ultimora
Public Policy

Il tormentone protezionista

La vera sfida del made in China

I dazi non risolvono i problemi: parliamo con Pechino di condizioni di lavoro

di Davide Giacalone - 19 maggio 2005

Ed ancora si parla di Cina, di dazi, di necessità di proteggere le nostre imprese tessili. Fortuna che Patrizio Bertelli, amministratore delegato del Gruppo Prada, si espone a dire qualche cosa di ragionevole: il protezionismo non serve; gli imprenditori tessili devono delocalizzare e portare la produzione dove il costo dei fattori produttivi, lavoro compreso, è più basso; la concorrenza cinese si affronta con idee e prodotti nuovi, non sperando di azzoppare il competitore con dei dazi; i falsi sono prodotti in gran parte in Italia, non in Cina. Alla faccia della chiarezza.

Avendo assai meno esperienza specifica di Bertelli, queste sono cose che ripetiamo da tempo. Il protezionismo ha un duplice effetto negativo. Da una parte impedisce ai consumatori di avere merci in quantità abbondante e ad un prezzo inferiore, il che è un danno per i clienti. Dall’altra illude l’imprenditore che si trova su un binario morto di poter continuare a lungo la sua corsa, ottenendo il solo risultato che altre energie, umane e finanziarie, si bruceranno inutilmente (quindi dannosamente).

Poi vi è l’aspetto, non decisivo ma fastidioso, dell’ipocrisia. Perché mai si dovrebbero mettere dei dazi contro i prodotti cinesi, quando, da noi, il commercio dei falsi è libero e tollerato in tutte le piazze, financo fuori dai tribunali e, comunque, nelle vie che circondano il governo ed il Parlamento?

Tutto questo non significa che i prodotti cinesi debbano, sempre e comunque, essere accolti con festose manifestazioni di benvenuto. Sappiamo che alcuni cicli produttivi sono dei veri e propri luoghi di schiavitù, e sappiamo che quella schiavitù non risparmia i bambini. Mettendo i dazi renderemo ancora più inumana la loro condizione, se, invece, diremo chiaro e tondo al governo cinese che proibiremo l’ingresso nel nostro mercato di tutti quei prodotti che si avvantaggiano d’inumanità, avremo lavorato, al tempo stesso, per i diritti umani e per un’economia più sana.

Questa è la sfida che dovremo accettare, con l’orgoglio delle tradizioni liberali del libero occidente: non chiudere i nostri mercati, cercare di trarre profitto dai nuovi che si aprono, essendo capaci di esportare il prezioso valore della libertà e del rispetto. Purtroppo, invece, è capitato di vedere una delegazione di Stato, capitanata dal Presidente della Repubblica, nutrita da molti imprenditori, mettere piede in Cina, far cadere l’embargo relativo alle armi, e mai porre il vero, grande problema che rende la Cina un pericolo. Chi vuol fare il furbo, di solito, finisce che lo fanno fesso.

Social feed




documenti

Test

chi siamo

Società Aperta è un movimento d’opinione, nato dall’iniziativa di un gruppo di cittadini, provenienti da esperienze professionali e politiche differenti, animati dalla comune preoccupazione per il progressivo declino dell’Italia, già dal lontano 2003, quando il declino dell’economia, almeno a noi, già era evidente come realtà acquisita. L’intento iniziale era evitare che il declino diventasse strutturale, trasformandosi in decadenza. Oltre a diverse soluzioni economiche, Società Aperta, fin dalla sua costituzione, è stata convinta che l’unico modo per fermare il declino sarebbe stato cominciare a ragionare, senza pregiudizi e logiche di appartenenza, sulle cause profonde della crisi economica italiana e sulle possibili vie d’uscita. Non soluzioni di destra o di sinistra, ma semplici soluzioni. Invece, il nostro Paese è rimasto politicamente paralizzato su un bipolarismo armato e pregiudizievole, che ha contribuito alla paralisi totale del sistema. Fin dal 2003 aspiravamo il superamento della fallimentare Seconda Repubblica, per approdare alla Terza, le cui regole vanno scritte aggiornando i contenuti della Carta Costituzionale e riformulando un patto sociale che reimmagini, modernizzandola, la costituzione materiale del Paese. Questo quotidiano online nasce come spin-off di Società Aperta, con lo scopo di raccogliere riflessioni, analisi e commenti propedeutici al salto di qualità necessario