ultimora
Public Policy

L’operetta governativa sulle droghe leggere

La droga nuoce al Governo

Sulla legge si alternano Turco, Amato e Chiamparino in un festival della contraddizione

di Davide Giacalone - 09 maggio 2007

Il ministro Livia Turco emanò un decreto con il quale si aumentava considerevolmente la “dose personale” di droga, quella entro la quale il consumatore non è in nessun caso punibile (in realtà non lo è quasi mai). Il Tar provvide a mettere in luce l’irregolarità di quell’atto, il cui contenuto si è poi trasferito in un disegno di legge. Nella stessa sinistra il sindaco di Torino, Sergio Chiamparino, sostiene che è ora di finirla con l’antiproibizionismo preconcetto e che anche i consumatori vanno puniti.

Interviene il ministro degli Interni, Giuliano Amato, e lo contraddice ribadendo il no ad ogni forma di proibizionismo che finirebbe, sostiene, con il penalizzare i poveri giovani, vittime innocenti ed inconsapevoli del cattivissimo mercato illegale. Ma parla anche il ministro della sanità, sempre Livia Turco, dicendosi d’accordo con Chiamparino e condividendone “in pieno” l’idea di punire anche i consumatori. Ho riassunto, ma non calcato la mano. Leggendo tutte le dichiarazioni integrali si apprezza l’ancora maggior distanza fra le cose dette da ciascuno, e quelle dette dalla stessa persona in momenti diversi. Il che conferma che la droga nuoce assai alla salute mentale e morale.

In attesa di sapere qual è la linea del governo in materia, ricordo a tutti che il presidente Prodi nominò Sircana portavoce unico e chiese ai suoi ministri di non rilasciare dichiarazioni personali ed estemporanee. Sircana, però, tace in materia, e capisco l’imbarazzo a smentire due esponenti del maggior partito della coalizione, o, alternativamente, quel ministro dell’interno che ha proposto di punire penalmente anche i cittadini che si fermano ad intrattenere rapporti con le prostitute (comprendendo, immagino, anche travestiti, transessuali, transgender e maschi).

Capisco la prudenza, personale e politica, ma quello che stanno gestendo non è un circolo amicale colmo di personalità puntute e desideri di visibilità, ma il governo della Repubblica. Il che richiederebbe una minore incontinenza verbale ed una fruttuosa consultazione preventiva. E’ certamente un vantaggio il fatto che ciascuno sia pronto a sostenere di tutto ed a cambiare idea senza neanche mettere la freccia, ma almeno telefonatevi, fatevi rammentare cosa avevate detto il giorno prima, aiutateci a non credere che siate dei presuntuosi incompetenti.

www.davidegiacalone.it

Social feed




documenti

Test

chi siamo

Società Aperta è un movimento d’opinione, nato dall’iniziativa di un gruppo di cittadini, provenienti da esperienze professionali e politiche differenti, animati dalla comune preoccupazione per il progressivo declino dell’Italia, già dal lontano 2003, quando il declino dell’economia, almeno a noi, già era evidente come realtà acquisita. L’intento iniziale era evitare che il declino diventasse strutturale, trasformandosi in decadenza. Oltre a diverse soluzioni economiche, Società Aperta, fin dalla sua costituzione, è stata convinta che l’unico modo per fermare il declino sarebbe stato cominciare a ragionare, senza pregiudizi e logiche di appartenenza, sulle cause profonde della crisi economica italiana e sulle possibili vie d’uscita. Non soluzioni di destra o di sinistra, ma semplici soluzioni. Invece, il nostro Paese è rimasto politicamente paralizzato su un bipolarismo armato e pregiudizievole, che ha contribuito alla paralisi totale del sistema. Fin dal 2003 aspiravamo il superamento della fallimentare Seconda Repubblica, per approdare alla Terza, le cui regole vanno scritte aggiornando i contenuti della Carta Costituzionale e riformulando un patto sociale che reimmagini, modernizzandola, la costituzione materiale del Paese. Questo quotidiano online nasce come spin-off di Società Aperta, con lo scopo di raccogliere riflessioni, analisi e commenti propedeutici al salto di qualità necessario