ultimora
Public Policy
  • Home » 
  • Archivio » 
  • La filosofia conservatrice della Gigl

Lavoratori, il peggio deve ancora arrivare…

La filosofia conservatrice della Gigl

C’è un mondo che è disposto a tutto, pur di conservare se stesso, e il sindacato ne fa parte

di Davide Giacalone - 16 novembre 2009

Portando i manifestanti a sfilare per le vie di Roma, la Cgil aveva uno scopo preciso: dimostrare la propria distanza dagli altri sindacati, indicarli come immobili, sollecitarli allo sciopero generale. Questo era l’obiettivo. Per il resto, domina il vuoto assoluto. Anzi, peggio: domina l’incapacità di capire il futuro prossimo e regolarsi di conseguenza.

Guglielmo Epifani, capo di quel sindacato e rappresentante di una sinistra che ha ritrovato il partito di riferimento (maliziosa e furba, in tal senso, la presenza di Antonio Di Pietro in piazza), ha detto che, per i lavoratori, il peggio deve ancora arrivare. Noi lo ripetiamo da mesi, quando loro strillavano alla crisi ed al baratro, come se ci fossimo già dentro. Solo che noi lamentavamo (e lamentiamo) che il tempo sia passato, che l’occasione della crisi sia scorsa, senza che si sia messo mano alle necessarie riforme del mercato del lavoro e delle pensioni. Epifani, invece, vorrebbe più soldi pubblici per conservare il mondo com’era, con quello stesso mercato, con quelle stesse pensioni, con quelle stesse rigidità, con le protezioni per i garantiti.

Il sindacato, insomma, da una parte è sempre meno rappresentativo dei lavoratori (solo una piccola minoranza è iscritta e la maggioranza degli iscritti è composta da pensionati), dall’altra è sempre più conservatore.
Non è che non abbia ricette per uscire dalla crisi, è che rappresenta una delle cause della crisi. Più crisi, pertanto, corrisponde a più protezioni da chiedere. Quasi quasi è un affare. Paradossale e significativa, in questo quadro, la presenza di giovani studenti alla manifestazione.

Intendiamoci, sono, anche loro, espressione di una politicizzazione che si nutre di schieramenti e trascura le idee e i programmi, ma fa tenerezza vederli sfilare appresso alle forze che stanno scaricando su di loro il peso insostenibile delle pensioni, del debito pubblico e dell’unica elasticità praticabile nel mondo del lavoro, quella verso i precari.

E fa rabbia sentirli ripetere una corbelleria cubica, come quella che condiziona il diritto allo studio ai finanziamenti indirizzati all’università pubblica. Ragazzi, smettetela di credervi all’asilo, perché l’università deve essere selettiva e severa, meritocratica al massimo, altrimenti è una presa in giro, ed i presi per le chiappe siete voi. Dovreste andare in piazza, certo, ma per chiedere che cessino i finanziamenti a pioggia che alimentano baronie parentali ed amicali, dovreste pretendere che i docenti siano i primi ad avere superato una durissima selezione, i primi a sperimentare la meritocrazia. Invece sfilate per la costosa mediocrità, che per voi sarà condanna alla povertà.

Questa mattina i giornali racconteranno la manifestazione, senza spendersi in gran riflessioni. Domani se ne ricorderanno solo i romani che, come al solito, sono finiti ostaggi dei cortei. Nessuno, né a destra né a sinistra, sembra disposto a dire, a muso duro e con onestà, che il modo in cui abbiamo strutturato il mercato del lavoro è ingiusto e si traduce in una gran fregatura per i giovani. Si preferisce blandire o ignorare. C’è un mondo che è disposto a tutto, pur di conservare se stesso, e il sindacato ne fa parte.

Pubblicato da Il Tempo

Social feed




documenti

Test

chi siamo

Società Aperta è un movimento d’opinione, nato dall’iniziativa di un gruppo di cittadini, provenienti da esperienze professionali e politiche differenti, animati dalla comune preoccupazione per il progressivo declino dell’Italia, già dal lontano 2003, quando il declino dell’economia, almeno a noi, già era evidente come realtà acquisita. L’intento iniziale era evitare che il declino diventasse strutturale, trasformandosi in decadenza. Oltre a diverse soluzioni economiche, Società Aperta, fin dalla sua costituzione, è stata convinta che l’unico modo per fermare il declino sarebbe stato cominciare a ragionare, senza pregiudizi e logiche di appartenenza, sulle cause profonde della crisi economica italiana e sulle possibili vie d’uscita. Non soluzioni di destra o di sinistra, ma semplici soluzioni. Invece, il nostro Paese è rimasto politicamente paralizzato su un bipolarismo armato e pregiudizievole, che ha contribuito alla paralisi totale del sistema. Fin dal 2003 aspiravamo il superamento della fallimentare Seconda Repubblica, per approdare alla Terza, le cui regole vanno scritte aggiornando i contenuti della Carta Costituzionale e riformulando un patto sociale che reimmagini, modernizzandola, la costituzione materiale del Paese. Questo quotidiano online nasce come spin-off di Società Aperta, con lo scopo di raccogliere riflessioni, analisi e commenti propedeutici al salto di qualità necessario