ultimora
Public Policy

Meno leader più partiti

Partiti e capipopolo

Una democrazia deserta di partiti e affollata da capipopolo è malata. Si è soffiato sul fuoco dell’antipolitica, dell’antistatalismo, del rifiuto istituzionale, e ora le fiamme divorano tutto.

di Davide Giacalone - 25 febbraio 2013

In tutti i suoi comizi Pier Luigi Bersani ha ripetuto un concetto che è, al tempo stesso, una bugia e una giusta esigenza. Egli dice: quando non ci sarà più Bersani ci sarà il Pd, resterà il Pd. La bugia è evidente, perché è vero il contrario: c’era il Pci, non c’è più, ma c’è ancora Bersani; c’era il Pds, non c’è più, ma c’è ancora Bersani; c’erano i Ds, non ci sono più, ma c’è ancora Bersani. L’esigenza è, però, giusta: le democrazie funzionano con i partiti, con la loro organizzazione e discussione interna, non con gli aggregati elettorali. L’Italia ha voluto negare questa evidenza, distruggendoli nel biennio giustizialista, 92-94. Complice un partito comunista che si appoggiò al manettarismo per cancellare avversari che non aveva e non avrebbe mai vinto, per poi sopravvivere alla morte dei suoi ideali, dei suoi programmi e dei suoi riferimenti internazionali. Complici i missini, non ancora rivestiti a cerimonia. Complice il leghismo non ancora insediato a Roma.

La democrazia dei leaders senza partito non funziona. Anche perché capovolge la logica e induce all’abbaglio. Non è il capo che crea l’elettorato, sono gli elettori che si aggregano attorno a un capo (o a un partito, o a un programma, e meglio se alle tre cose messe assieme). Silvio Berlusconi, di gran lunga la più forte personalità della seconda Repubblica, non ha creato gli elettori che lo hanno sostenuto, ma ha dato rappresentanza a quanti avevano perso i loro punti di riferimento, i loro contenitori elettorali. Beppe Grillo, da ultimo, non crea i suoi elettori, ma dà voce e coagula sentimenti esistenti. Talora contrapposti. Grillo non è la causa di nulla, è l’effetto dei fallimenti altrui. Non è il pericolo, è l’allarme. Non raccoglie voti giulivi e vagabondi, ma cupi e vendicativi.

Una democrazia deserta di partiti e affollata da capipopolo è malata. Ma la difficoltà di dare forma ai partiti, in Italia, consiste nell’avere soffiato sul fuoco dell’antipolitica, dell’antistatalismo, del rifiuto istituzionale, salvo poi vedere le fiamme che divorano tutto. E consiste anche nel fatto che cittadini e categorie, disoccupati e imprenditori, si rivolgono alla politica per avere, anziché per dare. Ecco perché il panorama s’è affollato di soggetti che cambiano nome in continuazione o sorgono dal nulla culturale, giacché sono figli di pulsioni erotiche scisse da ogni amore per la vita collettiva.

La contraddizione è questa: dobbiamo cambiare, con il personale che c’è e con i gruppi che ci sono, il quadro istituzionale, in modo da creare le condizioni per cambiare personale e ridare sostanza ai partiti. Sono consapevole della contraddizione, che non sarebbe poi così grave, o insuperabile, se questa classe dirigente fosse consapevole che il tempo a disposizione è agli sgoccioli. Poi sarà spazzata via e cancellata. Non da Grillo, ma dalla storia, dalla realtà, dai problemi lasciati marcire. Bersani non ha torto, dunque, ma si sbaglia se crede di rappresentare un buon esempio. Semmai incarna il problema: la permanenza del sempre uguale, disposto a negare sé stesso pur di conservare sé stesso.

Social feed




documenti

Test

chi siamo

Società Aperta è un movimento d’opinione, nato dall’iniziativa di un gruppo di cittadini, provenienti da esperienze professionali e politiche differenti, animati dalla comune preoccupazione per il progressivo declino dell’Italia, già dal lontano 2003, quando il declino dell’economia, almeno a noi, già era evidente come realtà acquisita. L’intento iniziale era evitare che il declino diventasse strutturale, trasformandosi in decadenza. Oltre a diverse soluzioni economiche, Società Aperta, fin dalla sua costituzione, è stata convinta che l’unico modo per fermare il declino sarebbe stato cominciare a ragionare, senza pregiudizi e logiche di appartenenza, sulle cause profonde della crisi economica italiana e sulle possibili vie d’uscita. Non soluzioni di destra o di sinistra, ma semplici soluzioni. Invece, il nostro Paese è rimasto politicamente paralizzato su un bipolarismo armato e pregiudizievole, che ha contribuito alla paralisi totale del sistema. Fin dal 2003 aspiravamo il superamento della fallimentare Seconda Repubblica, per approdare alla Terza, le cui regole vanno scritte aggiornando i contenuti della Carta Costituzionale e riformulando un patto sociale che reimmagini, modernizzandola, la costituzione materiale del Paese. Questo quotidiano online nasce come spin-off di Società Aperta, con lo scopo di raccogliere riflessioni, analisi e commenti propedeutici al salto di qualità necessario