ultimora
Public Policy

“Roma InConTra” presenta Ara Pacis

LA CRISI? PASSERÀ

la seconda puntata Lunedì 15 ottobre 2012 live alle 18,30 all’Auditorium dell’Ara Pacis, Via Di Ripetta, 190 - Roma in tv in seconda serata su 21 emittenti locali e sui canali 511 e 515 di Sky

15 ottobre 2012

La recessione è più grave del previsto e agganciare la ripresa per ora è solo una speranza. Anche perché l"Europa non ha ancora risolto i suoi problemi. E la politica, screditata, fatica a trovare il bandolo della matassa. Insomma, è malattia vera, non ipocondria. Eppure riprendersi il futuro è possibile, basta avere il coraggio di puntare su innovazione e cultura

Corrado Passera, ministro dello Sviluppo economico, delle Infrastrutture e dei Trasporti
Carlo Verdone, attore e regista, autore de “La casa sopra i portici” (Bompiani)
Paolo Bertoluzzo, ad Vodafone Italia e Sud Europa
conduce Enrico Cisnetto, “Roma InConTra”
“Dettoquesto” a cura di Beppe Severgnini, editorialista Corriere della Sera

La stime economiche peggiorano con il passare del tempo. L’Europa non riesce a ritagliarsi un ruolo chiaro e definito. Gli scandali si abbattono quotidianamente sulla politica, screditando ancor di più i partiti, che riscuotono un livello di fiducia pressoché inesistente presso i cittadini italiani. Gli stessi italiani che devono barcamenarsi fra tutte le avversità della crisi economica. Ci sarebbe da piangere. O forse da ridere, per disperazione. E se sia possibile anche solo intravedere la fine di questa negativa congiuntura è l’interrogativo che si pone “Roma InConTra” per questo nuovo appuntamento, ponendo di fronte un ministro “tecnico”, Corrado Passera, chiamato dalla politica per fare quello che si doveva fare, e un attore straordinario quale è Carlo Verdone, che conosce “le malattie” di questo Paese e che sta dando un contributo importante all’industria culturale italiana e che nel dibattito ci aiuterà a tenere alto lo spirito. Insieme a loro, l’amministratore delegato di Vodafone Italia e Sud Europa, Paolo Bertoluzzo, e l’editorialista del Corriere della Sera, Beppe Severgnini, grande conoscitore del carattere italiano ma anche osservatore attento del mondo che ci circonda. Per questa secondo appuntamento con “Ara Pacis” il padrone di casa Enrico Cisnetto condurrà un palco insolito per parlare di ricette per la crisi, anche con un pò di leggerezza, perché è importante non perdere la speranza.

www.arapacis.tv redazione@arapacis.tv

Oltre che sui canali del digitale terrestre come illustrati nella tabella allegata e sui canali 511 e 515 della piattaforma Sky, sarà possibile seguire l’evento in streaming sul web a partire dalle 22.30 ai seguenti indirizzi
romaincontra.it -
affaritaliani.libero.it -
www.terzarepubblica.it

***

“Ara Pacis” è il nuovo format tv più talk, meno show, nato da un’idea di Enrico e Iole Cisnetto e legato alla manifestazione “Roma InConTra”, realizzato in partnership con Publishare. Ogni lunedì dalle 18,30 alle 20 all’Auditorium dell’Ara Pacis di Roma di svolgerà “Roma InConTra”. Evento che, in differita, dalle 22,30 in poi, andrà in onda su 21 televisioni regionali attraverso i loro canali sul digitale terrestre (vedi tabella) e sui canali Sky 511 e 515.

Ara Pacis è anche su Twitter https://twitter.com/InConTraSrl
Facebook https://www.facebook.com/incontra.srl
Youtube canale InConTra srl

Social feed




documenti

Test

chi siamo

Società Aperta è un movimento d’opinione, nato dall’iniziativa di un gruppo di cittadini, provenienti da esperienze professionali e politiche differenti, animati dalla comune preoccupazione per il progressivo declino dell’Italia, già dal lontano 2003, quando il declino dell’economia, almeno a noi, già era evidente come realtà acquisita. L’intento iniziale era evitare che il declino diventasse strutturale, trasformandosi in decadenza. Oltre a diverse soluzioni economiche, Società Aperta, fin dalla sua costituzione, è stata convinta che l’unico modo per fermare il declino sarebbe stato cominciare a ragionare, senza pregiudizi e logiche di appartenenza, sulle cause profonde della crisi economica italiana e sulle possibili vie d’uscita. Non soluzioni di destra o di sinistra, ma semplici soluzioni. Invece, il nostro Paese è rimasto politicamente paralizzato su un bipolarismo armato e pregiudizievole, che ha contribuito alla paralisi totale del sistema. Fin dal 2003 aspiravamo il superamento della fallimentare Seconda Repubblica, per approdare alla Terza, le cui regole vanno scritte aggiornando i contenuti della Carta Costituzionale e riformulando un patto sociale che reimmagini, modernizzandola, la costituzione materiale del Paese. Questo quotidiano online nasce come spin-off di Società Aperta, con lo scopo di raccogliere riflessioni, analisi e commenti propedeutici al salto di qualità necessario