ultimora
Public Policy

Napolitano, Iervolino, Bassolino e il Polo

La tara meridionale

Mentre la sinistra dà prova del suo fallimento al governo, l'opposizione langue

di Davide Giacalone - 08 gennaio 2008

Nel mentre Napolitano conclude le vacanze capresi, a dir poco inopportune, Bassolino fa sapere che non ha intenzione di dimettersi, di sentirsi in dovere di “continuare la battaglia”. Un potere arrogante sostituisce l’altro, un mondo di clientele emigra da un potente all’altro, il popolino tributa plebisciti a rotazione, il senso civico brucia tanto nel governo della cosa pubblica quanto nella protesta di piazza, la camorra fa affari. C’è di che urlare la rabbia, perché tutto questo sembra confermare la tara genetica della napoletanità, l’inferiorità civile di un popolo e, in definitiva, di grandissima parte del Sud. In questa lettura, ripugnante, vi sono tracce di verità. E’ vero che molti meridionali, quale io sono, si rivolgono all’amministrazione pubblica per un proprio tornaconto, raramente per il bene comune. E’ vero che i politici più zozzi sono visti con maggior favore, perché considerati fra i più efficaci nel garantire la spartizione dei beni collettivi. E’ vero che i salari derivanti dalla spesa pubblica sono considerati un diritto indipendente dal lavoro. Tali malcostumi sono diffusi ovunque, ma al Sud il principio di legalità fa più difetto che altrove. E’ messa in dubbio la sovranità stessa dello Stato, quindi della legge, e gli onesti soccombono. Così si può consentire a Bassolino di affermare, svergognato, di non essere mai venuto meno al dovere, nel mentre la spazzatura avvelena l’aria e la vita civile. Si può consentire all’amministrazione prefettizia di riutilizzare discariche che la legge aveva chiuso. Si può alimentare con denari pubblici la camorra, mettendo sui terreni da questa intermediati la mondezza che non si smaltisce altrove. Si possono consentire proteste di piazza che regolarmente violano diritti collettivi. Il Sud e l’Italia tutta hanno un disperato bisogno di legalità. Il che comporta etica civile e coraggio politico. Non mi spaventa la sinistra della “spazzatura sulla città”, mi terrorizza che l’opposizione non sappia partorie altro che proteste chiassose. I primi andrebbero cacciati via a calci, ma non dai secondi che vogliono prendere il loro posto. Le soluzioni ci sono, a Napoli come nel resto del mondo, ma si deve proporle se si vuole essere migliori dei Bassolino, delle Iervolino e dei Pecoraro Scanio. E ci vuol pure poco.

www.davidegiacalone.it

Pubblicato da Libero di martedì 8 gennaio

Social feed




documenti

Test

chi siamo

Società Aperta è un movimento d’opinione, nato dall’iniziativa di un gruppo di cittadini, provenienti da esperienze professionali e politiche differenti, animati dalla comune preoccupazione per il progressivo declino dell’Italia, già dal lontano 2003, quando il declino dell’economia, almeno a noi, già era evidente come realtà acquisita. L’intento iniziale era evitare che il declino diventasse strutturale, trasformandosi in decadenza. Oltre a diverse soluzioni economiche, Società Aperta, fin dalla sua costituzione, è stata convinta che l’unico modo per fermare il declino sarebbe stato cominciare a ragionare, senza pregiudizi e logiche di appartenenza, sulle cause profonde della crisi economica italiana e sulle possibili vie d’uscita. Non soluzioni di destra o di sinistra, ma semplici soluzioni. Invece, il nostro Paese è rimasto politicamente paralizzato su un bipolarismo armato e pregiudizievole, che ha contribuito alla paralisi totale del sistema. Fin dal 2003 aspiravamo il superamento della fallimentare Seconda Repubblica, per approdare alla Terza, le cui regole vanno scritte aggiornando i contenuti della Carta Costituzionale e riformulando un patto sociale che reimmagini, modernizzandola, la costituzione materiale del Paese. Questo quotidiano online nasce come spin-off di Società Aperta, con lo scopo di raccogliere riflessioni, analisi e commenti propedeutici al salto di qualità necessario