ultimora
Public Policy
  • Home » 
  • Archivio » 
  • Ma Giorgio La Malfa è ancora nel PRI?

È un vero "addio" al Governo Berlusconi?

Ma Giorgio La Malfa è ancora nel PRI?

Il Partito Repubblicano, per rimanere vivo, necessita di un forte rinnovamento nella classe dirigente

di Luca Bagatin - 28 settembre 2009

Giorgio La Malfa, parlamentare del Partito Repubblicano Italiano eletto nelle liste del PdL, nonché membro della Direzione nazionale del PRI, qualche giorno fa ha scritto una lettera al Corriere della Sera per esprimere le sue forti perplessità nei confronti del Governo di cui il PRI stesso fa parte.

Le argomentazioni di La Malfa sono corrette ed ineccepibili: dalla critica ad una politica economica poco attenta a porre freno alla spesa pubblica (come i precedenti governi centrosinistri, peraltro); alla mancata riduzione delle imposte; alla mancata abolizione delle Province, sino ad una scarsa politica laica nei rapporti fra Stato e Chiesa.

Giorgio La Malfa ha ragione da vendere a porre i punti cardine del programma del Partito Repubblicano, che inizialmente erano stati condivisi ed approvati anche del PdL nella persona dello stesso Premier Berlusconi. Il problema è che La Malfa fa tutto ciò senza interpellare il partito e totalmente a titolo personale.

Un partito - quello Repubblicano - che ha coerentemente preferito sostenere questa maggioranza che, nel suo piccolo, alcune istanze repubblicane le ha recepite sin da subito (riduzione degli sprechi nella Pubblica Amministrazione e ritorno al nucleare, tanto per fare un esempio).

Stupisce fra l"altro che sia proprio Giorgio La Malfa a dire "addio" al Governo Berlusconi, mentre sino a qualche tempo fa egli stesso era intenzionato ad iscriversi al PdL, uscendo dal glorioso partito che fu di suo padre Ugo.

Il PRI, prossimamente, aprirà il suo Congresso. Un partito nel quale non solo si deciderà la linea, riaffermando i punti cardine Repubblicani: riduzione della spesa pubblica, abbassamento delle imposte, abolizione degli Enti inutili, allungamento dell"età pensionabile e riaffermazione delle libertà civili, ma che molto probabilmente vedrà il ritorno di Luciana Sbarbati e dei Repubblicani Europei in seno al PRI.

Un partito che dunque si ricompatta e che necessita di un forte rinnovamento nella classe dirigente. Un partito che deve rimanere vivo perché le sue istanze liberali - anticipate da Giuseppe Mazzini nell"800 - si sono affermate in tutto l"Occidente democratico.

Un partito che necessita anche di Padri Nobili, ma a patto che questi remino per l"unità e non passino sopra al partito stesso solo perché detengono un nome illustre.

www.lucabagatin.ilcannocchiale.it

Social feed




documenti

Test

chi siamo

Società Aperta è un movimento d’opinione, nato dall’iniziativa di un gruppo di cittadini, provenienti da esperienze professionali e politiche differenti, animati dalla comune preoccupazione per il progressivo declino dell’Italia, già dal lontano 2003, quando il declino dell’economia, almeno a noi, già era evidente come realtà acquisita. L’intento iniziale era evitare che il declino diventasse strutturale, trasformandosi in decadenza. Oltre a diverse soluzioni economiche, Società Aperta, fin dalla sua costituzione, è stata convinta che l’unico modo per fermare il declino sarebbe stato cominciare a ragionare, senza pregiudizi e logiche di appartenenza, sulle cause profonde della crisi economica italiana e sulle possibili vie d’uscita. Non soluzioni di destra o di sinistra, ma semplici soluzioni. Invece, il nostro Paese è rimasto politicamente paralizzato su un bipolarismo armato e pregiudizievole, che ha contribuito alla paralisi totale del sistema. Fin dal 2003 aspiravamo il superamento della fallimentare Seconda Repubblica, per approdare alla Terza, le cui regole vanno scritte aggiornando i contenuti della Carta Costituzionale e riformulando un patto sociale che reimmagini, modernizzandola, la costituzione materiale del Paese. Questo quotidiano online nasce come spin-off di Società Aperta, con lo scopo di raccogliere riflessioni, analisi e commenti propedeutici al salto di qualità necessario