ultimora
Public Policy

Paura delle liberalizzazioni

Partiti e dispersi

Se non sono in grado di arrivare ad un compromesso, i partiti sono finiti

di Davide Giacalone - 21 gennaio 2012

Qualcuno ha notizie dal pianeta dei due grossi partiti politici? Esistono ancora, a parte il ripetere che saranno leali con il governo, vale a dire confermare che preferiscono essere commissariati, piuttosto che governanti? La prassi costituzionale non conosceva le consultazioni quirinalizie, volte ad accertare la loro capacità di votare leggi e riforme, giacché la Costituzione, per chi ancora ne conservi una copia, non prevede alcun ruolo del Colle nel processo legislativo, se non alla sua conclusione e al momento dell’emanazione. Eppure Napolitano li ha chiamati e ricevuti a turno. Probabilmente per accertarsi della loro perdurante esistenza.

Sarà il caso d’osservare, però, che il commissario chiamato a far fronte alla crisi del debito ha avviato attività plurime, destinate ad avere scarso impatto immediato e vaste ripercussioni nel futuro. Fa politica, come giustamente compete al governo, anche rimodellando il patto sociale su cui si regge il sistema, sia dal punto di vista fiscale che della legislazione regolante il mercato. Se i partiti contano di tornare sulla scena a cose fatte commettono un errore di calcolo, perché a cose fatte la scena non li contemplerà. Prendersela con Monti per le liberalizzazioni è cosa alquanto bislacca, visto che si sarebbero già dovute fare e che tale lavoro sarebbe spettato proprio a quei partiti, dimostratisi incapaci. Ma il fatto è che le liberalizzazioni sono, per la gran parte, dei titoli vuoti, delle bandiere senza stemma, il cui solo significato consiste nel dare l’illusione che cambiare si può solo abrogando la politica. Lo hanno capito? Quei partiti saranno considerati colpevoli dell’insuccesso, anche quando non avranno fatto altro che chinare la testa.

Faccio solo due esempi: benzinai e notai. Le misure proposte dal governo servono a meglio sostentare una rete disfunzionale, che dovrebbe essere sfoltita: i benzinai sono troppi e poco automatizzati, il doppio della Francia e il triplo dell’Inghilterra, sicché (i conti tornano) ciascuno eroga, mediamente, la metà dei colleghi francesi e un terzo di quelli inglesi. Se “liberalizzare” significa allargare i prodotti non oil, quindi altre merci, ciò servirà a conservare l’esistente, non a cambiarlo. Sul fronte dei notai il problema non è quello di aumentare il loro numero (per giunta a cura della stessa categoria), ma diminuire gli atti per cui i cittadini sono costretti a ricorrervi. Un tempo molti passaggi, nella vita delle società a responsabilità limitata (srl), si facevano sul libro soci, ora dal notaio, con il risultato che molte di queste società spendono per i notai più di quanto abbiano come capitale sociale. Liberalizzare dovrebbe servire ad alleggerire, non il contrario. Ma i grossi partiti sembrano ipnotizzati. Timorosi di dire l’ovvio, per non prendersi la responsabilità di avere osato obiettare. Da seguace delle liberalizzazioni, invece, mi prendo la libertà di sostenere che farne di apparenti, con interminalibili tira e molla, che non daranno risultati apprezzabili, nel mentre s’affronta un biennio di recessione, sembra la ricetta sicura per far credere che le liberalizzazioni portano male. Come porta male farle a cura non di chi ne risponde agli elettori, ma di chi popola la categoria meno esposta alla competizione e al mercato: i mandarini della burocrazia statale, giudiziaria, amministrativa e professorale.

Cosa aspettano, i grossi partiti, che al Quirinale obiettino sulla disomogeneità del decreto, negando la firma? Illusi, quello è un trattamento riservato ai governi politici (meglio se antipatici al Colle), mica a questo. Napolitano non è il conte Ugolino, ma un genitore premuroso. Quando l’attuale esecutivo nacque non mi scagliai contro, perché la situazione era drammatica. Ancora oggi un punto forte del governo Monti è il ricordo lasciato dai predecessori. Ma avvertimmo del pericolo: se nel tempo di questo governo i due grossi partiti non provvedono ad un accordo per cambiare la legge elettorale e lo schema costituzionale, se non sono in grado di giungere a un compromesso che copra il tempo di questa e della prossima legislatura, sono finiti. Né è il caso di festeggiare, come pure si sarebbe tentati, perché così si apre la via ad una legislatura, la prossima, dominata da caos e antagonisti. Il tempo è trascorso. La loro capacità di reazione è stata nulla. Se Alfano e Bersani non s’affrettano, a nome dei due mondi spappolati, ad annunciare il cambio di passo saranno gli elettori a stabilire chi, fra i due schieramenti, scompare per primo. Il secondo segue a ruota.

Social feed




documenti

Test

chi siamo

Società Aperta è un movimento d’opinione, nato dall’iniziativa di un gruppo di cittadini, provenienti da esperienze professionali e politiche differenti, animati dalla comune preoccupazione per il progressivo declino dell’Italia, già dal lontano 2003, quando il declino dell’economia, almeno a noi, già era evidente come realtà acquisita. L’intento iniziale era evitare che il declino diventasse strutturale, trasformandosi in decadenza. Oltre a diverse soluzioni economiche, Società Aperta, fin dalla sua costituzione, è stata convinta che l’unico modo per fermare il declino sarebbe stato cominciare a ragionare, senza pregiudizi e logiche di appartenenza, sulle cause profonde della crisi economica italiana e sulle possibili vie d’uscita. Non soluzioni di destra o di sinistra, ma semplici soluzioni. Invece, il nostro Paese è rimasto politicamente paralizzato su un bipolarismo armato e pregiudizievole, che ha contribuito alla paralisi totale del sistema. Fin dal 2003 aspiravamo il superamento della fallimentare Seconda Repubblica, per approdare alla Terza, le cui regole vanno scritte aggiornando i contenuti della Carta Costituzionale e riformulando un patto sociale che reimmagini, modernizzandola, la costituzione materiale del Paese. Questo quotidiano online nasce come spin-off di Società Aperta, con lo scopo di raccogliere riflessioni, analisi e commenti propedeutici al salto di qualità necessario