ultimora
Public Policy

Un po' di numeri

Nucleare addio

Sarà stata davvero una scelta efficace la rinuncia al nucleare?

di Marco Scotti - 05 luglio 2011

Tutti coloro che hanno votato Sì all’ultimo referendum sul nucleare dovrebbero essere al corrente di quanto sto per scrivere. Uso il condizionale non solo perché manco di granitiche certezze in proposito, ma perché ho la netta sensazione che invece a molti sfuggano alcune elementari verità.

Quanti sanno, ad esempio, che una centrale nucleare, come del resto quelle a carbone o idroelettriche, produce costantemente energia, mentre le centrali eoliche o fotovoltaiche dipendono – come è ovvio – rispettivamente dalla presenza del vento o del sole? Il piano di ritorno all’atomo varato dal governo prevedeva la costruzione di quattro centrali nucleari che avrebbero dovuto fornire 44 Twh l’anno di energia, il 15% del fabbisogno attuale del nostro paese. Una centrale nucleare da 1 Gw produce energia per circa l’80% del tempo, mentre un impianto eolico di analoga potenza solo per il 20-25%, soggetto com’è alla necessità di vento che in Italia, al contrario di quanto si pensa, non è così tanto presente.

Questo significa che per avere la stessa produzione di energia, a parità di potenza nominale erogata, servono dai tre ai quattro impianti eolici per ogni centrale nucleare. Secondo punto: lo spazio. In un paese come l’Italia, in cui per la conformazione orogeografica non abbondano certo le aree, sarebbe necessario immaginare impianti di produzione energetica che occupino la minore superficie possibile.

Quanto è grande una centrale nucleare? Ogni impianto da 6,4 Gw di potenza occupa all’incirca 16 chilometri quadrati che, moltiplicati per quattro, danno 64 chilometri quadrati. Un impianto eolico invece, proprio perché non produce energia per l’80% del tempo, ma solo per il 20-25%, dovrà avere una potenza nominale quattro volte superiore a quella di una centrale nucleare. Un impianto eolico da 25 Gw (che produrrà, per le ragioni sopra indicate, la medesima energia della centrale nucleare da 6,4) avrà bisogno di 10.000 pale eoliche e di una superficie di circa 4000 chilometri quadrati.

Ancora, si è tanto parlato ambiente, sostenendo che le centrali nucleari inquinano enormemente di più degli impianti eolici. Ma ogni torre eolica è alta circa 100 metri ed impiega 1100 tonnellate di cemento, acciaio e alluminio, con un impatto ambientale davvero significativo.

Non è tutto. Si è tanto parlato della durata delle centrali nucleari (circa 40 anni, dopodiché vanno smantellate), sostenendo che esse siano troppo poco longeve per poter essere oggetto di un investimento tanto oneroso: ebbene, la durata di un impianto eolico è circa la metà. Infine i costi: quattro centrali nucleari sarebbero costate all’Italia 35 miliardi di euro in quarant’anni. L’eolico sarebbe costato esattamente la stessa cifra ma in vent’anni. E l’idea di dover raddoppiare gli investimenti non sembra particolarmente allettante. Detto questo, è sciocco pensare al nucleare come fonte sostitutiva di altre, ma come una delle fonti di produzione di energia. Nucleare e rinnovabili sono cugini primi. Solo che ora le rinnovabili sono rimaste sole. Allora, abbiamo davvero fatto un buon affare?

Social feed




documenti

Test

chi siamo

Società Aperta è un movimento d’opinione, nato dall’iniziativa di un gruppo di cittadini, provenienti da esperienze professionali e politiche differenti, animati dalla comune preoccupazione per il progressivo declino dell’Italia, già dal lontano 2003, quando il declino dell’economia, almeno a noi, già era evidente come realtà acquisita. L’intento iniziale era evitare che il declino diventasse strutturale, trasformandosi in decadenza. Oltre a diverse soluzioni economiche, Società Aperta, fin dalla sua costituzione, è stata convinta che l’unico modo per fermare il declino sarebbe stato cominciare a ragionare, senza pregiudizi e logiche di appartenenza, sulle cause profonde della crisi economica italiana e sulle possibili vie d’uscita. Non soluzioni di destra o di sinistra, ma semplici soluzioni. Invece, il nostro Paese è rimasto politicamente paralizzato su un bipolarismo armato e pregiudizievole, che ha contribuito alla paralisi totale del sistema. Fin dal 2003 aspiravamo il superamento della fallimentare Seconda Repubblica, per approdare alla Terza, le cui regole vanno scritte aggiornando i contenuti della Carta Costituzionale e riformulando un patto sociale che reimmagini, modernizzandola, la costituzione materiale del Paese. Questo quotidiano online nasce come spin-off di Società Aperta, con lo scopo di raccogliere riflessioni, analisi e commenti propedeutici al salto di qualità necessario