ultimora
Public Policy
  • Home » 
  • Archivio » 
  • Le retribuzioni (elevate) dello Stato

Il tetto retributivo ai dipendenti pubblici

Le retribuzioni (elevate) dello Stato

Maggiore efficienza nel servizio al cittadino, non tetti demagogici

di Davide Giacalone - 14 dicembre 2007

La poca chiarezza del linguaggio tradisce la poca trasparenza dei concetti, così come dei processi politici. C’è agitazione, nella maggioranza, per quel che riguarda il tetto retributivo da imporsi ai (pochi) dipendenti pubblici che sono assai ben pagati. Forse a causa della retribuzione elevata qualcuno li chiama manager, e qui comincia la confusione. I manager gestiscono le aziende, non fanno carriera nello Stato. Un manager si definisce “pubblico” quando opera in un’azienda la cui proprietà è pubblica, sia statale che in mano ad enti locali. In questo caso si deve distinguere: se si tratta d’imprese che operano in un mercato concorrenziale si deve privatizzarle, venderle; se operano in monopolio allora c’è poco da essere dei grandi manager per farle guadagnare, quindi non c’è motivo di pagarli troppo.

Diversa è la faccenda che riguarda l’amministrazione statale in senso stretto. In questo caso a rivoltarsi contro il tetto sono stati gli stessi che affiancano i ministri, a cominciare dai capi di gabinetto che sperano sempre di fare il salto verso una qualche autorità od amministrazione che garantisca loro redditi ragguardevoli. Ma non è questa la stortura, perché l’ambizione è sempre la benvenuta, il punto è che quelli che ci riescono guadagnano sproporzionatamente di più di quel che intascano i loro omologhi europei. Insomma, siamo un Paese che paga poco i poliziotti ma strapaga il loro capo. E quando paghiamo profumatamente i membri delle autorità non teniamo conto che a quelli, una volta esaurito l’incarico, si apre il ricco mercato delle consulenze private, dove rivendere, più che lecitamente, quel che hanno imparato. Insomma ragioniamo come uno Stato statico, dove arrivati in cima si ritira il premio e poi si passa a fare i mantenuti in pensione, mentre dovremmo rivoluzionare l’idea di carriera ed ammettere che dall’alto si esce anche per andare a lavorare, mica solo a riposare. Inoltre, serve a poco pagare profumatamente i vertici se poi si appiattiscono i redditi della truppa e si nega ogni premio, economico, al merito ed all’impegno. Potete pagare a milionate un direttore generale, ma la macchina che guida resterà ferma o andrà caracollando se gli addetti ai motori prendono la stessa miseria sia che siano dei geni o dei lavativi. Tutta questa discussione sui “tetti” ha il sapore sgradevole della demagogia, del voler far vedere che si riesce ad essere rigorosi con i pochi (che saranno poi premiati con altri incarichi). Mentre si sente il bisogno di maggiore serietà ed efficienza nel rendere il servizio al cittadino, quindi nel far funzionare la catena operativa dal primo all’ultimo anello.

www.davidegiacalone.it

Social feed




documenti

Test

chi siamo

Società Aperta è un movimento d’opinione, nato dall’iniziativa di un gruppo di cittadini, provenienti da esperienze professionali e politiche differenti, animati dalla comune preoccupazione per il progressivo declino dell’Italia, già dal lontano 2003, quando il declino dell’economia, almeno a noi, già era evidente come realtà acquisita. L’intento iniziale era evitare che il declino diventasse strutturale, trasformandosi in decadenza. Oltre a diverse soluzioni economiche, Società Aperta, fin dalla sua costituzione, è stata convinta che l’unico modo per fermare il declino sarebbe stato cominciare a ragionare, senza pregiudizi e logiche di appartenenza, sulle cause profonde della crisi economica italiana e sulle possibili vie d’uscita. Non soluzioni di destra o di sinistra, ma semplici soluzioni. Invece, il nostro Paese è rimasto politicamente paralizzato su un bipolarismo armato e pregiudizievole, che ha contribuito alla paralisi totale del sistema. Fin dal 2003 aspiravamo il superamento della fallimentare Seconda Repubblica, per approdare alla Terza, le cui regole vanno scritte aggiornando i contenuti della Carta Costituzionale e riformulando un patto sociale che reimmagini, modernizzandola, la costituzione materiale del Paese. Questo quotidiano online nasce come spin-off di Società Aperta, con lo scopo di raccogliere riflessioni, analisi e commenti propedeutici al salto di qualità necessario