ultimora
Public Policy

Telecomunicazioni di bandiera

Mani italiane

L'italianità di Telecom è inutile, basta la golden share sulla rete.

di Davide Giacalone - 04 settembre 2013

Tenere Telecom Italia in mani italiane è l’ultimo dei problemi. Non è un obiettivo credibile e non è il presupposto di alcun rilancio. Il tema, a questo punto, è come gestire la fine di quello che fu il monopolista e divenne una ricca e competitiva multinazionale italiana. Ricordando tre cose: a. sono le mani dei cittadini italiani, sono quelle aduse al lavoro dei nostri emigranti, che la resero ricca e grande; b. sono le mani delle due proprietà italiane, quella facente capo alla scalata di Roberto Colaninno e quella con a capo Marco Tronchetti Provera, ad averla impoverita e ridotta a un secchio di debiti, mentre la gestione successiva non è riuscita a porre rimedio; c. nelle mani di due italiani si trova la gestione di due multinazionali inglesi: Vodafone, con Vittorio Colao, e British Telecom, con Corrado Sciolla a capo di Bt Global Service, con mandato sull’Europa e l’America latina. Forse, a guardar bene, il mercato aperto ci ha portato più vantaggi (fra i quali rientrano anche quantità, qualità e prezzi dei servizi di cui disponiamo) di quanti ce ne abbia restituiti la difesa di una proprietà che, del resto, non è neanche veramente tricolore. La cosa non sorprende noi, ma dovrebbe porre fine all’alibi meschino dell’italianità.

Pratichiamo spesso una perversione antiquaria: svolgiamo al presente i dibattiti di venti, trenta o cinquanta anni addietro. Ancora oggi si trova chi, in queste contrade, è disposto a sostenere che la proprietà della rete in mani autoctone sia condizione di sicurezza nazionale. Basta sfogliare i giornali, in tutte le lingue di cui si possiede l’uso, per scoprire che trattasi di pia illusione. L’unica forma di sicurezza praticabile consiste nell’avere regole certe e chiare, comprendenti anche l’ipotesi (il cielo non voglia) di chiusura o esclusività della rete per ragioni d’interesse e sicurezza nazionali, nonché di autorità realmente autorevoli, la cui parola sia la prima, ma anche l’ultima. Non oso immaginare cosa succederebbe, nelle condizioni attuali, se un provvedimento di tale drammatica emergenza dovesse fare i conti con un ricorso al Tar. Dovremmo dire al nemico quel che dicevamo da bambini: “fermo il gioco”, che mi si è slacciata la scarpa.

Certo, non si devono svendere i gioielli. Purtroppo già lo fece il governo Ciampi, mentre il governo successivo, D’Alema, consentì di violare le poche regole messe a presidio del regalo. Oggi quale sarebbe il gioiello, Tim Brasil? L’ingresso nel mercato brasiliano, a cura di gestioni che furono poi vilipese, ma che dimostrarono una visione strategica poi sconosciuta, s’è dimostrato un ottimo affare. Nulla a che vedere con altri acquisti successivi, modello Cuba, per tacere della Serbia. Ma quelle presenze hanno un senso non se i profitti servono a coprire le perdite in casa, ma se assecondano un disegno industriale ed espansivo. Voi li vedete? A me sfuggono. Quella roba, oggi, torna utile per provare a sostenere che il valore di Telecom non è inferiore ai debiti. E fine.

L’italianità che preme sul serio non è quella di Telecom, controllata da una società, la Telco, il cui primo socio è la spagnola Telefonica, ma quella delle banche che hanno finanziato non solo Telecom, ma gli stessi spagnoli che ne acquistarono il controllo sindacato. A garanzia di quei quattrini ci sono pacchetti azionari che valgono una frazione minima del debito. E siccome sono le banche e le compagnie finanziarie (Generali, Intesa Sanpaolo e Mediobanca) a controllare i giornali, ecco che si spiega il protrarsi del dibattito sul nulla. Quello vero, non discusso pubblicamente, consiste in: chi restituisce soldi senza i quali quegli istituti vacillano? Il che ha certamente un riflesso generale e collettivo, ma da mettere in secondo piano rispetto alla necessità del sistema produttivo, delle famiglie e dei giovani di potere disporre di reti e servizi che non li svantaggino. Questa è la bussola, il resto è solo melina per posporre l’ora dei conti.

Microsoft ha comprato Nokia per far concorrenza ad Apple, Samsung e Google (che ha comprato Motorola). Quelli non sono telefoni, ma strumenti di controllo del cliente e chioschi per la vendita di servizi. La sfida, nel mondo, è fra chi ha le reti (e non vuol ridursi a fare il facchino) e chi ha i telefoni (e non vuole che si metta becco nella valigia). Pensare di partecipare con una Telecom Italia ridotta a sforacchiato operatore regionale è patetico. Supporre che siano geniali amministratori o furbissimi finanzieri quelli che l’hanno costì condotta non è generoso, ma fantasioso. Piangono sia il cuore che il portafoglio, ma per avere telecomunicazioni in mani italiane, come ricordavo all’inizio, meglio scegliere gli italiani capaci che la difesa dell’indifendibile.

Social feed




documenti

Test

chi siamo

Società Aperta è un movimento d’opinione, nato dall’iniziativa di un gruppo di cittadini, provenienti da esperienze professionali e politiche differenti, animati dalla comune preoccupazione per il progressivo declino dell’Italia, già dal lontano 2003, quando il declino dell’economia, almeno a noi, già era evidente come realtà acquisita. L’intento iniziale era evitare che il declino diventasse strutturale, trasformandosi in decadenza. Oltre a diverse soluzioni economiche, Società Aperta, fin dalla sua costituzione, è stata convinta che l’unico modo per fermare il declino sarebbe stato cominciare a ragionare, senza pregiudizi e logiche di appartenenza, sulle cause profonde della crisi economica italiana e sulle possibili vie d’uscita. Non soluzioni di destra o di sinistra, ma semplici soluzioni. Invece, il nostro Paese è rimasto politicamente paralizzato su un bipolarismo armato e pregiudizievole, che ha contribuito alla paralisi totale del sistema. Fin dal 2003 aspiravamo il superamento della fallimentare Seconda Repubblica, per approdare alla Terza, le cui regole vanno scritte aggiornando i contenuti della Carta Costituzionale e riformulando un patto sociale che reimmagini, modernizzandola, la costituzione materiale del Paese. Questo quotidiano online nasce come spin-off di Società Aperta, con lo scopo di raccogliere riflessioni, analisi e commenti propedeutici al salto di qualità necessario