ultimora
Public Policy
  • Home » 
  • Archivio » 
  • La disgrazia della scuola di Rivoli

Più sicurezza, più giustizia, più soccorso

La disgrazia della scuola di Rivoli

Ad uccidere è stato il caso, ma ciascuno di noi ha delle colpe

di Davide Giacalone - 25 novembre 2008

Allestire delle polemicuzze politiche anche sulla tragedia di Rivoli è disgustoso. Quella è una disgrazia, ma che sta dentro la realtà di un Paese disgraziato, in cui la responsabilità dell’accaduto si spalma su tutti, consentendo a ciascuno di tirarsene fuori. Quel tetto e quel tubo sono una fatalità, ma accaduta nell’ignominia di una legge sulla sicurezza, la 626, che vale per i privati e la si sospende per le scuole, per gli edifici pubblici in generale. La vergogna consiste nel fatto che se si applicassero alle scuole i criteri d’igiene e sicurezza che lo Stato impone ai privati, più della metà chiuderebbe subito. Ma lo Stato non chiede a se stesso quel che pretende dai cittadini.

Il sottosegretario Bertolaso è stato chiarissimo: non è un problema di soldi, quelli ci sono. Non si riesce a spenderli, perché il disfacimento pubblico genera commissioni, burocrazia, divisioni e conflitti fra poteri, per cui gli interventi non si fanno e, per rimediare, si continua a prorogare l’inefficacia della legge. Più che uno scandalo, un segnale di morte civile. Gli interventi urgenti non sono solo quelli edilizi, si deve correre a tenere in piedi l’edificio istituzionale, che sta venendo giù. Con urgenza assoluta si devono standardizzare le procedure, rendere trasparenti i processi decisionali, sapere sempre chi è responsabile di cosa. Non sarebbe di nessuna soddisfazione trovare il colpevole di quel che è successo in quella scuola, ma sapere che gli eventuali colpevoli pagherebbero di persona aiuta ad evitare che le tragedie si ripetano. Rendendo tutti irresponsabili, come lo sono i legislatori che prorogano e gli amministratori che si grattano la pancia, si può solo sperare che i soffitti reggano ed i piloni non si sfarinino.

Così procedendo, però, si rende plastica l’inutilità della politica e la superfluità dell’amministrazione, per cui lo Stato è buono solo quando cede alle corporazioni e paga gli interessi specifici, ed è cattivo quando dovrebbe fare il proprio dovere: sicurezza, giustizia, soccorso. Ad uccidere è stato il caso, ma per la lunga agonia del nostro vivere collettivo ciascuno di noi ha delle colpe. Io non ho visto che sinistra e destra sospendevano il diritto alla sicurezza. Per quanto le parole sembrino inutili, ho la colpa di non averlo denunciato.

Pubblicato su Libero di martedì 25 novembre

Social feed




documenti

Test

chi siamo

Società Aperta è un movimento d’opinione, nato dall’iniziativa di un gruppo di cittadini, provenienti da esperienze professionali e politiche differenti, animati dalla comune preoccupazione per il progressivo declino dell’Italia, già dal lontano 2003, quando il declino dell’economia, almeno a noi, già era evidente come realtà acquisita. L’intento iniziale era evitare che il declino diventasse strutturale, trasformandosi in decadenza. Oltre a diverse soluzioni economiche, Società Aperta, fin dalla sua costituzione, è stata convinta che l’unico modo per fermare il declino sarebbe stato cominciare a ragionare, senza pregiudizi e logiche di appartenenza, sulle cause profonde della crisi economica italiana e sulle possibili vie d’uscita. Non soluzioni di destra o di sinistra, ma semplici soluzioni. Invece, il nostro Paese è rimasto politicamente paralizzato su un bipolarismo armato e pregiudizievole, che ha contribuito alla paralisi totale del sistema. Fin dal 2003 aspiravamo il superamento della fallimentare Seconda Repubblica, per approdare alla Terza, le cui regole vanno scritte aggiornando i contenuti della Carta Costituzionale e riformulando un patto sociale che reimmagini, modernizzandola, la costituzione materiale del Paese. Questo quotidiano online nasce come spin-off di Società Aperta, con lo scopo di raccogliere riflessioni, analisi e commenti propedeutici al salto di qualità necessario