ultimora
Public Policy
  • Home » 
  • Archivio » 
  • Magistratura: rotazione e confusione

Cultura giustizialista e code di paglia

Magistratura: rotazione e confusione

Abbiamo bisogno di procure altamente professionalizzate

di Davide Giacalone - 21 gennaio 2009

C’è una parte della sinistra che s’è specializzata nel sostenere cose indicibili, che suppone siano nella mente di certa destra. Se c’è una cosa di cui nessuno, tranne i delinquenti, sente il bisogno è di fermare la giustizia o tagliare le unghie ai magistrati. Semmai, da molti anni, s’avverte l’urgenza di farla funzionare e renderli responsabili. Ad impedirlo ci sono le incrostazioni corporative, la cultura giustizialista e le code di paglia.

Capita che, volendo salvare capra e cavoli, mettendo la toga ad entrambe, si liberi la fantasia e se ne dicano di ogni tipo, irrorando le trovate con l’appiccicosa giulebbe del dialogo fra gente che pensa poco e parla tanto. Prendo in esame due soli punti, fra gli altri trapelati quali contenuti di un congiunto convegno di Italianieuropei e Liberal: magistrati che ruotano ed azione penale indeterminata.

Secondo i pensatoi, le carriere dei magistrati non andrebbero separate, com’è in tutto il mondo civile, ma ciascuno deve ruotare, cambiando funzione ogni tanto. Una via di mezzo fra la cretinata allo stato puro e l’imitazione di un doroteismo per minorati. Abbiamo bisogno di procure altamente professionalizzate, e non si può pensare di affidare per tre anni le indagini sul traffico internazionale di droga ad un signore che poi mandiamo a giudicare i pedofili, per mettere al suo posto un collega che si dedicava alle bancarotte bancarie.

Chi dice di queste cose si divide in due categorie: a. i fregoliani, ovvero quelli che nella vita hanno provato tutte le casacche ed idee, talché si sono convinti sia facile alternarle; b. i coerenti, che fecero fuori Falcone dalla procura antimafia, ed ora vorrebbero che nessuno si specializzi nella materia.

Gli stessi sostengono: non aboliamo l’obbligatorietà dell’azione penale, sconosciuta nei sistemi di tipo accusatorio, ma consegniamo al Parlamento, al Csm, al governo o non so a chi altro l’onere di stabilire la graduatoria d’urgenza. Ma se perseguire i reati è comunque obbligatorio, che ci facciamo, con la graduatoria? Significa che taluni indagheranno su reati che nessuno giudicherà, con perdita di tempo e denaro. Salvo poi ruotare.

Proposta: ruotino loro, provino l’ebbrezza di passare qualche anno, anche pochi, a studiare e lavorare, senza il seggio con cui finanziare il vaniloquio.

Pubblicato su Libero di mercoledì 21 gennaio

Social feed




documenti

Test

chi siamo

Società Aperta è un movimento d’opinione, nato dall’iniziativa di un gruppo di cittadini, provenienti da esperienze professionali e politiche differenti, animati dalla comune preoccupazione per il progressivo declino dell’Italia, già dal lontano 2003, quando il declino dell’economia, almeno a noi, già era evidente come realtà acquisita. L’intento iniziale era evitare che il declino diventasse strutturale, trasformandosi in decadenza. Oltre a diverse soluzioni economiche, Società Aperta, fin dalla sua costituzione, è stata convinta che l’unico modo per fermare il declino sarebbe stato cominciare a ragionare, senza pregiudizi e logiche di appartenenza, sulle cause profonde della crisi economica italiana e sulle possibili vie d’uscita. Non soluzioni di destra o di sinistra, ma semplici soluzioni. Invece, il nostro Paese è rimasto politicamente paralizzato su un bipolarismo armato e pregiudizievole, che ha contribuito alla paralisi totale del sistema. Fin dal 2003 aspiravamo il superamento della fallimentare Seconda Repubblica, per approdare alla Terza, le cui regole vanno scritte aggiornando i contenuti della Carta Costituzionale e riformulando un patto sociale che reimmagini, modernizzandola, la costituzione materiale del Paese. Questo quotidiano online nasce come spin-off di Società Aperta, con lo scopo di raccogliere riflessioni, analisi e commenti propedeutici al salto di qualità necessario