ultimora
Public Policy

Il Vaticano e le polemiche sul 1 maggio

La laicità che Rivera si sogna

Farsi rappresentare da simile demagogia è quanto di peggio la sinistra possa accettare

di Davide Giacalone - 04 maggio 2007

Quel Rivera che s’è conquistato applausi, conformisti e sciocchi, recitando un copione concordato con gli organizzatori della piazzata (ove c’era di tutto, al posto dei lavoratori) non è un anticlericale e neanche un laico, è un cattolico. Lo dice lui, e vista la macedonia che si ritrova in testa, visto che non ha capito nulla dei due ladri crocefissi, né del suicidio, né delle messe funebri, fossi in Vaticano mi preoccuperei di sapere quale parroco lo ha cresciuto. Io laico lo sono sul serio e più sommessamente suggerisco di non esagerare, di non scambiare la minaccia con la scemenza, e di dedicare qualche ora in meno al calcetto e qualcuna in più al catechismo. E’ più interessante parlare con fedeli informati che con terzini mancati. Quella piazza, però, e le polemiche successive, non sembra consapevole di quale problema la chiesa sia per la sinistra.

Ai funerali di Vanessa, la ragazza uccisa da una rumena, è stato fischiato un incolpevole ed inutile Marrazzo, presidente della regione e uomo della sinistra, ma l’unico che ha avuto il coraggio di parlare di perdono, nel mentre la folla gridava contro gli stranieri, è stato il prete. Lo ha fatto per cristiana fratellanza, naturalmente, e non per ragioni politiche, ma lo ha fatto. Mentre il sinistrume se ne stava silente e con la coda fra le gambe, visto che nelle periferie non fa fico parlare d’accoglienza ed integrazione.

E ancora: nel mentre la sinistra governa aumentano i lavoratori (spesso extracomunitari) che muoiono, ma se il cordoglio degli uomini di chiesa parla la lingua della solidarietà comunitaria e del soccorso ai più deboli, quello dei governanti incespica nell’inefficienza dei controlli, nell’opposizione sindacale a far divenire ispettori gli ottomila dipendenti dei non più esistenti uffici di collocamento, e nell’evidenza che la mancata sicurezza s’accompagna al lavoro nero, divenendo un problema per le aziende sane ed in regola. Si citi anche una sola decisione di questo governo che tenti di porre rimedio.

La vera minaccia vaticana, quindi, è che gli uomini in tonaca finiscano con il dire quel che una sinistra senza identità non riesce più neanche a vedere, contentandosi di mandare un irsuto avanzo d’oratorio a far ballare e cantare la massa giovanile dei disoccupati masochisti e sindacatofili.

Pubblicato su Libero di Venerdi 4 maggio

Social feed




documenti

Test

chi siamo

Società Aperta è un movimento d’opinione, nato dall’iniziativa di un gruppo di cittadini, provenienti da esperienze professionali e politiche differenti, animati dalla comune preoccupazione per il progressivo declino dell’Italia, già dal lontano 2003, quando il declino dell’economia, almeno a noi, già era evidente come realtà acquisita. L’intento iniziale era evitare che il declino diventasse strutturale, trasformandosi in decadenza. Oltre a diverse soluzioni economiche, Società Aperta, fin dalla sua costituzione, è stata convinta che l’unico modo per fermare il declino sarebbe stato cominciare a ragionare, senza pregiudizi e logiche di appartenenza, sulle cause profonde della crisi economica italiana e sulle possibili vie d’uscita. Non soluzioni di destra o di sinistra, ma semplici soluzioni. Invece, il nostro Paese è rimasto politicamente paralizzato su un bipolarismo armato e pregiudizievole, che ha contribuito alla paralisi totale del sistema. Fin dal 2003 aspiravamo il superamento della fallimentare Seconda Repubblica, per approdare alla Terza, le cui regole vanno scritte aggiornando i contenuti della Carta Costituzionale e riformulando un patto sociale che reimmagini, modernizzandola, la costituzione materiale del Paese. Questo quotidiano online nasce come spin-off di Società Aperta, con lo scopo di raccogliere riflessioni, analisi e commenti propedeutici al salto di qualità necessario