ultimora
Public Policy

Controstoria della crisi Telecom Italia

La lezione di Vito Gamberale

Ha ragione il manager: un conto è dettare regole e indirizzi, altro è il piano Rovati

di Davide Giacalone - 21 maggio 2007

Quel che Vito Gamberale ha detto, nella sua lezione universitaria, ve lo ha perfettamente raccontato, Fausto Carioti. Torno su tre (fra i tanti) temi. Il primo: se a pagare gli spioni fossero stati gli amministratori Telecom di un tempo, sarebbero tutti in galera. Verissimo, ed anche giusto (dopo un processo). Gamberale ha aggiunto che l’arrivo di Rossi alla presidenza rese “esterna a Telecom” l’inchiesta. Come dire che la giustizia non è cieca, e se lo è si fa guidare. Molti non se ne stupiranno, ma la cosa ancora m’indigna.

Un governo serio, secondo tema, s’interessa delle vicende industriali che riguardano le telecomunicazioni. Propugnare l’estraneità dei governanti significa reclamare una sciocchezza. Giusto anche questo, e se Gamberale sente il bisogno di ricordarlo è perché da noi tutte le discussioni diventano oziosamente ideologiche e chi ieri credeva che l’unica economia buona fosse quella di Stato oggi inclina a recitar la parte di chi glorifica gli ingloriosi comportamenti dei privati.

Va detto, però, che una cosa è far politica industriale, altra l’entrare in partite di potere economico. Una cosa è dettare regole ed indirizzi, altra il concepire un piano alla Rovati. E se è vero che non c’è motivo al mondo per demonizzare l’impresa pubblica è anche vero che dopo avere privatizzato male, massacrando un’azienda, non è un buon rimedio il ricomprarla.

Terzo tema: al capezzale di Telecom (se ancora disponibile) si chiamino banche, fondazioni, fondi, Rai e Mediaset. La sinergia fra televisione generalista e telecomunicazioni è cosa di cui molti parlarono ma mai prese corpo. Anzi, direi che una sana gestione delle reti tlc è concorrente con quel modo di concepire la tv. In ogni caso, la Rai non è solamente statale (quindi preda della lottizzazione), è anche amministrata pessimamente ed incapace di far bene il proprio mestiere. Le cose starebbero in modo diverso se si fosse fatta la società delle reti tv, cui, però, quasi tutti s’opposero. La lezione di Gamberale è stata bella e coraggiosa, ma su questo punto non mi ha convinto perché la Rai è il residuato fossile d’un passato che sarebbe bene superare, non espandere. Si lavori, piuttosto, affinché la rete sia strumento per i fornitori di servizi e contenuti, dando così ossigeno all’Italia che ha voglia d’innovare.

Pubblicato su Libero di venerdì 18 maggio 2007

Social feed




documenti

Test

chi siamo

Società Aperta è un movimento d’opinione, nato dall’iniziativa di un gruppo di cittadini, provenienti da esperienze professionali e politiche differenti, animati dalla comune preoccupazione per il progressivo declino dell’Italia, già dal lontano 2003, quando il declino dell’economia, almeno a noi, già era evidente come realtà acquisita. L’intento iniziale era evitare che il declino diventasse strutturale, trasformandosi in decadenza. Oltre a diverse soluzioni economiche, Società Aperta, fin dalla sua costituzione, è stata convinta che l’unico modo per fermare il declino sarebbe stato cominciare a ragionare, senza pregiudizi e logiche di appartenenza, sulle cause profonde della crisi economica italiana e sulle possibili vie d’uscita. Non soluzioni di destra o di sinistra, ma semplici soluzioni. Invece, il nostro Paese è rimasto politicamente paralizzato su un bipolarismo armato e pregiudizievole, che ha contribuito alla paralisi totale del sistema. Fin dal 2003 aspiravamo il superamento della fallimentare Seconda Repubblica, per approdare alla Terza, le cui regole vanno scritte aggiornando i contenuti della Carta Costituzionale e riformulando un patto sociale che reimmagini, modernizzandola, la costituzione materiale del Paese. Questo quotidiano online nasce come spin-off di Società Aperta, con lo scopo di raccogliere riflessioni, analisi e commenti propedeutici al salto di qualità necessario