ultimora
Public Policy
  • Home » 
  • Archivio » 
  • Napoli, un’inchiesta che puzza

Quando si conosceranno i veri colpevoli?

Napoli, un’inchiesta che puzza

Se le accuse sono fondate lo Stato è occupato da bande. Se non lo sono, c’è chi lo colpisce

di Davide Giacalone - 29 maggio 2008

L’inchiesta napoletana puzza, e non solo perché s’occupa di rifiuti. Emana tanfo di decomposizione statale. Prepotentemente ribadisce che il problema non è trovare un’intesa con la magistratura associata e le sue tentacolari diramazioni, ma dare un senso al termine “giustizia”. Mentre Napoli affoga nella spazzatura e nella camorra, dunque, si mandano in galera i funzionari dello Stato e si contesta loro l’associazione a delinquere. Naturalmente, è possibile che le accuse siano fondate e che non siano l’ingigantimento di qualche intrallazzo minore. In questo caso si chieda scusa ai manifestanti e li si faccia costituire parte civile, assieme alla camorra, evidentemente l’unica entità in grado di garantire l’ordine e mantenere la parola.

Lo vedremo, ma quando? Per esempio: quand’è che sapremo se Bassolino e l’Impregilo sono colpevoli di qualche cosa? Magari c’è anche qualcuno interessato a conoscere chi sono i proprietari dei terreni sui quali le ecoballe venivano impilate, ed a conoscere con quale tempismo straordinario gli uomini della camorra provvedevano ad impadronirsene. Altri, curiosoni, vorranno sapere se si sta contestando un qualche reato ai camorristi, per avere commerciato i rifiuti tossici ed averli versati nelle discariche con un via vai di camion che si poteva non vederli, ma era impossibile non sentirli. Taluni, sofisticati, vorrebbero scandagliare l’intero mondo delle aziende addette a questo miracoloso business della mondezza, magari supponendo qualche legame con amministratori fin qui mai sospettati. Nisba, il convento, pardon, la procura, oggi passa l’arresto degli statali.

Alcuni fatti, però, intensificano l’olezzo. Gli arresti sono stati chiesti all’inizio di gennaio, e, per come la vedo io, dopo cinque mesi la custodia cautelare è già di suo un obbrobrio. L’ordinanza d’arresto è di 643 pagine, dovranno tenerli un mese per consentirgli di leggerla. I gip sono la copisteria delle procure e questi romanzi criminali servono solo a far uscire quel che dovrebbe essere riservato. Cosa? Hanno poca fantasia: le intercettazioni telefoniche che non configurano reati ma sputtanano gli interessati. Morale: se le accuse sono fondate, lo Stato è occupato da bande. Se non lo sono, c’è una banda, alleata della camorra, che lo colpisce. Puzza, di putrefazione.

Pubblicato su Libero di giovedì 29 maggio

Social feed




documenti

Test

chi siamo

Società Aperta è un movimento d’opinione, nato dall’iniziativa di un gruppo di cittadini, provenienti da esperienze professionali e politiche differenti, animati dalla comune preoccupazione per il progressivo declino dell’Italia, già dal lontano 2003, quando il declino dell’economia, almeno a noi, già era evidente come realtà acquisita. L’intento iniziale era evitare che il declino diventasse strutturale, trasformandosi in decadenza. Oltre a diverse soluzioni economiche, Società Aperta, fin dalla sua costituzione, è stata convinta che l’unico modo per fermare il declino sarebbe stato cominciare a ragionare, senza pregiudizi e logiche di appartenenza, sulle cause profonde della crisi economica italiana e sulle possibili vie d’uscita. Non soluzioni di destra o di sinistra, ma semplici soluzioni. Invece, il nostro Paese è rimasto politicamente paralizzato su un bipolarismo armato e pregiudizievole, che ha contribuito alla paralisi totale del sistema. Fin dal 2003 aspiravamo il superamento della fallimentare Seconda Repubblica, per approdare alla Terza, le cui regole vanno scritte aggiornando i contenuti della Carta Costituzionale e riformulando un patto sociale che reimmagini, modernizzandola, la costituzione materiale del Paese. Questo quotidiano online nasce come spin-off di Società Aperta, con lo scopo di raccogliere riflessioni, analisi e commenti propedeutici al salto di qualità necessario