ultimora
Public Policy
  • Home » 
  • Archivio » 
  • Non abilitati alla riabilitazione

La vicenda politica di Giovanni Leone

Non abilitati alla riabilitazione

Le dimissioni da Presidente furono frutto di uno scandalo. Responsabilità non accertate

di Davide Giacalone - 27 novembre 2006

Raccontando il viaggio del Presidente Napolitano a Napoli i giornali, riferendo della scopertura di un busto dedicato a Giovanni Leone, hanno scritto che l’attuale inquilino del Quirinale ha “riabilitato” quel suo predecessore. Non si tratta solo di un errore, di una cretinata, ma di un autentico abominio. Ripetendo quella frase fatta i giornalisti hanno mostrato di avere la mente ingabbiata nel conformismo fascistoide e velinaro.
Intanto Giovanni Leone non abbisogna di riabilitazione, istituto culturale tipico dei sistemi dispotici. Non ne ha bisogno perché la sua vicenda politica può essere giudicata in modi diversi, come tutte le vicende politiche, ma la sua uscita di scena avvenne per l’agitarsi di uno scandalo, quello per l’acquisto degli aerei Lockheed, nel quale non ebbe responsabilità accertate e per il quale alcuni suoi stessi accusatori dovettero ammettere di essere andati oltre il segno. L’agitarsi di quello scandalo lo costrinse alle dimissioni da Presidente della Repubblica, dopo che vi era giunto da senatore a vita, ed a seguito di un lungo ed infruttuoso susseguirsi di scrutini. A chiederne le dimissioni fu il partito comunista italiano, che le ottenne nel 1978. In quell’anno (e per molti anni ancora, fino alla fine) quel partito era largamente, continuamente e condizionatamente finanziato con dollari sporchi di sangue provenienti dall’Unione Sovietica, vale a dire da un Paese nemico della libertà, della pace, affamatore del suo popolo ed incarnazione della dittatura comunista. Che sia chi allora militava in quell’errore a riabilitare chi se ne tenne fuori e distante è cosa, per l’appunto, abominevole.
La storia, naturalmente, la si scriverà con animo sereno, e racconterà anche degli errori di Leone. Ma la pagina scritta a Napoli non appartiene al libro della storia, bensì a quello dell’ipocrisia, della mala fede e della cattiva coscienza. In un Paese libero nessuno è abilitato a riabilitare, specie se chi pretende di farlo era dalla parte del torto ed il presunto riabilitato da quella della ragione.

Social feed




documenti

Test

chi siamo

Società Aperta è un movimento d’opinione, nato dall’iniziativa di un gruppo di cittadini, provenienti da esperienze professionali e politiche differenti, animati dalla comune preoccupazione per il progressivo declino dell’Italia, già dal lontano 2003, quando il declino dell’economia, almeno a noi, già era evidente come realtà acquisita. L’intento iniziale era evitare che il declino diventasse strutturale, trasformandosi in decadenza. Oltre a diverse soluzioni economiche, Società Aperta, fin dalla sua costituzione, è stata convinta che l’unico modo per fermare il declino sarebbe stato cominciare a ragionare, senza pregiudizi e logiche di appartenenza, sulle cause profonde della crisi economica italiana e sulle possibili vie d’uscita. Non soluzioni di destra o di sinistra, ma semplici soluzioni. Invece, il nostro Paese è rimasto politicamente paralizzato su un bipolarismo armato e pregiudizievole, che ha contribuito alla paralisi totale del sistema. Fin dal 2003 aspiravamo il superamento della fallimentare Seconda Repubblica, per approdare alla Terza, le cui regole vanno scritte aggiornando i contenuti della Carta Costituzionale e riformulando un patto sociale che reimmagini, modernizzandola, la costituzione materiale del Paese. Questo quotidiano online nasce come spin-off di Società Aperta, con lo scopo di raccogliere riflessioni, analisi e commenti propedeutici al salto di qualità necessario