ultimora
Public Policy
  • Home » 
  • Archivio » 
  • La doppia beffa della legge elettorale

Con i plurieletti discrezionalità ai partiti

La doppia beffa della legge elettorale

Pareggio e ingovernabilità frutto della partitocrazia che non ha saputo evolvere

di Paolo Bozzacchi - 27 aprile 2006

Il recordman è Silvio Berlusconi, eletto in 26 circoscrizioni. Seguono Gianfranco Fini (25), Fausto Bertinotti (24), Pier Ferdinando Casini (23). Più staccati Oliviero Diliberto (16), Romano Prodi (15), Alfonso Pecoraio Scanio (13), Antonio Di Pietro (12) e Umberto Bossi (10). Nessuno escluso (o quasi), quindi.
Il sistema elettorale in vigore ha non solo tolto ai cittadini la possibilità di esprimere attraverso il voto preferenze personali, ma anche fatto ai partiti un regalo di valore politico inestimabile: quello di scegliere tra le proprie fila chi spedire in Parlamento, attraverso il semplice escamotage tecnico di candidare i propri leader in più circoscrizioni.
E’ l’ennesima beffa di un sistema proporzionale con premio di maggioranza nazionale per la Camera e regionale al Senato, che ha già abbondantemente dimostrato la propria inefficacia. Ne è frutto il sostanziale pareggio a Palazzo Madama e la risicata maggioranza alla Camera, risultati che non servono a nessuno, soprattutto al Paese, che avrebbe bisogno di una seria iniezione riformatrice, e che invece si ritrova in bilico tra l’ingessatura istituzionale e un “governicchio a tempo”, messo sotto scacco dai partiti che lo compongono ancor prima di indossare le maglie e scendere in campo.
Altro che Prima Repubblica e pentapartito, quindi. Siamo in condizioni ben peggiori, soprattutto perché dotati di ferri spuntati, strumenti come la legge “proporzionista” che non sono arrugginiti. Sono inutili.
Nel silenzio generale, poi, emerge la sordità dei due schieramenti, affatto interessati a creare un dialogo fruttuoso, se non in ottica di Grande Koalition (come sarebbe auspicabile) per lo meno sulle regole comuni del gioco, come appunto il sistema elettorale. Non è fantapolitica l’età media di Prodi, Berlusconi e Andreotti (74,66 anni). E’ la Seconda Repubblica che si è sclerotizzata.

Social feed




documenti

Test

chi siamo

Società Aperta è un movimento d’opinione, nato dall’iniziativa di un gruppo di cittadini, provenienti da esperienze professionali e politiche differenti, animati dalla comune preoccupazione per il progressivo declino dell’Italia, già dal lontano 2003, quando il declino dell’economia, almeno a noi, già era evidente come realtà acquisita. L’intento iniziale era evitare che il declino diventasse strutturale, trasformandosi in decadenza. Oltre a diverse soluzioni economiche, Società Aperta, fin dalla sua costituzione, è stata convinta che l’unico modo per fermare il declino sarebbe stato cominciare a ragionare, senza pregiudizi e logiche di appartenenza, sulle cause profonde della crisi economica italiana e sulle possibili vie d’uscita. Non soluzioni di destra o di sinistra, ma semplici soluzioni. Invece, il nostro Paese è rimasto politicamente paralizzato su un bipolarismo armato e pregiudizievole, che ha contribuito alla paralisi totale del sistema. Fin dal 2003 aspiravamo il superamento della fallimentare Seconda Repubblica, per approdare alla Terza, le cui regole vanno scritte aggiornando i contenuti della Carta Costituzionale e riformulando un patto sociale che reimmagini, modernizzandola, la costituzione materiale del Paese. Questo quotidiano online nasce come spin-off di Società Aperta, con lo scopo di raccogliere riflessioni, analisi e commenti propedeutici al salto di qualità necessario