ultimora
Public Policy
  • Home » 
  • Archivio » 
  • Osservazione umanamente scorretta

Sulla morte del generale Gustavo Pignero

Osservazione umanamente scorretta

Evidente differenza di trattamento giornalistico dal caso Consorte. Perché?

di Davide Giacalone - 12 settembre 2006

Quella che segue è un’osservazione scorretta, politicamente ed umanamente. Si tratta di due innocenti, perché nessun tribunale ha mai accertato una loro colpevolezza. Si tratta di due persone malate. Si tratta, però, anche di due pesi e due misure, di un’evidente disparità di trattamento, almeno giornalistico.
E’ giunta la notizia della morte del generale Gustavo Pignero, coinvolto nelle indagini sul Sismi, tratto in arresto, tenuto ai domiciliari, sottoposto a numerosi interrogatori e per il quale era stato chiesto un immediato incidente probatorio. L’indagato, fin dall’inizio, si era difeso ed aveva difeso anche il suo direttore, Nicolò Pollari, affermando che tutti avevano agito nell’interesse nazionale. Poi era stato oggetto di una registrazione, nel corso di una conversazione che riteneva privata, dalla quale sarebbero emerse le responsabilità dei suoi superiori in quello che viene definito il rapimento di Abu Omar. A quel punto era stato costretto a cambiare versione e, appunto in considerazione delle sue precarie condizioni di salute, come prevede la legge, i pubblici ministeri avevano chiesto l’incidente probatorio. Il cancro lo ha ucciso prima.
Ricordo che quando furono avviate le indagini relative al presidente della Unipol, Giovanni Consorte, il quale, per sua ammissione, assieme ad Ivano Sacchetti, aveva riscosso 50 milioni di euro, all’estero, da Chiccho Gnutti, sostenendo essere il compenso per il lavoro svolto nel vendere Telecom Italia a Tronchetti Provera (e già solo questo meriterebbe un approfondimento che, invece, non arriva mai), il tutto si era presto fermato perché era circolata la notizia che Consorte fosse affetto da cancro. I pubblici ministeri sostenevano (sostengono ancora?) che quei 50 milioni avevano altra origine, ma, in considerazione delle sue condizioni di salute, Consorte fu sottoposto ad un solo interrogatorio.
Per la verità, negli stessi giorni, Consorte rilasciava interviste difendendosi, com’era suo diritto. Poteva farlo, oltre tutto, perché non aveva subito misure cautelari. Sul che non ho nulla da eccepire, né da dire. Ed il rispetto per una persona che stava combattendo una ben più difficile e decisiva battaglia credevo e credo debba essere assoluto. Più recentemente abbiamo saputo, sempre dalla stampa, che Consorte ha dei programmi d’attività per il futuro, del che mi compiaccio vivamente e, benché non abbia il piacere di conoscerlo, gli auguro ogni successo. Però, trattandosi di due esseri umani, due innocenti, due indagati e della stessa Procura, balza agli occhi una qual certa differenza di trattamento. Intendiamoci, a me risulta una differenza di trattamento giornalistica, mentre non ho elementi per dire se vi sia stata un’effettiva diversità di attenzioni anche da parte degli inquirenti. Ma sarebbe interessante saperlo. Magari, chi può, chieda. Sarebbe interessante.

www.davidegiacalone.it

Social feed




documenti

Test

chi siamo

Società Aperta è un movimento d’opinione, nato dall’iniziativa di un gruppo di cittadini, provenienti da esperienze professionali e politiche differenti, animati dalla comune preoccupazione per il progressivo declino dell’Italia, già dal lontano 2003, quando il declino dell’economia, almeno a noi, già era evidente come realtà acquisita. L’intento iniziale era evitare che il declino diventasse strutturale, trasformandosi in decadenza. Oltre a diverse soluzioni economiche, Società Aperta, fin dalla sua costituzione, è stata convinta che l’unico modo per fermare il declino sarebbe stato cominciare a ragionare, senza pregiudizi e logiche di appartenenza, sulle cause profonde della crisi economica italiana e sulle possibili vie d’uscita. Non soluzioni di destra o di sinistra, ma semplici soluzioni. Invece, il nostro Paese è rimasto politicamente paralizzato su un bipolarismo armato e pregiudizievole, che ha contribuito alla paralisi totale del sistema. Fin dal 2003 aspiravamo il superamento della fallimentare Seconda Repubblica, per approdare alla Terza, le cui regole vanno scritte aggiornando i contenuti della Carta Costituzionale e riformulando un patto sociale che reimmagini, modernizzandola, la costituzione materiale del Paese. Questo quotidiano online nasce come spin-off di Società Aperta, con lo scopo di raccogliere riflessioni, analisi e commenti propedeutici al salto di qualità necessario