ultimora
Public Policy

Ripristiniamo il funzionamento dei sistemi creditizi

La bad bank? Un'opportunità

Adottiamo tutti i possibili strumenti consentiti dall’ordinamento per fare piena chiarezza

di Angelo De Mattia - 11 febbraio 2009

Non è ingegneria finanziaria. Ha, invece, molto a che vedere con i bilanci delle imprese e delle famiglie. Ieri, la Confindustria ha lanciato un grave allarme: il pil nel 2009 potrebbe calare di oltre il 2,5 per cento. Ma, se non si ripristina il migliore funzionamento dei sistemi creditizi – dove la crisi è scoppiata – non si risolvono neppure i problemi della produzione e del reddito, che hanno bisogno di specifici interventi: separare i titoli tossici dai bilanci delle banche è un’operazione necessaria; ripristina la fiducia, rimette in moto la liquidità, consente di sostenere l’economia reale. Come farlo? I titoli in questione vengono trasferiti in una nuova entità, la cosiddetta bad bank. Ma su chi ricadono i costi dell’operazione? Nel modello sperimentato a suo tempo in Italia – la bad bank del Banco di Napoli - la differenza tra il recupero dei crediti “cattivi” e il loro valore di bilancio fece carico ai conti dello Stato attraverso le agevolazioni accordate dalla Banca d’Italia, secondo una linea constantemente seguita per il risanamento delle banche in serie difficoltà (prima vigeva il c.d. D.M Sindona).

Negli Usa, il tema è stato lungamente discusso, per la difficoltà della valutazione dei titoli tossici e per l’imputazione dei connessi oneri (agli investitori, alla banca, allo Stato, in toto o pro quota?). Da ultimo, ci si orienterebbe verso una scelta diversa, la formazione, con capitali pubblici e privati, di una aggregator bank che dovrebbe investire da 500 a 1000 miliardi di dollari negli istituti in difficoltà. Non è chiaro il rapporto costi-benefici, innanzitutto relativamente alla posizione del contribuente. L’Europa è ancora più indietro.

Condivide la tesi che uno dei principali ostacoli al ritorno della piena fiducia nei sistemi bancari sta nei titoli “cattivi”, ancora presenti nei bilanci delle banche, ma dei quali non si conosce bene l’entità. Poi, però, oscilla nella prospettazione di soluzioni, tra la previsione di garanzie pubbliche per le banche e la costituzione di bad bank. Quanto a quest’ultima, non è chiaro se si tratta di prevederne una o una pluralità per Paese, ovvero una per ogni banca buona. Anche in Italia, dove il Ministro Tremonti sostiene, in generale, la necessità della costituzione di bad bank, non viene affatto precisato chi e come possa promuovere la o le banche cattive e con quali oneri e a carico di chi, con quali ritorni non solo generali, soprattutto con quale ruolo dello Stato. Se, sulla base dei dati dell’Organo di vigilanza, si dovesse ritenere che organismi del genere vadano realizzati anche nel nostro Paese, allora occorrerebbe valutare anche come queste operazioni si inquadrano nella più ampia previsione di aiuti pubblici alle banche (si pensi ai Tremonti bond, per i quali ancora si attende la normativa di attuazione).

Ma la bad bank non può essere l’araba fenice. E’ ora che ne vengano proposti i profili concreti, così da poter effettuare valutazioni comparate. Occorrono indirizzi chiari. Innanzitutto dell’Unione europea, in grave ritardo nel coordinamento degli interventi anticrisi, ma anche nell’elaborazione di proposte e nell’opera di orientamento. Rimedierà il vertice dei Capi di Stato e di Governo di fine mese? Nonostante l’assenza di una single voice europea, anche il G7 di questa fine di settimana potrebbe prendere una qualche decisione. Certo, è curioso aspettarsi un indirizzo globale quando è mancante quello europeo. Ma tant’è.

E l’occasione del vertice è assai propizia. Ma di una cosa c’è assoluto bisogno. Che di bad bank si parli finalmente in termini ragioneristici o, come direbbero i giuristi, iuxta probata et alligata. Non più slogan, non più petizioni di principio. Ma anche in questo caso “partita doppia” – come Tremonti ha suggerito nella più generale analisi della crisi – “dare e avere”. Se non si conosce l’ammontare dei titoli tossici, non resta che adottare tutti i possibili strumenti consentiti dall’ordinamento per fare piena chiarezza. Poi, dati alla mano, si potrà uscire da una deleteria indeterminatezza.

Social feed




documenti

Test

chi siamo

Società Aperta è un movimento d’opinione, nato dall’iniziativa di un gruppo di cittadini, provenienti da esperienze professionali e politiche differenti, animati dalla comune preoccupazione per il progressivo declino dell’Italia, già dal lontano 2003, quando il declino dell’economia, almeno a noi, già era evidente come realtà acquisita. L’intento iniziale era evitare che il declino diventasse strutturale, trasformandosi in decadenza. Oltre a diverse soluzioni economiche, Società Aperta, fin dalla sua costituzione, è stata convinta che l’unico modo per fermare il declino sarebbe stato cominciare a ragionare, senza pregiudizi e logiche di appartenenza, sulle cause profonde della crisi economica italiana e sulle possibili vie d’uscita. Non soluzioni di destra o di sinistra, ma semplici soluzioni. Invece, il nostro Paese è rimasto politicamente paralizzato su un bipolarismo armato e pregiudizievole, che ha contribuito alla paralisi totale del sistema. Fin dal 2003 aspiravamo il superamento della fallimentare Seconda Repubblica, per approdare alla Terza, le cui regole vanno scritte aggiornando i contenuti della Carta Costituzionale e riformulando un patto sociale che reimmagini, modernizzandola, la costituzione materiale del Paese. Questo quotidiano online nasce come spin-off di Società Aperta, con lo scopo di raccogliere riflessioni, analisi e commenti propedeutici al salto di qualità necessario