiale, non ci esime da un grande piano d'azione per la nostra economia

di Enrico Cisnetto - 22 gennaio 2014

È abbastanza probabile che nell’ultimo trimestre del 2013 l’Italia sia formalmente uscita dalla recessione. Uno o due decimali sopra lo zero che lasciano poco sotto il 2% (quasi certamente -1,8%) il risultato negativo dell’intero anno, ma che pur sempre segnalano un’inversione di tendenza. Trend che si dovrebbe consolidare nel 2014 e 2015 con rispettivamente un +0,7% e +1% (previsione Bankitalia di questa settimana) o addirittura +1,2% per l’anno prossimo (stime antecedenti di Confindustria). Bene, dopo quattro anni di recessione negli ultimi sei (dal 2008 le uniche eccezioni sono state il 2010 e il 2011), rivedere il segno più è confortante.
Ma è sufficiente? No. Assolutamente no. Si tratta di percentuali di crescita che fanno prefigurare che non si riesca a tornare al livello di sviluppo pre-crisi (quello del 2007, peraltro insufficiente) prima del 2020. E che non sono altresì in grado di modificare il quadro di precarietà sociale, che denuncia un tasso di disoccupazione elevato e insopportabilmente alto nella fascia giovanile e al Sud, cui si aggiunge un livello record della cassa integrazione (costata nel 2013 ben 4,1 miliardi), e aree di povertà crescenti. Né del nostro capitalismo, la cui difficoltà è dimostrata anche dal calo dell’unica variabile economica rimasta finora positiva, l’export (a novembre -1,9% su ottobre e -3,4% su base annua, che diventa -6,7% se si guarda l’andamento tendenziale dei flussi con i paesi extra Ue).

Cosa servirebbe, invece? Diciamo che se il pil mondiale è cresciuto del 2,9% nel 2013 ed è destinato a salire del 3,6% nel 2014 (stime Fmi) e se il commercio mondiale dovesse mantenere i ritmi di questi anni pur difficili (tra il 2008 e il 2013 è cresciuto dell’11%), per noi l’obiettivo minimo di crescita non può che essere del 2% nel 2014 e del 3% nel 2015. Dunque, a politiche invariate, e supponendo che le previsioni della Banca d’Italia siano corrette (di solito sono le più precise), occorrerebbe produrre 1,3 punti di crescita in più quest’anno e due tondi tondi l’anno prossimo.

È difficile, ma si può fare. Come? L’ideale sarebbe un cambio di strategia dell’Europa: basta con le politiche deflattive, allentamento del tasso di cambio, via ad un piano che rilanci i consumi interni (quel poco di crescita dell’eurozona è tutta d’importazione). Nell’attesa – che, temo, sarà lunga e piuttosto inutile – dobbiamo pensarci noi. Prima di tutto, abbandonando la politica dei piccoli passi e immaginando un piano Marshall di salvezza e rilancio nazionale. Non andando contro l’Europa – il nostro debito non ce lo consente e comunque non ne avremmo la forza – ma mettendo in campo quelle riforme strutturali che ci darebbero la credibilità necessaria per negoziare con Bruxelles e Berlino un allentamento dei vincoli relativi al deficit (basterebbe un punto in più, oltre al pagamento integrale e immediato dei debiti delle pubbliche amministrazioni verso le imprese che ci hanno già approvato). Sto dunque pensando a politiche liberal-keynesiane, opposte sia a quelle liberiste che a quelle populiste fin qui adottate dal partito trasversale della spesa pubblica. Politiche, cioè, che trasformino quote importanti di spesa corrente improduttiva in investimenti in conto capitale, e che mettano il patrimonio pubblico e quello privato al servizio dello sviluppo. Le idee non mancano. Serve volontà politica. (twitter @ecisnetto)

Social feed




documenti

Test

chi siamo

Società Aperta è un movimento d’opinione, nato dall’iniziativa di un gruppo di cittadini, provenienti da esperienze professionali e politiche differenti, animati dalla comune preoccupazione per il progressivo declino dell’Italia, già dal lontano 2003, quando il declino dell’economia, almeno a noi, già era evidente come realtà acquisita. L’intento iniziale era evitare che il declino diventasse strutturale, trasformandosi in decadenza. Oltre a diverse soluzioni economiche, Società Aperta, fin dalla sua costituzione, è stata convinta che l’unico modo per fermare il declino sarebbe stato cominciare a ragionare, senza pregiudizi e logiche di appartenenza, sulle cause profonde della crisi economica italiana e sulle possibili vie d’uscita. Non soluzioni di destra o di sinistra, ma semplici soluzioni. Invece, il nostro Paese è rimasto politicamente paralizzato su un bipolarismo armato e pregiudizievole, che ha contribuito alla paralisi totale del sistema. Fin dal 2003 aspiravamo il superamento della fallimentare Seconda Repubblica, per approdare alla Terza, le cui regole vanno scritte aggiornando i contenuti della Carta Costituzionale e riformulando un patto sociale che reimmagini, modernizzandola, la costituzione materiale del Paese. Questo quotidiano online nasce come spin-off di Società Aperta, con lo scopo di raccogliere riflessioni, analisi e commenti propedeutici al salto di qualità necessario