ultimora
Public Policy

Una protesta dissennata e inutile

La fine del mondo sindacale

Quando lo sciopero diventa un collettivo sequestro di persone

di Davide Giacalone - 11 novembre 2008

Al sindacato sfugge un dettaglio: a forza di promuovere scioperi inutili o illegali si alimenta una conflittualità insulsa, che finirà con il distruggere il sindacato stesso. Molti sindacalisti se lo meritano, ma un buon sindacato è e resta un elemento importante del mercato. A patto, però, di rappresentare gli interessi dei lavoratori, non la cogestione spartitoria.

Gli scioperi dei trasporti sono un collettivo sequestro di persone, al termine del quale i più non ne conoscono la ragione. I dirigenti delle municipalizzate continuano a spostarsi con le auto di servizio, le loro aziende continuano ad essere mostri misti, formalmente private ma con il sindaco che decide chi le dirige, gli sprechi sono ripianati dai contribuenti, ed invece che reclamare la fine di questo deforme incrocio d’interessi ed omertà, il sindacato lascia a terra lavoratori e cittadini reclamando un rinnovo contrattuale di cui le vittime non sanno nulla. Una tattica così stupida da non riuscire a nascondere la realtà retrostante: cattiva politica e cattivo sindacalismo scelgono cattivi manager per evitare di fare le riforme e mantenere in piedi la greppia, talché lo sciopero è solo un passaggio della sceneggiata.

Ci si mette anche il cattivo giornalismo, che annuncia quattordici giorni di scioperi Alitalia, dimenticando di mettere in luce che: a. lo sciopero a testata multipla è proibito dalla legge, pertanto si deve intervenire e proibirlo; b. gli autonomi che lo proclamano rappresentano a stento il 24% dei lavoratori Alitalia, posto che il 34 non è iscritto a nessun sindacato; c. fra quegli autonomi ci sono doppioni di sigle che rappresentano le medesime categorie (due sindacati piloti, due assistenti di volo), salvo rivendicare differenze sconosciute a tutti.

La ragione per cui questi gruppi alimentano la protesta, all’evidenza dissennata, risiede nella volontà di sottrarre potere e rappresentanza a Cgil, Cisl ed Uil, che hanno firmato l’accordo con Cai e sono corresponsabili della malagestione pregressa. Gli italiani, pertanto, sono ostaggi di uno scontro di potere all’interno di un mondo sindacale che rappresenta ogni giorno di meno gli interessi dei lavoratori, per tacere di quelli dei giovani disoccupati. La maggioranza degli scritti sono pensionati, che ci vadano anche i dirigenti.

Pubblicato su Libero di martedì 11 novembre

Social feed




documenti

Test

chi siamo

Società Aperta è un movimento d’opinione, nato dall’iniziativa di un gruppo di cittadini, provenienti da esperienze professionali e politiche differenti, animati dalla comune preoccupazione per il progressivo declino dell’Italia, già dal lontano 2003, quando il declino dell’economia, almeno a noi, già era evidente come realtà acquisita. L’intento iniziale era evitare che il declino diventasse strutturale, trasformandosi in decadenza. Oltre a diverse soluzioni economiche, Società Aperta, fin dalla sua costituzione, è stata convinta che l’unico modo per fermare il declino sarebbe stato cominciare a ragionare, senza pregiudizi e logiche di appartenenza, sulle cause profonde della crisi economica italiana e sulle possibili vie d’uscita. Non soluzioni di destra o di sinistra, ma semplici soluzioni. Invece, il nostro Paese è rimasto politicamente paralizzato su un bipolarismo armato e pregiudizievole, che ha contribuito alla paralisi totale del sistema. Fin dal 2003 aspiravamo il superamento della fallimentare Seconda Repubblica, per approdare alla Terza, le cui regole vanno scritte aggiornando i contenuti della Carta Costituzionale e riformulando un patto sociale che reimmagini, modernizzandola, la costituzione materiale del Paese. Questo quotidiano online nasce come spin-off di Società Aperta, con lo scopo di raccogliere riflessioni, analisi e commenti propedeutici al salto di qualità necessario