ultimora
Public Policy
  • Home » 
  • Archivio » 
  • Le liti da cortile non servono a nulla

Che l’Italia istituzionale mantenga i nervi saldi

Le liti da cortile non servono a nulla

La maggioranza di governo deve riprendere l’iniziativa riformista

di Davide Giacalone - 09 ottobre 2009

L’Italia della gente normale mantiene i nervi a posto, anche se bombardata da una comunicazione che parla di crisi, disastri e dissolvimento istituzionale. Forse anche l’Italia istituzionale farebbe bene a controllare i nervi, parlando con parole nette, univoche, non indirizzate a riempire il vuoto d’idee e di riforme. Lo spettacolo che abbiamo davanti agli occhi, insomma, non è edificante.

Tenere i nervi a posto non significa tacere, prestandosi ad una pericolosa omertà. Denunciai, in occasione delle ultime due designazioni del presidente della Corte Costituzionale, un evidente e scandalosa violazione della Costituzione.

E’ dall’inizio degli anni novanta (non a caso dall’inizio del disfacimento istituzionale) che è invalso l’uso d’eleggere presidente il più anziano per nomina, vale a dire quello che lo farà per meno tempo. In questo modo si sanciscono due principi: a. anche nella più alta Corte si fa carriera per anzianità, come in tutto il resto della scassata ed inefficiente magistratura; b. i presidenti diventano numerosi, e con l’allungarsi della vita media gli ex si moltiplicano, assieme ai costi. Due cattivi esempi, in un colpo solo.

Ora vi faccio entrare in una ristrettissima élite, comprendente i pochissimi che la Costituzione l’hanno letta e non ne cianciano a vanvera. Articolo 135, quinto comma: “La Corte elegge tra i suoi componenti, secondo le norme stabilite dalla legge, il presidente, che rimane in carica per un triennio, ed è rieleggibile …”. Dal che deriva che la Corte Costituzionale si comporta in modo incostituzionale. Fatto di una certa gravità.

Se la politica funzionasse avrebbe sollevato il problema per tempo, non scatenando guerre dopo una sentenza che, nel bene e nel male, oramai è un dato ineludibile. Affinché la politica non si trasformi in una lite da cortile occorre che i protagonisti sappiano prevedere e provvedere. Il caso che ho citato (ed è solo uno) rappresenta un esempio di come e su cosa si sarebbe potuta fare una battaglia a favore del diritto e della Costituzione, mettendo in mora un consesso che ha deragliato. Invece su queste cose si tace, magari pensando che una mano lava l’altra, favorendo la chiusura autoreferenziale, che non è il trionfo dell’autonomia, ma della rozzezza e dell’egoismo. Poi, a che serve strepitare per i risultati?

La maggioranza di governo, qui ed oggi, riprenda l’iniziativa riformista. Le cose giuste da farsi, in tema di giustizia, sono talmente tante che è quasi più difficile sbagliare che indovinare. Si muova avendo in mente i tantissimi italiani che soffrono l’assenza di giustizia, prenda a riferimento non i casi singoli, ma i numeri di uno sfascio che ci espone al pubblico ed internazionale ludibrio. Da quelli tragga forza per battere le resistenze corporative, portando risultati tangibili, accorciando i tempi incivili dei nostri tribunali, portando i colpevoli a scontare le pene. Vedrete che, a quel punto, non sarà difficile dire che, uscendo da una situazione patologica, che si trascina da diciassette anni e che ha radici ancora più vecchie, si può anche cancellare il passato, in cambio di un presente accettabile. La guerra senza riforme, i nervi tesi senza muscoli per cambiare le cose, servono solo a protrarre un’inutile fibrillazione. Con il cuore del Pese oramai assai provato.

Pubblicato da Il Tempo

Social feed




documenti

Test

chi siamo

Società Aperta è un movimento d’opinione, nato dall’iniziativa di un gruppo di cittadini, provenienti da esperienze professionali e politiche differenti, animati dalla comune preoccupazione per il progressivo declino dell’Italia, già dal lontano 2003, quando il declino dell’economia, almeno a noi, già era evidente come realtà acquisita. L’intento iniziale era evitare che il declino diventasse strutturale, trasformandosi in decadenza. Oltre a diverse soluzioni economiche, Società Aperta, fin dalla sua costituzione, è stata convinta che l’unico modo per fermare il declino sarebbe stato cominciare a ragionare, senza pregiudizi e logiche di appartenenza, sulle cause profonde della crisi economica italiana e sulle possibili vie d’uscita. Non soluzioni di destra o di sinistra, ma semplici soluzioni. Invece, il nostro Paese è rimasto politicamente paralizzato su un bipolarismo armato e pregiudizievole, che ha contribuito alla paralisi totale del sistema. Fin dal 2003 aspiravamo il superamento della fallimentare Seconda Repubblica, per approdare alla Terza, le cui regole vanno scritte aggiornando i contenuti della Carta Costituzionale e riformulando un patto sociale che reimmagini, modernizzandola, la costituzione materiale del Paese. Questo quotidiano online nasce come spin-off di Società Aperta, con lo scopo di raccogliere riflessioni, analisi e commenti propedeutici al salto di qualità necessario