ultimora
Public Policy

I “bisticci” fra governo e Confindustria

Montezemolo e Padoa-Schioppa

Nessuno dei due ha il potere legittimamente democratico. Pare il trionfo del servilismo

di Davide Giacalone - 20 dicembre 2006

Montezemolo non esclude un futuro impegno politico, Padoa-Schioppa lo rimbrotta accusando lui e Confindustria di comportarsi come un partito politico. E’ un vero peccato che nessuno dei due si sia mai fatto eleggere, non avendo nessuno dei due mai accettato di prendere parte alle elezioni. I giornali ne raccontano lo scontro come se fosse politica, invece ne è il riassunto del fallimento. Montezemolo ha il potere del denaro e quello dei media. Padoa-Schioppa ha il potere che gli deriva dall’essere ministro. Nessuno dei due ha il potere legittimamente democratico, quello dei voti. Il secondo si è massacrato con una pessima legge finanziaria, passerà, come altri presunti tecnici prima di lui. Il primo deve ricordare che il governo del Paese lo si conquista in piazza, non nel salotto degli omertosi.
Fin qui Montezemolo ha utilizzato il potere di cui dispone per farsi gli affari suoi. Lo ha fatto guidando Confindustria verso la vittoria delle sinistre, lo ha fatto lasciando che la campagna fosse svolta dai media che controlla. Gli stessi media che, assieme a tutti gli altri, in un trionfo di servilismo, non hanno saputo dire una sola parola non lecchina sulle sue più recenti operazioni finanziarie. Ha fatto bene, dal suo punto di vista, ma quel modo d’intendere la vita pubblica è l’esatto opposto di quel che serve per fare politica, dove lo scontro d’idee ed interessi è inevitabile e per non soccombere occorre avere la forza di resistere, non l’abilità per svicolare. Padoa-Schioppa, del resto, è già l’incarnazione, ed altri prima di lui, di cosa si possa fare, in politica, senza forza propria: niente, al più i prestafaccia per operazioni che nella vita precedente si erano condannate con parole di fuoco.
Sui dati ha ragione Confindustria, quindi Montezemolo. L’Italia perde competitività e quote di mercato, cresce meno della media europea e non si è minimamente intaccato il debito, nonostante i 1365 commi di tasse. La “fase 2” è una burletta, perché semmai succederà che sia la pressione per la spesa a farsi più forte, così come la necessità di concedersi alla pace sociale, che precede quella dei sensi. Montezemolo non ha mosso un dito per evitarlo, ed ora non può cavarsela citando lo 007 di “mai dire mai”. Facci sapere cosa intendi fare, e non “solo per i tuoi occhi”.

Pubblicato su Libero del 20 dicembre 2006

Social feed




documenti

Test

chi siamo

Società Aperta è un movimento d’opinione, nato dall’iniziativa di un gruppo di cittadini, provenienti da esperienze professionali e politiche differenti, animati dalla comune preoccupazione per il progressivo declino dell’Italia, già dal lontano 2003, quando il declino dell’economia, almeno a noi, già era evidente come realtà acquisita. L’intento iniziale era evitare che il declino diventasse strutturale, trasformandosi in decadenza. Oltre a diverse soluzioni economiche, Società Aperta, fin dalla sua costituzione, è stata convinta che l’unico modo per fermare il declino sarebbe stato cominciare a ragionare, senza pregiudizi e logiche di appartenenza, sulle cause profonde della crisi economica italiana e sulle possibili vie d’uscita. Non soluzioni di destra o di sinistra, ma semplici soluzioni. Invece, il nostro Paese è rimasto politicamente paralizzato su un bipolarismo armato e pregiudizievole, che ha contribuito alla paralisi totale del sistema. Fin dal 2003 aspiravamo il superamento della fallimentare Seconda Repubblica, per approdare alla Terza, le cui regole vanno scritte aggiornando i contenuti della Carta Costituzionale e riformulando un patto sociale che reimmagini, modernizzandola, la costituzione materiale del Paese. Questo quotidiano online nasce come spin-off di Società Aperta, con lo scopo di raccogliere riflessioni, analisi e commenti propedeutici al salto di qualità necessario