ultimora
Public Policy

Napolitano e gli anniversari

La memoria mafiosa

Accomunare il ricordo dei morti per terrorismo a quello dei morti per mafia?

di Davide Giacalone - 18 giugno 2007

Accomuniamo, propone Napolitano, il ricordo dei morti per terrorismo a quelli per mafia. Ma sì, accomuniamo anche i morti per droga a quelli per incidenti stradali e buttiamo tutto nel frullatore dell’ipocrisia compassionevole. Il risultato sarà tutto, meno che un omaggio alla memoria. Perché in fatto di mafia la memoria è dolorosa, difficile e poco incline al perdono.

Racconta la sua sofferenza, Napolitano, quando la morte assassina raggiunse Pio La Torre e Giovanni Falcone. Non ne dubito, ci mancherebbe, ma avrebbe dovuto soffrire prima, come facevamo noi. Si doveva soffrire quando La Torre veniva isolato nello stesso Pci, nel mentre i mafiosi si vantavano di far affari con gente vicina a quel partito, meglio in grado d’offrire coperture. Si doveva soffrire quando il pci e magistratura democratica isolarono e silurarono Falcone, impedendogli di continuare la sua partita contro la mafia e consegnandolo debole ai suoi carnefici. E si doveva soffrire, certamente, quando il resto del mondo politico si mostrava esitante e dubbioso, comunque arrendevole dietro una maschera di falso cinismo, favorendo così gli affari mafiosi. E si soffra oggi, nel mentre gli obiettivi umani più esposti sono (giustamente) protetti con misure libanesi, ma per il resto il controllo territoriale dell’ordine pubblico è un optional.

La mafia è un misto di riconoscimento etnico ed arricchimenti illeciti. Nella prima versione ci riguarda tutti, noi siculi, e sul tema potrei tener lezioni. Ma non è né grave né reato. Nella seconda è devastante, non solo perché criminale, ma anche perché pronta a soffocare, talora nel sangue, quel che le sfugge. Per battere un nemico così forte, capace di approfittare del favore ambientale, occorre mostrarsi più forti nel proteggere la propria morale ed i propri uomini. I mafiosi sono dei disonorati, delle mezze seghe sanguinarie. Ma non li batterà uno Stato debole e bugiardo. Se vuol dare un contributo, il presidente Napolitano, non pianti alberelli in patetici giardini, ma aiuti a raccontare perché Falcone era un uomo onorato e retto e perché fu sconfitto dallo Stato prima che ammazzato dalla mafia. Racconti il peso devastante della magistratura politicizzata e le deviazioni che seguirono. La memoria è preziosa, ha forza enorme, purché non sia bugiarda.

Pubblicato da Libero di lunedì 18 giugno

Social feed




documenti

Test

chi siamo

Società Aperta è un movimento d’opinione, nato dall’iniziativa di un gruppo di cittadini, provenienti da esperienze professionali e politiche differenti, animati dalla comune preoccupazione per il progressivo declino dell’Italia, già dal lontano 2003, quando il declino dell’economia, almeno a noi, già era evidente come realtà acquisita. L’intento iniziale era evitare che il declino diventasse strutturale, trasformandosi in decadenza. Oltre a diverse soluzioni economiche, Società Aperta, fin dalla sua costituzione, è stata convinta che l’unico modo per fermare il declino sarebbe stato cominciare a ragionare, senza pregiudizi e logiche di appartenenza, sulle cause profonde della crisi economica italiana e sulle possibili vie d’uscita. Non soluzioni di destra o di sinistra, ma semplici soluzioni. Invece, il nostro Paese è rimasto politicamente paralizzato su un bipolarismo armato e pregiudizievole, che ha contribuito alla paralisi totale del sistema. Fin dal 2003 aspiravamo il superamento della fallimentare Seconda Repubblica, per approdare alla Terza, le cui regole vanno scritte aggiornando i contenuti della Carta Costituzionale e riformulando un patto sociale che reimmagini, modernizzandola, la costituzione materiale del Paese. Questo quotidiano online nasce come spin-off di Società Aperta, con lo scopo di raccogliere riflessioni, analisi e commenti propedeutici al salto di qualità necessario