ultimora
Public Policy
  • Home » 
  • Archivio » 
  • La sconfitta era comunque nell'aria

La potenza della democrazia Usa resiste

La sconfitta era comunque nell'aria

E adesso ci si chiede quale rotta prenderà Washington dopo l'era Bush

di Antonio Gesualdi - 08 novembre 2006

Gli statunitensi sono un grande popolo sempre dibattuto tra l"isolazionismo e l"interventismo.
Bush è stato eletto la prima volta sulla promessa isolazionista e oggi si ritrova interventista. Su questo, a menti un po" più fredde, è stato battuto. Ed egli ha ammesso subito la sconfitta politica.
Ancora una volta gli americani rischiano di perdere una guerra eppure questo non sembra fiaccare l"indole democratica. Anzi, grazie alla democrazia sarà risolta anche la guerra con l"Iraq: i democratici che avranno la maggioranza alla Camera cominceranno a non finanziarla più. E" stato così anche con il Vietnam.
Ma questo risultato elettorale, che non è poi così sorprendente come, sia i commentatori statunitensi che italiani, vogliono fare apparire ci dice anche molto di più sul futuro a breve degli Stati Uniti. I democratici hanno vinto nelle loro roccaforti dell"est; dal Massachussetts al Maryland, i repubblicani hanno tenuto dal Texas al Nevada. I repubblicani hanno perso 6 governatori, ma soprattutto i democratici li hanno guadagnati in Arkansas e a New York; le "patrie" di origine e di adozione della famiglia Clinton.
In questa grande democrazia sta accadendo un processo di polarizzazione famigliare ed ereditaria della politica, quasi monarchica: la famiglia Bush da una parte e la famiglia Clinton dall"altra.
La signora Clinton, infatti, ha vinto con il 70% riconfermandosi senatore di New York. Al pubblico si è presentata col marito - ex Presidente degli Stati Uniti - applaudente, alle spalle. Probabilmente nei prossimi giorni andranno anche in Arkansas a festeggiare.
I Bush, probabilmente, faranno una pausa di riflessione in Texas.
Questo voto ci dice che gli statunitensi sono pronti per un Presidente donna e anche di colore. L"affermazione della ex first lady Clinton e della possibile prima donna speaker della Camera, Nancy Pelosi, significano che il processo è maturo. Come in tutto il mondo ogni Paese crea nuove mentalità in tempi lunghi e attraverso percorsi definiti. Lo sdoganamento avviene di solito attraverso le istituzioni che controllano e gestiscono i rapporti internazionali. Negli Stati Uniti il Segretario di Stato, negli ultimi decenni, è stato già affidato ad una donna: prima Madeleine Albraight e ora Condoleeza Rice. Non solo gli americani, dunque, ma tutto il Mondo ha, anche inconsciamente, assorbito l"idea che a guidare gli Stati Uniti potrà esserci benissimo una donna. Se le cose andranno come già oggi si vede a breve gli americani avranno una donna speaker alla Camera, una donna ministro degli esteri e una donna della famiglia Clinton, chiaramente, candidato Presidente .
L"unico dilemma da sciogliere è se anche la famiglia Bush ha una donna da candidare. Potrà essere Condoleeza Rice? Io penso di sì perché sia Colin Powell che la stessa Rice hanno anche contribuito a sdoganare la candidabilità alla presidenza di cittadini di colore.
Il pendolo - culturalmente prima che politicamente - ha già ripreso a oscillare verso l"isolazionismo.

Social feed




documenti

Test

chi siamo

Società Aperta è un movimento d’opinione, nato dall’iniziativa di un gruppo di cittadini, provenienti da esperienze professionali e politiche differenti, animati dalla comune preoccupazione per il progressivo declino dell’Italia, già dal lontano 2003, quando il declino dell’economia, almeno a noi, già era evidente come realtà acquisita. L’intento iniziale era evitare che il declino diventasse strutturale, trasformandosi in decadenza. Oltre a diverse soluzioni economiche, Società Aperta, fin dalla sua costituzione, è stata convinta che l’unico modo per fermare il declino sarebbe stato cominciare a ragionare, senza pregiudizi e logiche di appartenenza, sulle cause profonde della crisi economica italiana e sulle possibili vie d’uscita. Non soluzioni di destra o di sinistra, ma semplici soluzioni. Invece, il nostro Paese è rimasto politicamente paralizzato su un bipolarismo armato e pregiudizievole, che ha contribuito alla paralisi totale del sistema. Fin dal 2003 aspiravamo il superamento della fallimentare Seconda Repubblica, per approdare alla Terza, le cui regole vanno scritte aggiornando i contenuti della Carta Costituzionale e riformulando un patto sociale che reimmagini, modernizzandola, la costituzione materiale del Paese. Questo quotidiano online nasce come spin-off di Società Aperta, con lo scopo di raccogliere riflessioni, analisi e commenti propedeutici al salto di qualità necessario