ultimora
Public Policy

Televisioni: continua l’odissea italiana

Le gioie dell’ostruzionismo

L’arbitro europeo ha fischiato, ma attenti alle scelte troppe frettolose

di Davide Giacalone - 28 maggio 2008

Più che praticare l’ostruzionismo sull’emendamento governativo che riguarda le televisioni, la sinistra ha subito un’ostruzione dell’anima. La situazione è quella che anch’essi hanno contribuito a creare, in quasi trenta anni di pauperismo catodico, restando prigionieri dei loro slogan, dei loro cineasti finanziati dallo Stato, dei loro giornalisti lottizzati e, ora, del loro alleato giustizialista. Si concedono un supplemento di dolore, con una disciplina che estasierebbe Von Masoch.

La maggioranza, però, non ne approfitti troppo, perché vendere l’emendamento come se fosse un dovere europeo, un recepimento di sagge direttive od un passo avanti, è troppo. E’ circonvenzione d’incapace. Trattasi di pezza. Siamo inadempienti, da anni, circa il piano delle frequenze (a proposito, i sapientoni che ammoniscono e sdottoreggiano sui relativi canoni, hanno dimenticato un particolare: non sono mai state assegnate). Hanno fissato, destra e sinistra, date ridicolmente irrealistiche per il passaggio al digitale, per giunta si è condotta la carretta come se il duopolio analogico dovesse solo fare un salto tecnologico. L’arbitro europeo ha fischiato e noi, ora, rimediamo frettolosamente. A parte ogni altra considerazione, ho due obiezioni da muovere.

La prima: il giochetto non è senza costi, perché rilanciando verso il futuro la non regolazione si penalizza chi, oggi, è tenuto con la forza fuori dal digitale, ovvero le radio. Se quelle vanno alla Corte di Giustizia ci fanno neri, dato che in Europa galoppa un digitale radiofonico che da noi è impedito proprio dallo Stato, dalla sua televisione e da autorità incapaci di garantire anche solo il rispetto della legge. Ci pensino, gli emendatori, prima di rifinire nei guai. La seconda: salvo imprevedibili traumi, la legislatura si chiuderà nel 2013, mentre il definitivo passaggio al digitale dovrebbe avvenire entro il 2012. Quindi è affare di questa maggioranza. Facciamo come in passato, sostenendo l’insostenibile fino all’ultimo momento, salvo poi dire: ohibò, non si poté? Oppure entriamo nel mondo della realtà e stabiliamo per tempo che il digitale non è terrestre o marziano, ma una tecnica che passa per ogni mezzo di trasmissione? Lo dico ora, perché è triste l’idea di vivere nel sempre uguale, con ostruzioni sempre più idiote.

Pubblicato su Libero di mercoledì

Social feed




documenti

Test

chi siamo

Società Aperta è un movimento d’opinione, nato dall’iniziativa di un gruppo di cittadini, provenienti da esperienze professionali e politiche differenti, animati dalla comune preoccupazione per il progressivo declino dell’Italia, già dal lontano 2003, quando il declino dell’economia, almeno a noi, già era evidente come realtà acquisita. L’intento iniziale era evitare che il declino diventasse strutturale, trasformandosi in decadenza. Oltre a diverse soluzioni economiche, Società Aperta, fin dalla sua costituzione, è stata convinta che l’unico modo per fermare il declino sarebbe stato cominciare a ragionare, senza pregiudizi e logiche di appartenenza, sulle cause profonde della crisi economica italiana e sulle possibili vie d’uscita. Non soluzioni di destra o di sinistra, ma semplici soluzioni. Invece, il nostro Paese è rimasto politicamente paralizzato su un bipolarismo armato e pregiudizievole, che ha contribuito alla paralisi totale del sistema. Fin dal 2003 aspiravamo il superamento della fallimentare Seconda Repubblica, per approdare alla Terza, le cui regole vanno scritte aggiornando i contenuti della Carta Costituzionale e riformulando un patto sociale che reimmagini, modernizzandola, la costituzione materiale del Paese. Questo quotidiano online nasce come spin-off di Società Aperta, con lo scopo di raccogliere riflessioni, analisi e commenti propedeutici al salto di qualità necessario