ultimora
Public Policy

Le incognite dietro il duo Mediaset-Colaninno

La politica che serve a Telecom

Berlusconi salvatore dell’italianità ma subito fuori dalla politica? Roba da statisti

di Enrico Cisnetto - 20 aprile 2007

Se dietro l’abbinata Mediaset-Colaninno per Telecom ci fosse un qualche disegno di ricomposizione del logorato establishment economico-finanziario italiano – motivo non secondario, tra i tanti, del declino nazionale – l’operazione meriterebbe il massimo di attenzione e favore. Ma così non è, per almeno tre buone ragioni. La prima riguarda le divisioni profonde che attraversano il mondo bancario, di cui abbiamo già parlato diffusamente venerdì scorso.

In sostanza, in un sistema bancocentrico come il nostro, la ricomposizione (ma forse sarebbe meglio dire la rinascita) di un establishment – da non confondersi con i “salotti buoni”, che sono la versione italiota di uno strumento indispensabile di governo del capitalismo, di cui non a caso tutti i grandi paesi, Stati Uniti in testa, sono dotati – passa necessariamente attraverso la saldatura degli interessi dei detentori del denaro. Cosa che proprio la vicenda Telecom mostra non esserci in Italia, dove riusciamo ad abbinare il minimo della concorrenza di mercato nei confronti dei risparmiatori al massimo del conflitto sistemico da quando è finita la stagione della Mediobanca di Enrico Cuccia – è inutile, caro Romiti, rimpiangere Maranghi, che della dissoluzione della vecchia architettura del capitalismo è stato il maggiore protagonista – e a maggior ora che la principale banca del Paese si comporta come se fosse l’unica.

La seconda ragione per cui il duo Mediaset-Colaninno farebbe pagare un prezzo troppo alto alla “difesa dell’italianità” si chiama leverage buy, ovvero il perverso meccanismo che vede l’indebitamento come strumento di conquista. Diciamoci la verità: se la “razza padana” è stata costretta a cedere Telecom, e se la Pirelli oggi deve fare altrettanto, è (soprattutto) perchè la società di tlc è carica di debiti, la parte non fisiologica dei quali deriva proprio dalla scalata di Colaninno. Ora, che cosa si vorrebbe fare, ripetere la scena, e per di più con gli stessi protagonisti di allora? Perchè è del tutto evidente che la Immsi di Colaninno – impegnata in un’onerosa ristrutturazione della Piaggio e della Rodriguez, oltre che in alcune partite immobiliari – non avrebbe le risorse per un intervento in Olimpia intorno a 3 euro per azione. Mentre nel caso di Mediaset non avrebbe senso un ruolo di socio finanziario (ancorché i soldi li avrebbe), bensì di partner industriale, ma questo significherebbe assumere una partecipazione ben maggiore di una quota di una società che ha il 18% se non, addirittura, immaginare una fusione tra la fabbrica dei contenuti e la padrona della rete. La famiglia (e sottolineo famiglia) Berlusconi ha voglia di rischiare tanti soldi in una partita del genere, o pensa ad una riedizione di quel “nocciolino” che il Cavaliere ha giustamente tanto criticato quando ha avuto l’imprinting di Carlo Azeglio Ciampi?

Infine, la terza ragione che rende fragile l’abbinata Mediaset-Colaninno riguarda la politica. Ma non tanto, o non solo, per via del “conflitto d’interessi”, quanto perchè non ci può essere un riassetto dell’establishment senza che prima non ce ne sia stato uno del sistema politico. E’ fin troppo evidente che in questi anni di bipolarismo all’italiana, gli elementi di conflitto che hanno prevalso su qualsiasi più ragionevole convergenza politica, hanno finito col contagiare i piani alti (si fa per dire) del capitalismo, inducendo i suoi protagonisti – prima di tutto i banchieri, ma non meno anche i gruppi industriali e finanziari – a dividersi in bande ricalcate sui confini della geografia politica: Berlusconi e Tremonti (in parte in proprio) a destra, Prodi e D’Alema (quasi sempre l’un contro l’altro armati) a sinistra.

Ora, è davvero difficile credere che la ricomposizione dell’establishment preceda quella politica, o addirittura che ne sia il campo sperimentale, mentre è più logico pensare che una trasformazione del sistema politico ne possa poi generare un’altra, conseguente, sul terreno degli interessi. Anche perchè la provocazione che in questa rubrica ci eravamo permessi di fare qualche tempo fa – in un periodo non sospetto – è caduta nel vuoto: Berlusconi vuole “salvare” Telecom fermo restando il suo ruolo politico, non quel viceversa che sarebbe stato roba da statisti. E allora, l’unico modo perchè l’aggregazione Mediaset-Colaninno non risulti un “compromesso storico” di bassa lega, ma un primo passo per ridisegnare la mappa di un establishment che punti ad evitare l’estinzione, è quello di premettergli una “grande coalizione” in politica. Altrimenti, qualcuno telefoni all’At&t facendo mea culpa.

Pubblicato su Il Foglio di venerdi 20 aprile

Social feed




documenti

Test

chi siamo

Società Aperta è un movimento d’opinione, nato dall’iniziativa di un gruppo di cittadini, provenienti da esperienze professionali e politiche differenti, animati dalla comune preoccupazione per il progressivo declino dell’Italia, già dal lontano 2003, quando il declino dell’economia, almeno a noi, già era evidente come realtà acquisita. L’intento iniziale era evitare che il declino diventasse strutturale, trasformandosi in decadenza. Oltre a diverse soluzioni economiche, Società Aperta, fin dalla sua costituzione, è stata convinta che l’unico modo per fermare il declino sarebbe stato cominciare a ragionare, senza pregiudizi e logiche di appartenenza, sulle cause profonde della crisi economica italiana e sulle possibili vie d’uscita. Non soluzioni di destra o di sinistra, ma semplici soluzioni. Invece, il nostro Paese è rimasto politicamente paralizzato su un bipolarismo armato e pregiudizievole, che ha contribuito alla paralisi totale del sistema. Fin dal 2003 aspiravamo il superamento della fallimentare Seconda Repubblica, per approdare alla Terza, le cui regole vanno scritte aggiornando i contenuti della Carta Costituzionale e riformulando un patto sociale che reimmagini, modernizzandola, la costituzione materiale del Paese. Questo quotidiano online nasce come spin-off di Società Aperta, con lo scopo di raccogliere riflessioni, analisi e commenti propedeutici al salto di qualità necessario