ultimora
Public Policy

Il valzer delle elezioni amministrative

Pazza idea

Elezioni: quando il competitor è uno solo...

di Davide Giacalone - 11 maggio 2011

Domenica prossima si vota, ma possiamo anticipare il risultato: vince il centro destra. Perché gareggia da solo. I temi, i ritmi e anche le sedi della campagna elettorale sono stati fissati dal centro destra, con un unico argine: il Quirinale. Al punto che l’unico sprint in corso è quello interno all’area di governo, avendo come antagonisti berlusconiani e leghisti. La sinistra, dal canto suo, non corre i rischi del povero Wouter Weylandt, non c’è pericolo prenda troppa velocità in discesa: sono al bar, intenti a guardare la telecronaca delle elezioni e a fare il tifo da estranei.

Non a caso i giornali e i commentatori parlano tutti di Milano, l’unica grande città in cui il centro destra può (teoricamente) perdere. Vincerà. Letizia Moratti continuerà il suo lavoro di sindaco. Ma tutti sono intenti a valutare quali sono i rapporti di forza interni, quali saranno i tempi delle elezioni (se si chiuderà la partita al primo turno), quale il risultato nei comuni vicini, dove, talora, il centro destra si presenta diviso. In tutto quel che si osserva non entra mai la sinistra, vissuta come il mero contenitore delle schede deposte dai cittadini che si recano ai seggi, ma non votano per il centro destra. Voti per antipatia, insomma, per esclusione.

In altre grandi città, invece, è la sinistra a potere perdere. Ma anche lì, la gara non ha sostanza politica, perché hanno già perso. A Torino avevano un candidato con i fiocchi, capace di lanciare un segnale incoraggiante alla sinistra di tutta Italia: Francesco Profumo, rettore del Politecnico. Gli hanno preferito Piero Fassino, anche in questo caso lanciando un segnale generale: finché sopravviveranno gli ex comunisti non lasceranno spazio a nessuno, anche a costo di cloroformizzare le città.

Passare da Chiamparino a Fassino significa camminare all’indietro. A Bologna pure un militante attento e fedele alla sinistra, come Gianfranco Pasquino, annuncia che se non fosse per la disciplina e la coerenza con se stesso voterebbe per la Lega, sbracciandosi nel complimentarsi con Giulio Tremonti e apprezzando un mameliano Umberto Bossi. In quanto alla buona amministrazione, sotto la torre degli Asinelli non ci credono più neanche i somari. A Napoli non ne parliamo: il sindaco uscente se la prende con la sinistra e il mitico Antonio Bassolino avverte sui pericoli di mollare il potere. Non sono riusciti a trovare neanche un candidato, dovendosi appoggiare al prefetto.

Tutto questo avviene in uno scenario nel quale tutti i grandi governi occidentali hanno perso le elezioni amministrative o di medio termine. E’ successo negli Stati Uniti, in Francia, in Germania. In Inghilterra hanno esagerato: le ha perse il governo che c’era quando il centro destra vinse le ultime politiche, nel 2008, e le ha perse anche il governo successivo, d’opposto colore. Da noi, invece, recessione, scissioni, inquisizioni e sputtanamenti non sono riusciti a produrre una sola sconfitta del centro destra. Vedremo il prossimo lunedì, conteremo quanti voti sono andati ancora a Silvio Berlusconi e quanti gli sono sfuggiti, unendosi al blocco del rifiuto. Non riusciremo, però, a contare quanti ne ha presi l’opposizione, perché, lo ripeto, la gara la fa uno solo.

Se vince, se non riesce ad inciampare sui propri errori (ieri un neo sottosegretario ha battuto il record di velocità al campionato della stupidità, così imparano a selezionarli così acuti e pensosi), confermerà la tenuta, altrimenti i voti degli altri saranno solo la misura della sua sconfitta, non dell’altrui vittoria. Il che, in politica, come in tanti altri aspetti della vita (si ricordi la Patty Pravo di Pazza idea), è un successo.

Pubblicato da Libero

Social feed




documenti

Test

chi siamo

Società Aperta è un movimento d’opinione, nato dall’iniziativa di un gruppo di cittadini, provenienti da esperienze professionali e politiche differenti, animati dalla comune preoccupazione per il progressivo declino dell’Italia, già dal lontano 2003, quando il declino dell’economia, almeno a noi, già era evidente come realtà acquisita. L’intento iniziale era evitare che il declino diventasse strutturale, trasformandosi in decadenza. Oltre a diverse soluzioni economiche, Società Aperta, fin dalla sua costituzione, è stata convinta che l’unico modo per fermare il declino sarebbe stato cominciare a ragionare, senza pregiudizi e logiche di appartenenza, sulle cause profonde della crisi economica italiana e sulle possibili vie d’uscita. Non soluzioni di destra o di sinistra, ma semplici soluzioni. Invece, il nostro Paese è rimasto politicamente paralizzato su un bipolarismo armato e pregiudizievole, che ha contribuito alla paralisi totale del sistema. Fin dal 2003 aspiravamo il superamento della fallimentare Seconda Repubblica, per approdare alla Terza, le cui regole vanno scritte aggiornando i contenuti della Carta Costituzionale e riformulando un patto sociale che reimmagini, modernizzandola, la costituzione materiale del Paese. Questo quotidiano online nasce come spin-off di Società Aperta, con lo scopo di raccogliere riflessioni, analisi e commenti propedeutici al salto di qualità necessario