ultimora
Public Policy

I limiti di un’organizzazione corporativa

La morte del sindacato

Un’Italia sempre più priva di rappresentanza e riferimenti

di Davide Giacalone - 24 settembre 2008

Stiamo assistendo alla morte del sindacato, già oggi capace di rappresentare solo una minoranza dei lavoratori. Non è ai dipendenti che può essere attribuita la responsabilità della decennale agonia d’Alitalia, ma i sindacati, piloti in particolare, stanno facendo l’impossibile per attribuirsene l’esclusiva. Sono accecati, incapaci di ragionare perché concentrati sul loro chiuso mondo di camarille e concorrenze per il potere, non vedono il baratro verso cui corrono, tenendosi l’un l’altro. Non è un bene. Mi sarebbe piaciuto un potere politico capace di piegare le resistenze conservatrici e corporative, di offrire un futuro diverso al mercato ed ai giovani. Ma non è con questo che il sindacato s’è scontrato ed ha perso, è stato piallato dalla pochezza politica di cui è espressione.

Quando il segretario dell’Anpac, Berti, ha tirato fuori il folle argomento dell’insicurezza dei voli, dovuta all’incertezza vissuta dai piloti, esisteva una sola cosa che tutti gli altri, colleghi in testa, avrebbero dovuto dirgli: vattene. Non si tratta di precisare e correggere, ma di togliere di mezzo uno fuori di testa. Quando i sindacati si spaccano, alcuni accettando le condizioni poste dalla cordata che avrebbe dovuto rilevare la parte succosa della società, ed altri opponendovisi, esistono solo due strade: o si va a chiedere l’opinione dei lavoratori, la cui maggioranza non è rappresentata da nessuno di quelli che parlano ed urlano, oppure chi ci sta chiede di andare avanti, contro chi non ci sta. Hanno paura, i sindacati confederali, d’essere scavalcati dagli autonomi? Non s’accorgono che quella paura è già la loro sconfitta, la perdita d’ogni ruolo. Ha paura, Epifani, perché cresce la fronda interna alla Cgil? Quella paura è già la fine della sua leadership.

I sindacati non sanno e non vogliono contrattare veramente il futuro di Alitalia perché sono corresponsabili del passato. Certo, in partecipazione con la politica e con vertici aziendali che dovrebbero vergognarsi e, invece, sono stati premiati e profumatamente pagati. Ora, però, è contro il sindacato che si scarica la rabbia dei cittadini e quella dei lavoratori. E noi, che da anni lo andiamo prevedendo, vediamo i pericoli legati a questa sorte, che si sono meritati. Cresce l’Italia priva di rappresentanza e riferimenti.

Pubblicato su libero di mercoledì 24 settembre

Social feed




documenti

Test

chi siamo

Società Aperta è un movimento d’opinione, nato dall’iniziativa di un gruppo di cittadini, provenienti da esperienze professionali e politiche differenti, animati dalla comune preoccupazione per il progressivo declino dell’Italia, già dal lontano 2003, quando il declino dell’economia, almeno a noi, già era evidente come realtà acquisita. L’intento iniziale era evitare che il declino diventasse strutturale, trasformandosi in decadenza. Oltre a diverse soluzioni economiche, Società Aperta, fin dalla sua costituzione, è stata convinta che l’unico modo per fermare il declino sarebbe stato cominciare a ragionare, senza pregiudizi e logiche di appartenenza, sulle cause profonde della crisi economica italiana e sulle possibili vie d’uscita. Non soluzioni di destra o di sinistra, ma semplici soluzioni. Invece, il nostro Paese è rimasto politicamente paralizzato su un bipolarismo armato e pregiudizievole, che ha contribuito alla paralisi totale del sistema. Fin dal 2003 aspiravamo il superamento della fallimentare Seconda Repubblica, per approdare alla Terza, le cui regole vanno scritte aggiornando i contenuti della Carta Costituzionale e riformulando un patto sociale che reimmagini, modernizzandola, la costituzione materiale del Paese. Questo quotidiano online nasce come spin-off di Società Aperta, con lo scopo di raccogliere riflessioni, analisi e commenti propedeutici al salto di qualità necessario