ultimora
Public Policy

Che cosa aspettarsi dall'esecutivo Monti?

Partita sbagliata

Il passo tra commissario a commissariato è molto breve

di Davide Giacalone - 16 novembre 2011

Per fare il gioco delle tre carte occorre mestiere, in caso contrario si parte per fregare e si finisce fregati. Mario Monti è stato chiamato a formare un governo commissariale, necessario per fronteggiare la tempesta della speculazione sui titoli del debito pubblico e impostosi nonostante il Parlamento non abbia mai votato la sfiducia al governo precedente, frutto di una vittoria elettorale. Questo è il senso di una chiamata autorevole, ma priva di forza politica. Il mandato è di fare, subito, quel che la politica non è stata e non è in grado di fare. Ma se Monti si cimenta con l’imitazione del piccolo politico, pretendendo una maggioranza tanto vasta quanto predefinita e tendenzialmente eterna, se arriva al ridicolo potente di consultare i giovani e le donne (quando fette della società sono prive di rappresentanza il rimedio non consiste nell’inventarsene una a capocchia), allora siamo su una pessima strada. Che può portare dal commissariamento all’esautorazione delle istituzioni democratiche, ma, più facilmente e probabilmente, al fallimento.

La scena che si svolge sotto ai nostri occhi è incredibile. Il Quirinale ha dedicato la domenica alle consultazioni, laddove tutti sapevano come sarebbe andata a finire, sicché si stavano facendo dei giri a vuoto. Ha cercato copertura formale a un incarico già conferito quando il governo era nella pienezza dei suoi poteri. E passi, per salvare la facciata istituzionale. Ma Monti avrebbe dovuto ritornare al Colle lunedì mattina, se proprio non direttamente la stessa domenica sera. Tocca a lui, e solo a lui, stabilire il programma immediato del suo governo e come deve essere composto. Tocca al Parlamento, poi, stabilire se deve ricevere la fiducia e durare in carica più di qualche settimana (al massimo fino alla primavera del 2013), oppure gestire solo il pronto soccorso, per poi passare la mano al primo governo della prossima legislatura. Monti, invece, ha commesso l’imperdonabile errore d’incassare il primo veto, quello che il Pd ha posto contro Gianni Letta, passando da commissario a commissariato. Da lì non può più tornare indietro: o lo ignora o lo subisce. Nel primo caso il tempo lavora contro di lui, nel secondo la natura del suo governo è già cambiata. Il che lo rende infinitamente più debole. Nel frattempo, come non era vero che i mercati “bocciavano” Berlusconi così non è vero che ora “bocciano” Monti, ma era ed è vero che ci stanno massacrando e che noi, prima e ora, si dimostra di non sapere reagire. Con una differenza: prima era inerte un governo regolare, ora è inerte un incaricato il cui compito era proprio quello di mettere in atto la reazione.

Quando Monti dice che vuole l’appoggio convinto di tutti, con la partecipazione dei capi politici al suo esecutivo, apre una partita che non può essere sua. Quando afferma che non vuole scadenze al proprio governo dimentica che nella Costituzione non c’è traccia di governi cui si vota la fiducia una volta e poi governano per il resto della legislatura. Questo sovvertimento delle regole e della logica non porta bene a nessuno e aumenta il caos. Un osservatore capace e prudente, Stefano Folli, ha scritto, su Il Sole 24 Ore, che Monti ha adottato questa tattica dimostrando “l’attenzione che deve al suo alleato: l’opinione pubblica”. E’ appunto quello che non deve fare, la natura dell’incarico che ha ricevuto è opposta, perché se si deve dare ascolto all’opinione pubblica, posponendo l’intervento al consenso, allora sarà bene ricordare che esiste uno ed un solo modo per auscultare gli elettori: votare. Stabilire cosa pensano gli italiani non spetta ai giornalisti che titolano su “SuperMario”. E non spetta nemmeno ai mercati. Siccome, però, non si può non opporre alla speculazione interventi immediati (risolutivi non lo saranno mai, perché il problema non è in Italia, ma nell’euro) ecco che si giustifica il governo commissariale. Ma solo in tal senso.

Quando Monti non aveva ancora ricevuto l’incarico scrissi che il suo governo sarebbe stato breve o brevissimo, giacché l’orizzonte temporale è comunque ristretto e non si riforma l’Italia in pochi mesi. In compenso, però, traccheggiando in politichese si sprecano anche i giorni. Questo è il buco nero in cui Monti sta cadendo, e noi tutti con lui.

Social feed




documenti

Test

chi siamo

Società Aperta è un movimento d’opinione, nato dall’iniziativa di un gruppo di cittadini, provenienti da esperienze professionali e politiche differenti, animati dalla comune preoccupazione per il progressivo declino dell’Italia, già dal lontano 2003, quando il declino dell’economia, almeno a noi, già era evidente come realtà acquisita. L’intento iniziale era evitare che il declino diventasse strutturale, trasformandosi in decadenza. Oltre a diverse soluzioni economiche, Società Aperta, fin dalla sua costituzione, è stata convinta che l’unico modo per fermare il declino sarebbe stato cominciare a ragionare, senza pregiudizi e logiche di appartenenza, sulle cause profonde della crisi economica italiana e sulle possibili vie d’uscita. Non soluzioni di destra o di sinistra, ma semplici soluzioni. Invece, il nostro Paese è rimasto politicamente paralizzato su un bipolarismo armato e pregiudizievole, che ha contribuito alla paralisi totale del sistema. Fin dal 2003 aspiravamo il superamento della fallimentare Seconda Repubblica, per approdare alla Terza, le cui regole vanno scritte aggiornando i contenuti della Carta Costituzionale e riformulando un patto sociale che reimmagini, modernizzandola, la costituzione materiale del Paese. Questo quotidiano online nasce come spin-off di Società Aperta, con lo scopo di raccogliere riflessioni, analisi e commenti propedeutici al salto di qualità necessario