ultimora
Public Policy

Rischi del credito e dell'economia

Non solo subprime

I pericoli arrivano anche da contrazioni della domanda, e dai derivati

di Alessandro D'Amato - 25 novembre 2007

Non sono solo i mutui subprime a rendere a rendere più agitati i sonni dei mercati finanziari. Anzi: i segnali di un rallentamento dell’economia che tende via via a farsi sempre più endemico – e di conseguenza pericoloso – cominciano ad arrivare da più parti. In più, piano piano sta venendo fuori che le difficoltà di qualche azienda privata, imputate in un primo momento ai rischi presi sui mutui ad alto rischio di insolvibilità, in realtà sono da imputare ad altri fattori.

Per comprendere appieno i problemi sempre crescenti dell’economia americana, infatti, non serve soltanto guardare i tagli delle stime di crescita da parte della Federal Reserve. Basta anche notare che FedEx, il maggiore corriere espresso Usa insieme a Ups, ha tagliato le sue stime di incassi per l’ultimo trimestre, e alla mossa ha fatto seguito subito dopo una riduzione della domanda generale di trasporto merci da parte dell’associazione di settore. La decisione è stata accolta con sorpresa dagli analisti e dagli osservatori: “E’ molto indicativo che le compagnie di trasporti non vedano un ciclo positivo di fronte a loro – ha dichiarato al Wall Street Journal Morgan Keegan, strategist di Art W. Hatfield – visto che i dati sui volumi di merce trasportata sono considerati un buon indicatore previsionale dell’andamento economico futuro: se un prodotto viene portato da un punto all’altro, significa che è stato già venduto e pagato. E quindi, se si trasporta di meno significa che si vende di meno”. In più, il taglio delle previsioni arriva dopo che l’andamento dall’inizio dell’anno era stato in calo di quasi il 3%. Meno significativi, invece, sul fronte del consumo vengono considerati i risultati positivi comunicati da Wal Mart, gigante made in Usa della grande distribuzione, perché secondo gli analisti questi sarebbero dovuti più alle grandi capacità del gestore che a una situazione di salute vera e propria. La riprova è nei dati – decisamente meno ottimisti – comunicati invece dai due concorrenti di Wal Mart, Macy’s e J.C. Penney. E, a rincarare la dose, il Ceo di quest’ultimo, Mike Ullman, ha addirittura dichiarato ai giornali che la percezione dell’azienda è quella di un sentiment decisamente meno ottimista del consumatore americano. Con tutte le conseguenze che ciò comporta.

Poi ci sono i rischi da derivati: anche una realtà societaria di primaria importanza internazionale la scorsa settimana ha annunciato perdite per l"esposizione a credit default swap dati in protezione ai clienti contro la svalutazione degli asset in portafoglio, “confessando” contemporaneamente un’esposizione su CDO e subprime. Ma la svalutazione non è arrivata a causa dei titoli in portafoglio, bensì a causa di due contratti derivati costruiti per un cliente e poi finiti allo scoperto: un tentativo di speculazione andato a male. E questo, visto che non si parla di un hedge fund o una banca d’affari, tutto ciò è (quantomeno) significativo.

Social feed




documenti

Test

chi siamo

Società Aperta è un movimento d’opinione, nato dall’iniziativa di un gruppo di cittadini, provenienti da esperienze professionali e politiche differenti, animati dalla comune preoccupazione per il progressivo declino dell’Italia, già dal lontano 2003, quando il declino dell’economia, almeno a noi, già era evidente come realtà acquisita. L’intento iniziale era evitare che il declino diventasse strutturale, trasformandosi in decadenza. Oltre a diverse soluzioni economiche, Società Aperta, fin dalla sua costituzione, è stata convinta che l’unico modo per fermare il declino sarebbe stato cominciare a ragionare, senza pregiudizi e logiche di appartenenza, sulle cause profonde della crisi economica italiana e sulle possibili vie d’uscita. Non soluzioni di destra o di sinistra, ma semplici soluzioni. Invece, il nostro Paese è rimasto politicamente paralizzato su un bipolarismo armato e pregiudizievole, che ha contribuito alla paralisi totale del sistema. Fin dal 2003 aspiravamo il superamento della fallimentare Seconda Repubblica, per approdare alla Terza, le cui regole vanno scritte aggiornando i contenuti della Carta Costituzionale e riformulando un patto sociale che reimmagini, modernizzandola, la costituzione materiale del Paese. Questo quotidiano online nasce come spin-off di Società Aperta, con lo scopo di raccogliere riflessioni, analisi e commenti propedeutici al salto di qualità necessario