ultimora
Public Policy
  • Home » 
  • Archivio » 
  • Monolines, S&P fa retromarcia

L'agenzia di rating non le declasserà

Monolines, S&P fa retromarcia

Le società di riassicurazione dei bond tornano in AAA. Ma la crisi non è passata

di Alessandro D'Amato - 26 febbraio 2008

E la montagna partorì il topolino. Dopo le ripetute minacce di downgrading, Standard & Poor’s ha scelto la via più morbida per intervenire sul rating delle monolines, le compagnie che riassicurano i bond. Le decisioni prese hanno riguardato Financial Assurance, retrocessa ad A-, FGIC, riportata ad A, e Mbia, Ambac e Cifg: queste ultime tre erano le più a rischio, sia per il volume di obbligazioni che per le implicazioni di natura finanziaria che una svalutazione avrebbe portato con sé. Ebbene, tutte e tre le monolines hanno avuto la tripla A – il massimo giudizio possibile – anche se creditwatch e outlook sono passati o rimasti in negativo. E per Mbia il giudizio positivo è arrivato sì in seguito ai 2,6 miliardi di dollari di risorse addizionali che la società è riuscita a reperire, e alla cancellazione del dividendo per rafforzare il patrimonio, ma anche ben sapendo che lo scorso anno tenne nascosta un esposizione pari a 38 miliardi di dollari nelle collateralizated debt obligation (CDO), i famigerati titoli-salsiccia.

Ma la scelta, anche se torna a intaccare la credibilità delle agenzie di rating, è stata accolta bene da Wall Street. Il motivo è semplice: negli ultimi anni le monolines hanno investito in una serie di veicoli di finanza strutturata simili, se non uguali, a quelli di cui garantivano la solvibilità. Un sistema che garantiva sé stesso attraverso sé stesso. E che regge un giro di emissioni che ammonta oggi a duemila miliardi di dollari. Ma soprattutto, un suo ridimensionamento – dovuto alla perdita del rating massimo – porterebbe a cascate anche il downgrading dei titoli assicurati, obbligando le banche che li hanno in portafoglio a dover iscrivere a bilancio la perdita. Gia Citigroup e Merrill Lynch hanno dovuto svalutare per 4 miliardi, e secondo alcuni calcoli un tasso d’insolvenza dell’1,25% porterebbe a perdite di 250 miliardi. Un potenziale ulteriore disastro.

Ecco perché il mercato ha salutato con piacere sia l’intervento di Warren Buffett che la scelta di S&P (diversa da quella della più severa Fitch). Ma l’allarme è tutt’altro che rientrato, e lo testimonia il fatto che già ieri su blog e siti di informazione economica si ironizzava sulla scelta dell’International Securitisation Report di conferire ad Ambac il titolo di Monoline of the Year.

Social feed




documenti

Test

chi siamo

Società Aperta è un movimento d’opinione, nato dall’iniziativa di un gruppo di cittadini, provenienti da esperienze professionali e politiche differenti, animati dalla comune preoccupazione per il progressivo declino dell’Italia, già dal lontano 2003, quando il declino dell’economia, almeno a noi, già era evidente come realtà acquisita. L’intento iniziale era evitare che il declino diventasse strutturale, trasformandosi in decadenza. Oltre a diverse soluzioni economiche, Società Aperta, fin dalla sua costituzione, è stata convinta che l’unico modo per fermare il declino sarebbe stato cominciare a ragionare, senza pregiudizi e logiche di appartenenza, sulle cause profonde della crisi economica italiana e sulle possibili vie d’uscita. Non soluzioni di destra o di sinistra, ma semplici soluzioni. Invece, il nostro Paese è rimasto politicamente paralizzato su un bipolarismo armato e pregiudizievole, che ha contribuito alla paralisi totale del sistema. Fin dal 2003 aspiravamo il superamento della fallimentare Seconda Repubblica, per approdare alla Terza, le cui regole vanno scritte aggiornando i contenuti della Carta Costituzionale e riformulando un patto sociale che reimmagini, modernizzandola, la costituzione materiale del Paese. Questo quotidiano online nasce come spin-off di Società Aperta, con lo scopo di raccogliere riflessioni, analisi e commenti propedeutici al salto di qualità necessario