ultimora
Public Policy
  • Home » 
  • Archivio » 
  • Meridionalismo querulo e piagnone

I cento miliardi sono una presa in giro

Meridionalismo querulo e piagnone

Nel Sud la giustizia non funziona. Dominano il mercato nero e una fiscalità demenziale

di Davide Giacalone - 15 gennaio 2007

I cento miliardi per il Sud sono una presa in giro, ma anche l’occasione per vedere tornare sulla scena il meridionalismo querulo e piagnone (come lo definiva un grande meridionale e meridionalista, Francesco Compagna). Il pezzo forte dei seminaristi casertani, quel che li ha ringalluzziti fra una spigola in crosta ed una partita a biliardo, fra la visita notturna ai tesori della reggia e la perfidia diurna del compiacersi d’essersi fregati a vicenda, il grande annuncio dei cento miliardi è roba in parte vecchia ed in parte falsa. Lo stesso viceministro per il Mezzogiorno (quando aboliranno simili ministeri comincerà il riscatto del Sud) ha dovuto precisare: sono fondi delle precedenti finanziarie, cui si sommano quelli dell’Unione Europea. Ma la miserrima trovata è il meno.

Quello che, da meridionale, più mi fa arrabbiare è che la politica degli stanziamenti risponde ad una logica antropologicamente scorretta, come se i meridionali fossero parenti poveri perché minorati, destinati a restare poveri anche quando li finanzi. Quei soldi saranno buttati, come tanti se ne buttarono, se prima non si farà valere la libertà e la dignità di noi terroni. Il Sud ha bisogno d’essere liberato dalla criminalità con cui stringe alleanze chi al Sud vuol fare affari, cooperative rosse del nord comprese. Per liberarlo non servono predicozzi, serve una giustizia funzionante, che condanni i colpevoli in tempi brevi e li lasci in galera per il dovuto, senza scarcerare i pluriomicidi solo perché, da disonorati quali sono, si prestano ad accusare questo o quel politico avversario. Il Sud ha bisogno d’essere liberato dall’ignoranza, che non è più mancanza di alfabetizzazione ma di eccellenza formativa. Noi abbiamo dei geni, ma li mandiamo in università baronali di rarissima improduttività culturale. Deve essere liberato da un mercato economico e del lavoro che tende a tutelare i garantiti, lasciando i figli del Sud non al precariato, ma alla dipendenza fissa dal mercato nero, spesso criminale. E deve essere liberato da una fiscalità demenziale, senza la quale ci sarebbe un boom di tipo irlandese. L’impresa meridionale c’è, e con il Meridione tutto non ha bisogno della iper regolazione mista a spesa clientelare, ma di più Stato e più mercato, più rispetto delle regole e più libertà.

www.davidegiacalone.it

Pubblicato da Libero del 15 gennaio 2007

Social feed




documenti

Test

chi siamo

Società Aperta è un movimento d’opinione, nato dall’iniziativa di un gruppo di cittadini, provenienti da esperienze professionali e politiche differenti, animati dalla comune preoccupazione per il progressivo declino dell’Italia, già dal lontano 2003, quando il declino dell’economia, almeno a noi, già era evidente come realtà acquisita. L’intento iniziale era evitare che il declino diventasse strutturale, trasformandosi in decadenza. Oltre a diverse soluzioni economiche, Società Aperta, fin dalla sua costituzione, è stata convinta che l’unico modo per fermare il declino sarebbe stato cominciare a ragionare, senza pregiudizi e logiche di appartenenza, sulle cause profonde della crisi economica italiana e sulle possibili vie d’uscita. Non soluzioni di destra o di sinistra, ma semplici soluzioni. Invece, il nostro Paese è rimasto politicamente paralizzato su un bipolarismo armato e pregiudizievole, che ha contribuito alla paralisi totale del sistema. Fin dal 2003 aspiravamo il superamento della fallimentare Seconda Repubblica, per approdare alla Terza, le cui regole vanno scritte aggiornando i contenuti della Carta Costituzionale e riformulando un patto sociale che reimmagini, modernizzandola, la costituzione materiale del Paese. Questo quotidiano online nasce come spin-off di Società Aperta, con lo scopo di raccogliere riflessioni, analisi e commenti propedeutici al salto di qualità necessario