ultimora
Public Policy
  • Home » 
  • Archivio » 
  • La sinistra e il complesso di Prodi

L’immaturità del sistema politico italiano

La sinistra e il complesso di Prodi

Il prodismo da più di undici anni impedisce alla sinistra di emanciparsi politicamente

di Davide Giacalone - 23 febbraio 2007

Il governo Prodi non c’era più già durante la manifestazione di Vicenza, e lo scrivemmo. Il Senato ha solo notificato il fatto. Due capi partito dell’Unione sfilavano contro la politica estera governativa e la maggioranza si era squagliata su un tema decisivo, anche se loro hanno creduto che l’ipocrisia doppiogiochista potesse essere dottrina universale. Adesso: a. possono rimpastare quanto vogliono, ma al Senato continuerà a mancare una maggioranza coerente con i risultati elettorali; b. se si tornasse alle urne il centro sinistra verrebbe polverizzato; c, sui temi specifici dell’Afghanistan e di Vicenza, quindi non sull’insieme della politica estera, il governo non ha la maggioranza ma in Parlamento c’è una maggioranza quasi unanime. La seconda evidenza li induce a fare qualsiasi cosa pur di evitare le elezioni. Già, ma cosa? Se si tengono Prodi e si chiudono nella coalizione non fanno che scavarsi una buca ancor più profonda. Prima o dopo ricascano e si fanno assai male. Ciò, unito al punto c, spinge qualcuno, nel centro destra, a lanciare segnali di disponibilità. Errore, e non per questioni di lealtà o coerenza, che sono bubbole, ma per ragioni politiche. Non può essere utile alcun dialogo se non a partire dalla rottura della coalizione di sinistra, e perché questo avvenga occorre non la tattica furbetta del centro limaccioso ma che sia una parte della sinistra a riconoscere l’evidenza del pareggio elettorale (rileggete il nostro “Perché la sinistra non ha vinto”) ed a trarne le conseguenze, dopo l’arroganza di dieci mesi fa, offrendo quel che le fu offerto: un governo di tregua, per le riforme ed il ritorno al voto. Se non lo fanno, e non credo che abbiano la lucidità ed il coraggio per farlo, il dialogo è inutile palestra, dove anche i volenterosi, dopo un volteggio, si schiantano al suolo. Il prodismo, da undici anni, impedisce alla sinistra di fare i conti con se stessa e di diventare forza seria di governo. E’ l’oppio dei comunisti, convinti che con la sua indifferenza politica e la sua tecnica di potere si possa battere Berlusconi ed occultare la storia (la loro, personale, morale ed economica). La classe dirigente che fu comunista è rimasta prigioniera di se stessa, per assenza di coraggio e cultura. Prodi è il loro secondino. Liberiamoli.

www.davidegiacalone.it

Social feed




documenti

Test

chi siamo

Società Aperta è un movimento d’opinione, nato dall’iniziativa di un gruppo di cittadini, provenienti da esperienze professionali e politiche differenti, animati dalla comune preoccupazione per il progressivo declino dell’Italia, già dal lontano 2003, quando il declino dell’economia, almeno a noi, già era evidente come realtà acquisita. L’intento iniziale era evitare che il declino diventasse strutturale, trasformandosi in decadenza. Oltre a diverse soluzioni economiche, Società Aperta, fin dalla sua costituzione, è stata convinta che l’unico modo per fermare il declino sarebbe stato cominciare a ragionare, senza pregiudizi e logiche di appartenenza, sulle cause profonde della crisi economica italiana e sulle possibili vie d’uscita. Non soluzioni di destra o di sinistra, ma semplici soluzioni. Invece, il nostro Paese è rimasto politicamente paralizzato su un bipolarismo armato e pregiudizievole, che ha contribuito alla paralisi totale del sistema. Fin dal 2003 aspiravamo il superamento della fallimentare Seconda Repubblica, per approdare alla Terza, le cui regole vanno scritte aggiornando i contenuti della Carta Costituzionale e riformulando un patto sociale che reimmagini, modernizzandola, la costituzione materiale del Paese. Questo quotidiano online nasce come spin-off di Società Aperta, con lo scopo di raccogliere riflessioni, analisi e commenti propedeutici al salto di qualità necessario