ultimora
Public Policy

Quale futuro per Fini?

Lo scontro c'è, le idee no

Dopo lo scontro di ieri, la carriera politica di Fini è di fronte a una svolta

di Davide Giacalone - 23 aprile 2010

Gianfranco Fini è un professionista della politica, ed è per rispetto a questa sua caratteristica che avevo osservato, prima che altri lo sollecitassero in tal senso, l’incompatibilità fra la presidenza della Camera dei Deputati e il ruolo che ha deciso di svolgere. Non si tratta di un’incompatibilità istituzionale, ma, appunto, politica. Quel ruolo, del resto, non può essere invocato per sottrarsi agli oneri dello scontro con gli avversari e poi ignorato quando si decide d’ingaggiare duello con i compagni di partito. Nel suo discorso di ieri, Fini ha sollevato questioni reali, accompagnandole, però, con affermazioni generiche, quando non del tutto sbagliate.

E’ vero che la nostra crescita economica è più lenta di quella di altri Paesi europei, ed è indubbio che a determinarla concorre la strutturazione della spesa pubblica, largamente improduttiva. Ma è anche vero che fu proprio Alleanza Nazionale, da lui guidata, nella legislatura 2001-2006 a difendere quel tipo di andazzo. Ed è singolare che egli scelga, come argomento polemico nel mentre decide di prendere le distanze dalla Lega, il tema delle pensioni, dimenticando che l’introduzione degli scaloni, colpevolmente cancellati dalla sinistra, porta il nome di Roberto Maroni, allora ministro del lavoro.

Ed è paradossale che fra le riforme costituzionali da farsi voglia anche quella del titolo quinto, dove una sciagurata sinistra introdusse un federalismo sgangherato che minaccia di distruggere lo Stato, dimenticando che quella riforma già si fece, con il voto favorevole della Lega, ma fu poi cancellata da un referendum che andò deserto, anche per colpa di chi non combatté a sua difesa. Come è incredibile che voglia ricordare oggi quanto la scuola sia un interesse nazionale e non regionale, visto che questo (come per i trasporti e l’energia) era uno dei contenuti della ricordata riforma, affossata da quella stessa sinistra con cui oggi considera indispensabile dialogare. Quella cui Fini ha dato voce, insomma, è una politica per smemorati. Senza contare la temeraria puntata sul tema dell’immigrazione. L’attuale legge porta il suo nome, quello di Fini, e non prevede affatto che un immigrato che perda il lavoro divenga per questo clandestino.

Dove lo ha letto? Né quell’evento comporta l’allontanamento dei suoi figli da scuola, che sarebbe mostruoso. Al contrario, invece, pretendere di sanare la clandestinità in caso di presenza dei minori significa incentivare la tratta dei bambini. E in quanto ai medici, che a suo dire diverrebbero spie ove segnalassero dei clandestini, gli faccio osservare che già oggi sono tenuti alla denuncia, ma nei confronti dei cittadini italiani: se mi presento senza documenti, chiamano i carabinieri, se mi ritrovo una coltellata nel fianco, fanno denuncia, anche se ho determinate malattie infettive, sono tenuti alla segnalazione. Lo trova sconvolgente? A me sembra normale.

Aveva buone ragioni, Fini, nel rivendicare la libertà di pensiero e di dissenso, ma non ha saputo dare corpo alla richiesta, o l’ha immiserita su questioni assai mal poste. Ciò non toglie il suo diritto di continuare la battaglia intrapresa, come il diritto del Parlamento di non essere oggetto di una contesa interna ad un partito. Al confronto delle idee si deve andare portando delle idee, che ieri sono mancate. Anzi, ha lasciato l’impressione che le idee si cambino come le cravatte, a seconda del colore dell’abito. Le idee presuppongono coerenza, scarseggiando entrambe, nella politica italiana. Ieri, però, non s’è arricchita. Pubblicato su "Il Tempo"

Social feed




documenti

Test

chi siamo

Società Aperta è un movimento d’opinione, nato dall’iniziativa di un gruppo di cittadini, provenienti da esperienze professionali e politiche differenti, animati dalla comune preoccupazione per il progressivo declino dell’Italia, già dal lontano 2003, quando il declino dell’economia, almeno a noi, già era evidente come realtà acquisita. L’intento iniziale era evitare che il declino diventasse strutturale, trasformandosi in decadenza. Oltre a diverse soluzioni economiche, Società Aperta, fin dalla sua costituzione, è stata convinta che l’unico modo per fermare il declino sarebbe stato cominciare a ragionare, senza pregiudizi e logiche di appartenenza, sulle cause profonde della crisi economica italiana e sulle possibili vie d’uscita. Non soluzioni di destra o di sinistra, ma semplici soluzioni. Invece, il nostro Paese è rimasto politicamente paralizzato su un bipolarismo armato e pregiudizievole, che ha contribuito alla paralisi totale del sistema. Fin dal 2003 aspiravamo il superamento della fallimentare Seconda Repubblica, per approdare alla Terza, le cui regole vanno scritte aggiornando i contenuti della Carta Costituzionale e riformulando un patto sociale che reimmagini, modernizzandola, la costituzione materiale del Paese. Questo quotidiano online nasce come spin-off di Società Aperta, con lo scopo di raccogliere riflessioni, analisi e commenti propedeutici al salto di qualità necessario