ultimora
Public Policy
  • Home » 
  • Archivio » 
  • La Tav spezza le gambe all’Italia (1)

La De Palacio ha già chiesto ragione al governo

La Tav spezza le gambe all’Italia

Solo che oggi a mettersi contro è un drappello di sottosegretari e non gli enti morali

di Davide Giacalone - 23 giugno 2006

Rieccolo, il Treno ad Alta Velocità, che con promettente puntualità ci ricorda come il guasto del sistema istituzionale spezza le gambe all’Italia. Settimane fa avevo invitato a non perdere di vista il tema, giacché sarebbe divenuto rivelatore. Infatti. Questa volta il commissario europeo Loyola De Palacio chiede conto e ragione al governo italiano: volete farla o no, ed in quanto tempo, la linea ferroviaria? Se ne torna a Bruxelles con un bel sacco di fandonie ed ipocrisie.
Riassunto: durante la campagna elettorale Prodi disse che il programma dell’Unione non escludeva la Tav, da completarsi certamente; fatto il governo il sottosegretario Cento affermò che non si sarebbe finita mai. Nel frattempo i presidenti delle regioni Piemonte e Lombardia, espressione di schieramenti opposti, hanno insistito per l’immediata ripresa dei lavori, in questo sostenuti anche dal sindaco di Torino, che è di sinistra ed è anche il più votato d’Italia. Non avevano finito di chiederlo che il cantiere è stato chiuso, nel senso che non muovendosi foglia la ditta appaltatrice ha ritirato le macchine e le ha messe a lavorare altrove. Siccome il tratto piemontese e lombardo è gravemente in ritardo (in realtà è fermo), interrompendo una linea europea, la De Palacio insiste con il governo italiano, che con Prodi e Di Pietro ripete: per noi resta un’opera prioritaria. Avevano ancora la frase a metà che il ministro Ferrero, rifondarolo ufficialmente assiso alla “solidarietà sociale” (tanto non si capisce cosa sia, questo ministero, che il reggente s’occupa d’altro), li brucia dicendo: ma quando mai! La Tav non c’è nel programma dell’Unione, quindi non se ne fa niente. Mentre il verde Pecoraio Scanio, ministro al più pertinente ambiente, si limita a ribadire che non si faranno gallerie, talché la Tav, lungi dall’essere dritta e veloce, debba somigliare ai trenini dei cartoni animati, scalanti le vette. Entro il 4 luglio, dice Prodi, sarà aperto un tavolo. Immagino per fare un picnic dove dovrebbero passare i binari.
Morale: questa volta il problema non sono gli enti locali, ma se il governo fa quel che promette all’Europa si ritrova qualche ministro, un drappello di sottosegretari ed un paio di partiti pronti apertamente a rompere. Non sia mai, piuttosto di tirerà avanti con il traccheggio.

www.davidegiacalone.it

Pubblicato su Libero del 23 giugno 2006

Social feed




documenti

Test

chi siamo

Società Aperta è un movimento d’opinione, nato dall’iniziativa di un gruppo di cittadini, provenienti da esperienze professionali e politiche differenti, animati dalla comune preoccupazione per il progressivo declino dell’Italia, già dal lontano 2003, quando il declino dell’economia, almeno a noi, già era evidente come realtà acquisita. L’intento iniziale era evitare che il declino diventasse strutturale, trasformandosi in decadenza. Oltre a diverse soluzioni economiche, Società Aperta, fin dalla sua costituzione, è stata convinta che l’unico modo per fermare il declino sarebbe stato cominciare a ragionare, senza pregiudizi e logiche di appartenenza, sulle cause profonde della crisi economica italiana e sulle possibili vie d’uscita. Non soluzioni di destra o di sinistra, ma semplici soluzioni. Invece, il nostro Paese è rimasto politicamente paralizzato su un bipolarismo armato e pregiudizievole, che ha contribuito alla paralisi totale del sistema. Fin dal 2003 aspiravamo il superamento della fallimentare Seconda Repubblica, per approdare alla Terza, le cui regole vanno scritte aggiornando i contenuti della Carta Costituzionale e riformulando un patto sociale che reimmagini, modernizzandola, la costituzione materiale del Paese. Questo quotidiano online nasce come spin-off di Società Aperta, con lo scopo di raccogliere riflessioni, analisi e commenti propedeutici al salto di qualità necessario