ultimora
Public Policy
  • Home » 
  • Archivio » 
  • Nel panino è finita una polemica sbagliata

Settimana Calda

Nel panino è finita una polemica sbagliata

McDonald's assume 3000 persone. Ma a qualcuno questa cosa non piace..

di Enrico Cisnetto - 18 gennaio 2013

Come un buon panino rovinato dal troppo ketch-up: è la polemica scoppiata attorno alle 3 mila assunzioni (di cui 200 già fatte) annunciate da McDonald’s in Italia. Il condimento eccessivo di una vicenda del tutto positiva è stato, in questo caso, il tono di alcune reazioni sindacali, evidentemente basate sul principio che in tema di lavoro l’iniziativa unilaterale di un’impresa non può essere mai encomiata perché per definizione nasconde un tranello; ma è stato anche l’eco dato alla vicenda, che ha finito per trasformare uno starnuto (la reazione della Cgil) in un tuono.

Poche righe per riepilogare l’accaduto e capire cosa ne resta di serio. McDonald’s ha deciso di aprire in Italia fino a 100 nuovi ristoranti (ne ha già più di 450, con 16 mila dipendenti) assumendo 3 mila nuovi addetti e facendo di questa decisione l’oggetto di una campagna pubblicitaria martellante. Rivendicando, così, anche a beneficio dell’amor proprio dei suoi addetti, il ruolo propulsivo che sta oggettivamente svolgendo, oltre a fare una “operazione simpatia” verso i clienti. Ma la federazione “rossa” dei lavoratori del commercio (Filcams-Cgil), s’arrabbia e puntualizza, piccata, che alla McDonald’s “l’80% dei lavoratori ha un contratto part-time di poche ore settimanali, con il sistematico obbligo di prestare servizio in orario notturno e domenicale o festivo”. Insomma: non sarebbe tutt’oro quel che luccica. E poi, dicono al sindacato, se un’azienda assume lo fa per ricavare utili, e quindi vantarsene è una scelta molto yankee, poco consona allo stile europeo.

La quasi ex ministro Fornero ci mette del suo dicendo che la Cgil è “choosy” (schifiltosa). Il capo della McDonald’s italiana, Roberto Masi, ci resta comprensibilmente male e sottolinea “l’elevato grado di soddisfazione dei dipendenti dell’azienda, che raggiunge livelli dell’80% secondo le misurazioni sul clima aziendale”. Poi inizia la bagarre, dal chiaro sapore pre-elettorale.

La verità è che McDonald’s ha un modello organizzativo immodificabile, che prevede molti part-time, viste le abitudini alimentari dei clienti. Funziona bene perché incrocia le esigenze, o almeno le disponibilità, di decine di migliaia di dipendenti, ovunque nel mondo. Calando quest’organizzazione in Italia, ha trovato entusiastiche reazioni dei ragazzi interessati al fare un “lavoretto”, e nella Filcams-Cgil il solo antagonista rumorosamente riottoso.

Di questi tempi, chi assume andrebbe fatto “santo subito”. Ma Masi, laicamente, è andato oltre ed ha lanciato un’idea molto intelligente: il governo, accanto ai tristemente famosi “tavoli di crisi” dove si discute su come salvare posti di lavoro a rischio, apra dei “tavoli di opportunità” per facilitare la creazione di nuovi posti a chi vuole e può crearli. Per favore, riparliamone, dopo le elezioni…

Social feed




documenti

Test

chi siamo

Società Aperta è un movimento d’opinione, nato dall’iniziativa di un gruppo di cittadini, provenienti da esperienze professionali e politiche differenti, animati dalla comune preoccupazione per il progressivo declino dell’Italia, già dal lontano 2003, quando il declino dell’economia, almeno a noi, già era evidente come realtà acquisita. L’intento iniziale era evitare che il declino diventasse strutturale, trasformandosi in decadenza. Oltre a diverse soluzioni economiche, Società Aperta, fin dalla sua costituzione, è stata convinta che l’unico modo per fermare il declino sarebbe stato cominciare a ragionare, senza pregiudizi e logiche di appartenenza, sulle cause profonde della crisi economica italiana e sulle possibili vie d’uscita. Non soluzioni di destra o di sinistra, ma semplici soluzioni. Invece, il nostro Paese è rimasto politicamente paralizzato su un bipolarismo armato e pregiudizievole, che ha contribuito alla paralisi totale del sistema. Fin dal 2003 aspiravamo il superamento della fallimentare Seconda Repubblica, per approdare alla Terza, le cui regole vanno scritte aggiornando i contenuti della Carta Costituzionale e riformulando un patto sociale che reimmagini, modernizzandola, la costituzione materiale del Paese. Questo quotidiano online nasce come spin-off di Società Aperta, con lo scopo di raccogliere riflessioni, analisi e commenti propedeutici al salto di qualità necessario